Home > Cultura > IL GROPEZ 'E ZEZI NEL CARNEVALE DI POMIGLIANO E NAPOLI

IL GROPEZ 'E ZEZI NEL CARNEVALE DI POMIGLIANO E NAPOLI

IL GROPEZ 'E ZEZI NEL CARNEVALE DI POMIGLIANO E NAPOLI

Un tour de force quello sviluppato, da sabato 10 a lunedì 12 nel Carnevale 2013, a Pomigliano ed a Napoli, dallo storico Gruppo Operaio ‘E Zezi di Pomigliano d’Arco. E solo le pessime condizioni meteorologiche non hanno permesso la chiusura del martedì grasso, spostata a fine settimana. Una marcia trionfale dunque che  ha animato, centro e periferia di Pomigliano e di Napoli in questo anno di vigilia del quarantennale zeziano, che a partire dal 2014 si amplificherà in una miriade di iniziative per presentare la ricca e variegata biografia artistica, sociale e politica di questo gruppo, ‘E Zezi, irresistibile e resistente realtà diretta dal padre fondatore, “O’ Prufussore” Angelo De Falco, che dalla Campania irradia suoni, canti, musiche e ballate per il mondo intero, indicando sogni e progetti, esprimendo rabbia e speranza, elevando canti di lavoro, di precariato, di disoccupazione, di protesta e di ricreazione sociale, di impegno civile e speranza di cambiamento, di denuncia e di proposta, di memoria e di prospettiva futura, coniugando la tradizione popolare con innesti di temi emergenziali dell’attualità socioculturale.

Ma torniamo al Carnevale 2013. L’evento di Pomigliano d’Arco, promosso dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco, dott. Raffaele Russo, si presentava con il tradizionale titolo “Carnevale se chiammava Vecienzo” sotto l’accurata regia delle associazioni “Zezi ‘74” e “A Sunagliera” e la partecipazione delle scuole, i Circoli Didattici, Primo e Secondo e gli Istituti Comprensivi, “Falcone-Catullo”, “Omero-Mazzini” e “Sulmona.-Leone”.

La “Canzone della Zeza” proposta dal Gropez ‘E Zezi di Pomigliano d’Arco con la direzione del leader Angelo De Falco, l’assistenza per trucchi e costumi di  Marzia del Giudice, la voce di questo storico gruppo musicale, è stata interpretata dagli attori e cantanti nei panni di: Pulcinella, Massimo Mollo; Zeza, Paolo Esposito Mocerino; Ro’ Nicola, Massimo Ferrante; Vicenzella, Salvatore Iasevoli, Orazio Mogavero e Gennaro Mocerino; l’Abate, Antonio Castaldo. La parte musicale è stata sapientemente eseguita da Enzo Salerno, chitarra; Martina Mollo, fisarmonica; Francesco Paolo Perreca, fiati; Alessio Sica, tullante; Antonio Esposito, grancassa e Caterina Bianco,  scetavajasse.

Nelle manifestazioni organizzate a Pomigliano d’Arco percorso la città anche i 12 Mesi, la Vecchia del Carnevale, gli Antichi Mestieri, la Contrabbanda di Luciano Russo, Marcello Colasurdo e le “Nonne di Vecienzo nel Chianto a Muorto”. Infine, alla “Distilleria Culture District” di Pomigliano c’è stata la Mostra dei poster storici di Zezi e Carnevale degli ultimi 30 anni e l’Audiovisivo sul Carnevale.

uest’anno leQuest’anno le incursioni artistiche del teatro di strada del “Gropez ‘E Zezi” nel Carnevale sono state oggetto di rilevazione videografica da parte dell’equipe umbra di ricercatori sociali formata da Daniele Cestellini, Fabrizio Loce Mandes e Ferdinando Amato del Dipartimento Uomo & Territorio dell’Università degli Studi di Perugia e dell’Associazione Contro-Sguardi Onlus, “nata nel 2010 per tutelare e promuovere la cultura e l'arte con un particolare riguardo ai patrimoni demo-etnoantropologici e perseguendo fini di solidarietà sociali” .

