Home > Sport > SLALOM DI COPPA DEL MONDO A CAMPIGLIO, SI IMPONE HIRSCHER, SBALORDISCE YUASA

SLALOM DI COPPA DEL MONDO A CAMPIGLIO, SI IMPONE HIRSCHER, SBALORDISCE YUASA

SLALOM DI COPPA DEL MONDO A CAMPIGLIO, SI IMPONE HIRSCHER, SBALORDISCE YUASA

Bagno di folla a Madonna di Campiglio per l’unico slalom di Coppa in Italia

Vince Hirscher, bravo Neureuther, eccezionale Yuasa fuoriclasse dal Giappone

Moelgg il migliore degli azzurri, Deville e Razzoli fuori nella seconda manche

C’è anche una nota triste, muore a bordo pista per arresto cardiaco un maestro di sci

 

 

Entusiasmo, gioia, delusione e tristezza.

La 3Tre entusiasma 10.000 persone accorse lungo il Canalone Miramonti a Madonna di Campiglio, gioia nella prima manche per avere tre azzurri in odore di podio, gioia degli austriaci per Marcel Hirscher superlativo, ancora gioia per Neureuther e per il giapponese Yuasa che fino all’ultimo era lì lì per vincere. Ma 3Tre è anche delusione perché ogni pronostico per gli azzurri va in fumo nella seconda manche, e tristezza per un incredibile lutto successo nel corso della prima manche.

A seguito di un malore con successivo arresto cardiaco è deceduto Lanfranco Bertocci, maestro di sci di Madonna di Campiglio, che era di servizio come controllo porta a lato pista. Persona cardiopatica, Bertocci è stato soccorso immediatamente dai due medici di gara che stazionavano in pista appena sopra il punto dell’incidente ed è stato sottoposto a rianimazione cardiopolmonare prolungata, circa un’ora, e trattato con i presidi del caso. È intervenuto immediatamente anche il soccorso alpino che ha collaborato con i medici ed il personale di soccorso presente in pista.

Un momento decisamente triste. La gara è stata sospesa per l’impegno dei due medici di gara, poi è ripresa con la discesa dell’americano Ligety.

Marcel Hirscher (AUT), dopo il terzo posto in Val d’Isère, non sbaglia e dopo aver chiuso la prima manche davanti a tutti (con 52”07), mantiene il sangue freddo conquistando così non solo la 3Tre (1’42”50) ma anche la prima posizione nella Coppa del Mondo di specialità con 240 punti.

In scia il tedesco Felix Neureuther: secondo nella prima manche a 6/100 dall’austriaco, si ripete nella seconda manche con un tempo complessivo di 1’44”17.

E qui, per la terza posizione, erano gli azzurri a potersela e a doversela giocare. Dopo una prima manche da apoteosi con i tre moschettieri dei paletti, Cristian Deville terzo (52”63), e Manfred Moelgg (52”75) e Giuliano Razzoli (52”75) quarti parimerito, lo stadio dello slalom di Campiglio era pronto ad “esplodere” per un podio che in molti si attendevano.

L’unico a spuntarla è Manny Moelgg, che perde una posizione e si piazza quinto: “un quinto posto guadagnato. Sono contento di come sto sciando, ho una buona sicurezza. Devo prendermi qualche rischio in più a gennaio, nel senso di attaccare ancora di più”.

Delusione per Razzoli e Deville che escono il primo alle ultime porte, il secondo nella parte alta del tracciato. “Stavo facendo una grandissima manche – afferma Razzoli -, ero veramente vicino ad un bel podio. Ho sciato bene, nella seconda spigolata in alto poi mi sono ripreso e non so cosa sia successo francamente. Ho attaccato, volevo il podio a tutti i costi, però devo guardare il lato positivo e dico che mi sono divertito a scendere. Le sensazioni sono tornate buone, avrei voluto farmi un bel regalo per il mio compleanno di oggi, sarà per la prossima volta”. Deville ci credeva e ci ha creduto fino alla fine: “La bella figura la fai quando arrivi in fondo e vai sul podio. Io posso dire di essere partito per quello. Non ho neanche fatto un errore perché non posso dire di aver fatto uno sbaglio. Sono “volato” e finito a terra. Sono molto dispiaciuto, deluso. Mi passa anche la voglia, per la verità, perché se alla base ci sono degli errori tecnici e i risultati non vengono capisco che c’è qualcosa da lavorare, io sto sciando forte e raccolgo zero quindi mi passa proprio la voglia”.

