Home > Economia e Finanza > Le aziende italiane esportano in Russia (+5,3%) il paese con la più alta crescita mondiale in investimenti nei media (+13%)

Le aziende italiane esportano in Russia (+5,3%) il paese con la più alta crescita mondiale in investimenti nei media (+13%)

Le aziende italiane esportano in Russia (+5,3%)  il paese con la più alta crescita mondiale in investimenti nei media (+13%)

 Nell’ultimo anno le esportazioni verso la Russia sono aumentate del 5,3% e l’export verso Mosca vale oggi circa il 2,8% del totale. Lo rivela un’analisi dell’Ufficio Studi di Confartigianato, secondo cui un ruolo particolarmente importante lo svolgono i macchinari (26,8%), l’abbigliamento (12,2%), gli articoli in pelle (7,5%) e i mobili (6,4%). Non solo: nel 2013, il mercato russo dei media è quello che ha registrato, nel mondo, la crescita più elevata di investimenti (+13%) come emerge dall’Aegis Global Report, una ricerca internazionale del settore.

Questi dati spiegano come, nonostante la recente crisi politica in Crimea, le aziende italiane continuino a investire in Russia e cerchino anche un sostegno creativo made in Italy per farsi conoscere meglio in questo mercato in forte espansione.

È recente, ad esempio, il progetto incentive per stimolare le capacità e i risultati della forza vendita di Tic Tac - le note caramelle Ferrero - realizzato dall’agenzia italiana Take, che a Mosca ha inaugurato un hub per la gestione dei clienti, anche locali.

Un’altra iniziativa di Take ha riguardato infatti Micro Kapital, società di finanziamenti russa, con capitale anche italiano, per cui è stata realizzata una campagna pubblicitaria.

Take, presente anche in Ucraina, è un esempio della creatività made in Italy che si rivolge sempre di più verso il mercato internazionale tanto da generare - se si considera musica, cinema, libri, fashion, video maker, interior designer, agenzie di pubblicità e comunicazione - ben il 9,3% delle esportazioni totali del nostro Paese. Questo dato emerge da uno studio sul settore realizzato dallo Ied, l’Istituto Europeo di Design, che sottolinea come in Europa, con 178mila aziende del comparto creativo e culturale, l’Italia sia seconda solo alla Germania (187mila).

"Lavorare sempre di più in altri paesi è molto stimolante per un'agenzia di pubblicità come la nostra che, grazie alla valorizzazione della creatività italiana, riesce a ottenere risultati in controtendenza rispetto allo scenario economico - dichiara Marco Di Marco, Ceo di Take - Forse è proprio questa una delle ‘ricette’ per uscire dalla crisi: puntare sul valore aggiunto della fantasia italiana per promuovere nel mondo i nostri prodotti, che sono sinonimo di qualità, e affrontare nuove sfide”.

Russia | Take |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Indiscusso successo per l'evento ospitato da IEG


CHIUDE CON SUCCESSO LA 3° EDIZ. DI ITALIANEXPO IRAQ 2009


NASCE L`INDICE ITALIANO DELLE RINNOVABILI:


Entro il 2020 stimati investimenti per dieci miliardi di euro per le reti di distribuzione


Terna: Cattaneo Flavio, utile in crescita e dividendo confermato.


 

I più cliccati

Stesso autore

La campagna “Aereo” di Take per Fastweb Winner al GrandPrix

La campagna “Aereo” di Take per Fastweb Winner al GrandPrix
La campagna pubblicitaria ideata da Take per Fastweb con lo spot “Aereo” è risultata Winner alla XXXI Edizione del GrandPrix Advertising Strategies 2018 nella categoria "Contro un avversario”. È stato premiato lo stile sottile e irriverente, che ha per protagonisti una coppia di steward gemelli di una compagnia aerea. I due accompagnano la voce del p (continua)

La campagna “Aereo” di Take per Fastweb Winner al GrandPrix

La campagna “Aereo” di Take per Fastweb Winner al GrandPrix
La campagna pubblicitaria ideata da Take per Fastweb con lo spot “Aereo” è risultata Winner alla XXXI Edizione del GrandPrix Advertising Strategies 2018 nella categoria "Contro un avversario”. È stato premiato lo stile sottile e irriverente, che ha per protagonisti una coppia di steward gemelli di una compagnia aerea. I due accompagnano la voce del p (continua)

Il serramento che arreda, la nuova campagna Take per Domal

Il serramento che arreda, la nuova campagna Take per Domal
Al via la nuova campagna di comunicazione 2018 realizzata da Take per Domal, azienda all’avanguardia nel design e nella produzione di sistemi in alluminio per l’edilizia, che mette al centro il serramento non più solo come elemento necessario per la casa, ma anche quale componente di arredo capace di rappresentare l’essenza stessa dell’abitare. Nell’ambito de (continua)

A ProgettoImmagine e RedFarm la strategia di comunicazione digitale integrata di Unione Fiduciaria

A ProgettoImmagine e RedFarm la strategia  di comunicazione digitale integrata di Unione Fiduciaria
ProgettoImmagine e RedFarm, agenzie di comunicazione che da tempo collaborano in progetti digitali, realizzeranno una strategia di comunicazione digitale integrata per Unione Fiduciaria, azienda leader di mercato nello sviluppo di software e nelle soluzioni per il whistleblowing. Il whistleblowing è la procedura per segnalare infedeltà o violazioni di legge commesse da colleghi ed & (continua)

Take e Fastweb per un mobile a prova di costi nascosti

Take e Fastweb per un mobile a prova di costi nascosti
Prosegue la nuova campagna pubblicitaria ideata da Take per Fastweb, con il nuovo spot “The Stripper”, on air da qualche giorno. Lo stile adottato è sottile, irriverente e usa il linguaggio del cinema con un richiamo, in versione maschile e divertente, al film “Lap Dance”. Lo spot rimanda a un concetto di trasparenza e assenza di costi nascosti come invito alla prov (continua)