Home > Cibo e Alimentazione > Nuove strade per l'export del Made in Italy: l'esperienza di Auchan

Nuove strade per l'export del Made in Italy: l'esperienza di Auchan

Si rinnova limpegno di Auchan con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali (2012- 2017) per la promozione e la distribuzione dei prodotti tipici locali.
Partito nel 2009, coinvolgendo 11.500 prodotti locali complessivi sulla rete di vendita , di cui 700 IPG/DOC a cui si aggiungono oltre 3.000 etichette di vino (DOC, DOCG, IGT), il progetto ha ampliato gli orizzonti di circa 900 medie-piccole aziende italiane che grazie ad Auchan possono portare i loro prodotti sullintero territorio nazionale, usufruendo anche di una valorizzazione importante e articolata in termini di marketing e sviluppo internazionale nei11 Paesi extraitaliani in cui lazienda è presente, avendo quindi  una prospettiva chiara, lungimirante ed efficace sul piano culturale, sociale ed economico.
Il Programma di esportazione ha raggiunto risultati importanti se consideriamo che nel 2010 il valore dellexport dei prodotti è stato di 800 mila Euro e che a meno di un anno, in particolare a settembre 2011, ha raggiunto i 3 milioni di Euro con un incremento di oltre il 300 per cento sullanno precedente.
Un risultato importante e unico ha dichiarato Fabio Sordi, Direttore acquisti e mercati di Auchan, l'unica azienda italiana che opera in Italia con un ufficio export creato appositamente per sostenere la crescita internazionale delle piccole e medie realtà italiane. "Grazie alla nostra piattaforma export le piccole aziende possono contare su una corsia preferenziale che riduce all'osso la filiera e la distanza tra produttore e consumatore e fa dell'esportazione il motore primo dii tanti piccoli attori italiani che vogliono portare il vero Made in Italy al di fuori dei confini nazionali. Si tratta di una nuova frontiera di collaborazione tra grossa distribuzione e Pmi, che non snatura la storia, la provenienza e la qualità del lavoro svolto dal fornitore, ma anzi la esalta e la fa incontrare dove, altrimenti, sarebbe molto più difficile arrivare".
Una valida misura anticrisi, quindi, in un momento in cui lamministrazione pubblica dispone di pochissime risorse per finanziare i privati, iniziative come quella di Auchan rappresentano una presa in carico e un'assunzione di responsabilità” importante. Per questo motivo durante il 46° Vinitaly, la più importante vetrina internazionale del mondo del vino, il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha deciso di presentare lesperienza Auchan mettendo a disposizione uno spazio presso il proprio stand organizzando  il giorno 26 marzo alle ore 12.00 un Workshop dal titolo Nuove strade per lexport del Made in Italy: lesperienza di Auchan in cui il Ministero e Auchan si  confronteranno su questa esperienza e indicheranno le nuove strade da intraprendere per la promozione del prodotto tipico locale. In questa sede verranno anche presentate due case-history del mondo enologico italiano: la Casa Vinicola Morando & Cantine Racemi e la Cantina Settesoli i cui prodotti sono distribuiti attraverso il canale di Auchan.
La scelta di Vinitaly rientra nella mission di Auchan di valorizzare i patrimoni enogastronomici locali, soprattutto quelli delle piccole aziende, al di fuori dei propri confini naturali. Ciò significa, per gli espositori del Salone, poter incontrare un'ulteriore opportunità trovando, attraverso questo canale distributivo, nuovi spazi commerciali all'estero.
"I vini sono sicuramente tra i migliori ambasciatori dell'italianità del mondo conclude Sordi simbolo antico di quell'arte e cura dei dettagli che punta all'eccellenza e che oggi è universalmente riconosciuto come made in Italy. La piattaforma export di Auchan per quanto riguarda il vino punta a valorizzare 60 etichette, con un progetto che nel 2012 coinvolgerà il mercato della Russia, sempre più affamata di prodotti italiani, e grazie a questo nuovo driver di vino e liquori, vogliamo raddoppiare il risultato del 2011, raggiungendo i 6 milioni di euro di fatturato".
Lesperienza di Auchan ha un doppio valore ha affermato Riccardo Deserti, Capo della Segreteria Tecnica del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Il primo è che dimostra come le catene globali della GDO, spesso viste come controparti-acquirenti per le vendite in Italia, possono essere partner nelle politiche di internazionalizzazione. Il secondo aspetto si lega alla fase attuale di ripensamento delle politiche di governo per linternazionalizzazione e dimostra che il grande interesse globale al Made in Italy agroalimentare può consentirci di individuare strumenti e politiche innovative per laccesso ai mercati.