Ma la vera star della notte di Campiglio è lui, la stella del Sol Levante, il giapponese Naoki Yuasa: pettorale n. 21, in 25.ma posizione dopo la prima manche e una seconda frazione strepitosa che lo catapulta sul podio e nell’olimpo dei top skiers. Lui che semplicemente dice “è così che so sciare e oggi ho dimostrato di poter stare sul podio”.

Fuori dalla seconda manche l’atteso Stefano Gross che non riesce a sfruttare il pettorale n.1 e finisce 33°, mentre dice la sua Roberto Nani, l’enfant terrible della squadra, quello che osa, quello che parte con il pettorale  n. 41 e arriva trentesimo nella prima manche per poi aprire le danze della seconda manche in maniera frizzante: “sono contento per la seconda manche, un po’ meno della prima. Porto a casa punti importanti e spero di riuscire a scalare il numero di partenza”. Prima manche che ha trovato difficile nel tracciato (pensato da Kostelic) col quale non è riuscito a trovare il feeling già nelle prime porte.

Grande la delusione per Patrick Thaler, uscito: “Ho inforcato all’uscita della doppia, peccato perché mi sarebbe piaciuto arrivare fino in fondo, qui è bellissimo, però è così, non c’è niente da fare”.

Cala così il sipario sulla 3Tre, su un palcoscenico che ha infiammato la sera di Campiglio con spalti e tribune, bordo pista e parterre stracolmi di gente.

Rientrare nel giro che conta dopo sette anni non era facile, la 3Tre rimane sempre una gara dagli alti contenuti tecnici che piace alla gente. Ora l’appuntamento è per il 2014, nel frattempo nel 2013 torna la Coppa Europa.

Ritornata sotto i riflettori del grande sport, Madonna di Campiglio continua la sua stagione invernale all'insegna della neve e di nuovi eventi al top. Dal 13 al 20 gennaio 2013 si terrà la 23ª edizione di Wrooom - F1&MotoGp Press Ski Meeting, il tradizionale incontro sulla neve tra le scuderie Ferrari e Ducati e i giornalisti della stampa internazionale, mentre dal 24 al 27 gennaio, con la Winter Marathon sfileranno per Madonna di Campiglio affascinanti e prestigiose auto d'epoca. Infine, dal 10 al 15 febbraio, viaggio indietro nel tempo con la “Campiglio Asburgica”: tuffo nel passato alla scoperta delle atmosfere principesche di fine Ottocento.

Info: www.3trecampiglio.it

 

Classifica:

 

1 HIRSCHER Marcel AUT 1:42.50; 2 NEUREUTHER Felix GER 1:44.17; 3 YUASA Naoki JPN 1:44.78; 4 MYHRER Andre SWE 1:44.84; 5 MOELGG Manfred ITA 1:45.02; 6 VOGEL Markus SUI 1:45.18; 7 HERBST Reinfried AUT 1:45.25; 8 HAUGEN Leif Kristian NOR 1:45.46; 9 LIGETY Ted USA 1:45.54; 10 KOSTELIC Ivica CRO 1:45.70;

20 NANI Roberto ITA 1:46.52;  DEVILLE Cristian (DNF 2nd run); RAZZOLI Giuliano (DNF 2nd run); THALER Patrick (DNF 1st run); TONETTI Riccardo (DNF 1st run); GROSS Stefano (DNQ for 2nd run)

 

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

3TRE DI COPPA DEL MONDO MENO UN MESE, CRESCE L’ATTESA A MADONNA DI CAMPIGLIO


ITAS DIATEC TRENTINO VOLLEY E 3TRE, SPETTACOLO D’ÉLITE A BRACCETTO


COUNTDOWN 3TRE, MOELGG CI CONTA, LO SLALOM FA TAPPA A MADONNA DI CAMPIGLIO


A MADONNA DI CAMPIGLIO TIRA ARIA DI “COPPA” HUJARA: “LA 3-TRE IN ALTERNANZA CON LO SLALOM IN ALTA BADIA”