Per il sociologo Antonio Castaldo «in questi giorni di celebrazione carnascialesca il “Gropez ‘E Zezi”, con la rappresentazione della “Canzone della Zeza”, ha attraversato il  contesto istituzionale della manifestazione cittadina, dalla Piazza Primavera al ritorno su uno dei suoi siti tradizionali, quello della Masseria Guadagni, a Pomigliano D’Arco, ha poi partecipato al coloratissimo 31° Carnevale di quartiere del Gridas a Scampia ed quindi al Corteo per il lavoro con il movimento dei Banchi Nuovi a Napoli, attraversando il centro storico sotto l’occhio vigile della Polizia in assetto antisommossa. Finalmente lunedì sera,  dentro il Centro Sociale dei Banchi Nuovi, le tensioni si sono sciolte con un brindisi del fotografo e promotore di tanti progetti solidali educativi  internazionali, Patrizio Esposito, che ha introdotto la cena comunitaria  accompagnata anche dal brillante “cantastorie napoletano” Stefano Serino. La “Zeza” dunque nella sua uscita calendariale si è incontrata, ancora una volta, portata per mano dal Gropez, con la variegata realtà sociale che con i suoi momenti di originalità e ciclicità; le sfaccettature, differenze, distanze e contrapposizioni; le maschere e i trucchi, gli svelamenti e i nascondimenti ci restituisce il racconto del Terzo Millennio in questa parte del mondo. E qui, dove il “Gropez ‘E Zezi” si appresta a celebrare, per il prossimo anno, il suo quarto decennio di epica attività eleviamo il nostro Chapeau! Per Angelo De Falco ed alle centinaia di cantanti, musicisti, attori che si sono avvicendati, fino ad oggi, in questo storico gruppo musicale della Campania una volta Felix”.

                   Antonio Castaldo


IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali

Carnevale Cultura Tradizione Impegno |



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

-Brusciano: Prematura morte dell’imprenditore Antonio Ruggiero. Tantissimi si stringono alla sua famiglia, condividendone il dolore insieme al Mondo dei Panificatori in Campania. (Scritto da Antonio Castaldo)

-Brusciano: Prematura morte dell’imprenditore Antonio Ruggiero. Tantissimi si stringono alla sua famiglia, condividendone il dolore insieme al Mondo dei Panificatori in Campania. (Scritto da Antonio Castaldo)
  Il Mondo dei Panificatori in Campania piange la morte di Antonio Ruggiero l’imprenditore bruscianese che è venuto a mancare prematuramente agli affetti familiari, ai colleghi, alla clientela ed a quanti lo hanno conosciuto e che da oggi ne conserveranno per sempre un caro ricordo. La Cittadina di Brusciano nella giornata di domenica 23 settembre 2018 è stata attraversa (continua)

-Vallo della Lucania, Gioi Cilento e Marigliano hanno ricordato il grande artista Leo de Berardinis, nel decennale della sua morte, 18 settembre 2008-2018.(Scritto da Antonio Castaldo)

-Vallo della Lucania, Gioi Cilento e Marigliano hanno ricordato il grande artista Leo de Berardinis, nel decennale della sua morte, 18 settembre 2008-2018.(Scritto da Antonio Castaldo)
  A dieci anni esatti dalla sua morte, avvenuta a Roma il 18 settembre 2008, a Vallo della Lucania, a Gioi Cilento e a Marigliano è stato ricordato il protagonista del teatro di ricerca in Italia, l’attore e regista, lo sperimentatore e tessitore di intrecci fra cultura “alta” e quella popolare, con una coraggiosa ed orgogliosa impronta meridionale, Leo de Berardinis (continua)

Napoli: Svolto il Premio Internazionale “L’Ambasciatore del Sorriso” promosso dall’Associazione “Vesuvius” di Angelo Iannelli.

Napoli: Svolto il Premio Internazionale “L’Ambasciatore del Sorriso” promosso dall’Associazione “Vesuvius” di Angelo Iannelli.
  A Napoli, domenica 16 settembre, presso il Maschio Angioino è stato svolto il Premio Internazionale Ambasciatore del Sorriso promosso dall’artista Angelo Iannelli, che ha avuto come Madrina Nunzia Amato, essa stessa premiata per la bellezza, la quale sarà in Cina a dicembre prossimo a rappresentare l’Italia alla finale di Miss Mondo-Miss World 2018. L’A (continua)

Mariglianella Festa dell’Accoglienza alla Scuola Elementare con il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo.

Mariglianella Festa dell’Accoglienza alla Scuola Elementare con il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo.
Anche quest’anno a Mariglianella presso la storica Scuola Elementare, incardinata nell’Istituto Comprensivo Statale “Giosuè Carducci”, è stata svolta la “Festa dell’Accoglienza”, promossa dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo. Genitori ed alunni, bambini e bambine, chi con qualche lacrima e chi con (continua)

-Brusciano: Chiamata generale del Sindaco Peppe Montanile nell’impegno per la legalità e la sicurezza dei cittadini contro la criminalità. (Scritto da Antonio Castaldo)

	-Brusciano: Chiamata generale del Sindaco Peppe Montanile nell’impegno per la legalità e la sicurezza dei cittadini contro la criminalità. (Scritto da Antonio Castaldo)
  Ormai è plateale l’escalation della criminalità a Brusciano che da un paio di anni a questa parte, segnatamente negli ultimi mesi, si autorappresenta nella corsa alla conquista del territorio con inseguimenti motorizzati, come da moderno far west e nella emulata estetica di rinomate fiction televisive, con sparatorie fra appartenenti di diversi gruppi, alleanze o clan. (continua)