 

Il sostegno di Auchan alle Pmi rientra in un progetto più ampio Sapori delle Regioni, che da tempo rappresenta concretamente limpegno di Auchan nella valorizzazione della tradizione locale italiana attraverso la proposta di una collezione di prodotti regionali e lindicazione sulla confezione del luogo dorigine, di cenni storici sul fornitore e delle modalità di preparazione per la migliore fruizione da parte del consumatore.
L’insegna Auchan è presente in Italia dal 1989, anno in cui è stato aperto il primo ipermercato a Torino. Oggi Auchan SpA è presente in 12 regioni italiane con 51  ipermercati a gestione diretta e 7 in franchising, impiega oltre 13000 dipendenti.

auchan | vinitaly |



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Al teatro a l'Avogaria di Venezia lo spettacolo Fascisti su Tinder

Al teatro a l'Avogaria di Venezia lo spettacolo Fascisti su Tinder
  Il monologo satirico “Fascisti su Tinder” di Daniele Fabbri, in programma sabato 5 maggio 2018, ore 21.00, chiude il ciclo di stand up comedy al Teatro a l’Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607, Corte Zappa).   Giunta alla quarta stagione, la rassegna a cura di Nicolò Falcone e Maddalena Pugliese ha incontrato i favori del pubblico registra (continua)

TEATRO A L'AVOGARIA: AL VIA LE ISCRIZIONI AI CORSI DI RECITAZIONE DELLO STORICO TEATRO DI VENEZIA

TEATRO A L'AVOGARIA: AL VIA LE ISCRIZIONI AI CORSI DI RECITAZIONE DELLO STORICO TEATRO DI VENEZIA
 Una offerta formativa completa che spazia dalla tradizione all’innovazione. Si muovono su questi due binari i corsi di recitazione del Teatro all´Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1617) cui è possibile iscriversi da oggi.   I workshop si terranno presso lo storico spazio teatrale veneziano nato nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondator (continua)

A Venezia la prima edizione dell'Arab fashion Awards

A Venezia la prima edizione dell'Arab fashion Awards
 Domani, martedì 5 settembre 2017 a Venezia, presso Palazzo Contarini Polignac ( Dorsoduro 874), si terrà, per la prima volta in Italia,  l’Arab Fashion Awards, evento dedicato alla moda araba. L’iniziativa vuole promuovere e diffondere la conoscenza delle collezioni Ready – Couture nel panorama europeo, rafforzando lo storico legame che da secoli leg (continua)

AL TEATRO ALL'AVOGARIA DI VENEZIA UN LABORATORIO DI RECITAZIONE TEATRALE PER BAMBINI E RAGAZZI. TEMA DI QUESTA EDIZIONE: LA STORIA DELLA SERENISSIMA

AL TEATRO ALL'AVOGARIA DI VENEZIA UN LABORATORIO DI RECITAZIONE TEATRALE PER BAMBINI E RAGAZZI. TEMA DI QUESTA EDIZIONE: LA STORIA DELLA SERENISSIMA
 Al via da domani, sabato 2 settembre 2017, le iscrizioni per il corso di recitazione per bambini e ragazzi del Teatro a l'Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1617). Il workshop, riservato a piccoli dai sette ai sedici anni, in collaborazione con il laboratorio Falier di Tema Cultura, che si terrá a partire dal 18 settembre 2017 vuole introdurre i più giovani all'arte del palcoscenic (continua)

Venezia. ncontro con Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati e autrice del libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa"

Venezia. ncontro con Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati e autrice del libro
 Giovedí 22 giugno 2017, ore 18.00, a Venezia, presso la Sala San Leonardo (Cannaregio - Strada Nova), si terrá un incontro con Laura Boldrini, Presidente della Camera dei Deputati e autrice del libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa", edito da Marsilio.    Dopo i saluti di Fabio Poli, CdA Fondazione Rinascita 2007, e (continua)