IL 18 DICEMBRE LA 3-TRE DI “COPPA” A MADONNA DI CAMPIGLIO , TRA DUE MESI IL PRIMO SLALOM IN FINLANDIA


LA 3-TRE FREME. MANCANO TRE MESI, A MADONNA DI CAMPIGLIO LO SLALOM DI COPPA


 

I più cliccati

Stesso autore

BIKERS NEL REGNO DELLE RUOTE GRASSE. SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE INNO ALLA GIOIA

BIKERS NEL REGNO DELLE RUOTE GRASSE. SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE INNO ALLA GIOIA
24.a Südtirol Dolomiti Superbike il 7 luglio a Villabassa (BZ) Percorsi di 113 km e 60 km caratterizzano una gara da non perdere Montepremi da urlo con 2.500 euro ai primi classificati e riconoscimenti agli sprinter Iscrizioni a 100 euro fino a completare il numero chiuso di 5.000 concorrenti La sfilata dei 5.000 della Südtirol Dolomiti Superbike del 7 luglio a Villabassa (BZ) è una dell (continua)

MARCIALONGA CRAFT DAL FASCINO IRRESISTIBILE. “KING OF THE MOUNTAIN” PER SINGOLI E TEAM

MARCIALONGA CRAFT DAL FASCINO IRRESISTIBILE.  “KING OF THE MOUNTAIN” PER SINGOLI E TEAM
I commenti sulla pagina Facebook di Marcialonga si sprecano… ed è già bagarre tra chi il 27 maggio deciderà di affrontare il tracciato mediofondo di 80 km e 1894 metri di dislivello della Marcialonga Craft, e chi si cimenterà con il granfondo di 135 km e 3279 metri di dislivello, due perle rare del panorama nazionale dedito alle due ruote. La bellezza scenografica delle Valli di Fiemme e Fassa (TN (continua)

CAMPIONATO NAZIONALE ACSI. DOMENICA 22 APRILE TRITTICO IMPERIOSO

CAMPIONATO NAZIONALE ACSI. DOMENICA 22 APRILE TRITTICO IMPERIOSO
Stagione ciclistica granfondo-mediofondo Ventennale per la Granfondo Liotto di domenica prossima Il 22 aprile anche GF Michele Scarponi (AN) e GF Alassio (SV) Dalle sponde romagnole della Granfondo Città di Riccione ad un trittico da non perdere per i tesserati ACSI ed i protagonisti del Campionato Nazionale granfondo-mediofondo. Il mese intensissimo del Campionato Nazionale è appena cominc (continua)

CHRISTIAN NERLINGER AL TRIATHLON DI CALDARO. FORMAT OLIMPICO FRA NUOTO, BICI E CORSA

CHRISTIAN NERLINGER AL TRIATHLON DI CALDARO. FORMAT OLIMPICO FRA NUOTO, BICI E CORSA
Il 5 maggio 30° Triathlon del Lago di Caldaro (BZ) Organizzazione affidata all’’Associazione Sportiva di Caldaro – sezione Triathlon L’ex centrocampista del Bayern Monaco si aggiungerà al ricco parterre di atleti stranieri “Welcome Party”, “High Heel Run” e “Slackline Contest” iniziative di contorno Christian Nerlinger il 5 maggio sarà al Triathlon del Lago di Caldaro (BZ): 156 presenze e (continua)

I TRACCIATI DELLA STELVIO MARATHON. TRA 60 GIORNI RUNNERS AI NASTRI DI PARTENZA

I TRACCIATI DELLA STELVIO MARATHON. TRA 60 GIORNI RUNNERS AI NASTRI DI PARTENZA
Il 16 giugno Stelvio Marathon a Prato allo Stelvio (BZ) Iscrizione a 90 euro o a 35 euro (short distance) entro il 30 aprile Percorso marathon di 42.195 km e 2.350 metri di dislivello Ortler Bike Marathon il 2 giugno e Giro Lago di Resia il 14 luglio Alla seconda edizione della Stelvio Marathon i tracciati sembrano pennellati da un grande artista, emozioni da non perdere che andranno in (continua)