Home > Keyword : Super Reverb cliccata 110 volte

Suck my Blues, “Rebirth” un album trascinante

Suck my Blues, “Rebirth” un album trascinante
“Rebirth”, rinascita. E’ un termine che indica una trasformazione radicale dell’individuo che può essere trasportato su vari contesti. C’è chi in senso metaforico rinasce dal punto di vista della migliore qualità di vita e c’è chi invece rinasce in senso artistico musicale. Seguendo questa logica, possiamo dire che mai titolo di un prodotto musicale sia stato più azzeccato di “Rebirth”, l’album dei Suck my Blues che è già online su tutte le piattaforme digitali. Rebirth è un inno alla ...

Suck my Blues | Suck my Blues nuovo album | Cafiero | Salvatore Cafiero | Filippo Longo | Tonio Longo | Michele D’Elia | blues | rock | elettronica | rock blues | Rebirth | Super Reverb |


Suck my Blues: successo per la prima tappa del "Live Tour"

Suck my Blues: successo per la prima tappa del
Grande successo per il primo appuntamento del “Live Tour” dei Suck my Blues, tenutosi ieri 14 luglio, a Tricase (LE), presso il Menamè. La band ha presentato al pubblico il nuovo album “Rebirth” dando vita ad uno spettacolo unico, pieno di vita e di energia. Performance virtuosistiche, sound accattivante, l'aura del quartetto incanta! Un appuntamento appassionante, una platea calorosa che la band ha saputo esaltare e commuovere catapultandola nel proprio universo emozionale. Particolarmente toccante il momento dedicato a Jessy Maturo, il cantante dei Super Rev...

Suck my Blues | Suck my Blues nuovo album | Cafiero | Salvatore Cafiero | Filippo Longo | Tonio Longo | Michele D’Elia | blues | rock | elettronica | rock blues | Rebirth | Super Reverb |



 

Pag: [1]

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ultime notizie

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.
Ci sono condizioni esistenziali dolorose che portano a considerare la morte migliore della vita. Se si smarrisce l’aspettativa di ottenere serenità nella propria esistenza, se ne va facilmente l’entusiasmo di viverla, si è abbandonati dalla forza di sperare e si viene raggiunti dall’assenza di timore di fronte alla morte. Una volta che le armi della luce sono state riposte, non resta che lasciarsi (continua)

“Uniti per i Diritti Umani” forma la polizia nel Kurdistan iracheno

“Uniti per i Diritti Umani” forma la polizia nel Kurdistan iracheno
Il Kurdistan è una regione geo-culturale che include parti della Turchia sud-occidentale, dell'Iraq settentrionale, dell'Iran settentrionale e della Siria settentrionale. Nel mezzo del tumulto del Kurdistan iracheno c'è Issa Suffy, un funzionario dell'organizzazione “Alleanza per la pace e i diritti umani” e membro della Missione di assistenza delle Nazioni Unite. Quando (continua)


Scientology informa i cittadini toscani sui pericoli degli stupefacenti

Scientology informa i cittadini toscani sui pericoli degli stupefacenti
Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A par (continua)

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.
Stavo scrivendo un articolo su Simone Weil quando ho saputo dell’incendio avvenuto alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Riguardo al tragico avvenimento ho una premessa dolorosa da fare: le opere umane possono sopravvivere a chi le ha create, possono sopravvivere a generazioni di uomini, possono farsi scudo di fronte all’erosione del tempo, divenire dei simboli identitari e culturali, ma non pos (continua)

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA "INDIE" RIMASTO.

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA
Sono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla pa (continua)