Home > Altro > Escursione storiche nelle Dolomiti Friulane: Sulle tracce di Rommel

Escursione storiche nelle Dolomiti Friulane: Sulle tracce di Rommel

articolo pubblicato da: studioagora | segnala un abuso

Escursione storiche nelle Dolomiti Friulane: Sulle tracce di Rommel

Escursione storiche nelle Dolomiti Friulane:

anche una passeggiata sulle tracce di Rommel

Nelle Dolomiti Friulane sulle tracce della storia: varie sono le escursioni, di varia lunghezza, che si snodano in luoghi che furono teatro di scontri, incursioni, episodi della Prima Guerra Mondiale o ne conservano testimonianze. Luoghi che, alla valenza storica, uniscono un indiscusso fascino paesaggistico, per passeggiate rese ancor più interessanti dalla possibilità di essere guidati da un accompagnatore storico, che illustra il percorso e i fatti che vi successero e racconterà anche come la natura, il più delle volte, si riprende lo spazio vitale che trincee e bunker le avevano tolto.

L’ Escursione sulle tracce di Rommel alla Forcella Clautana, ad esempio, che ripercorrere passo per passo il tragitto fatto dal mitico generale dalla Val Cellina alla Val Meduna. Fa conoscere un frammento della Prima Guerra mondiale quasi dimenticato, che ha come protagonista un allora giovane tenente di un battaglione di montagna tedesco, destinato a diventare un mito: Erwin Rommel, che a soli 26 anni e ancor prima di Caporetto, era già famoso per il suo coraggio e abilità bellica. Il percorso proposto è lo stesso che Rommel e i suoi uomini del battaglione Württemberg fecero allora, lungo la strada - costruita dagli alpini italiani tra il 1910 e il 1912 - che collegava la Val Cellina alla Val Meduna ed è ancor oggi perfettamente percorribile. Il reparto di Rommel rappresentava la punta estrema dell'Alpenkorps germanica, aggregato alla XIV armata nell'assalto all’Isonzo. Gli "alpini" tedeschi -inquadrati con la 22° divisione Schützen- penetrarono nella difesa italiana per raggiunger velocemente Longarone e tagliare così la strada alle truppe italiane, che dal Cadore si stavano ritirando verso il Grappa. Tuttavia, a Forcella Clautana, il 7 novembre 1917, si dovettero arrestare, dato che attestati a quota 1439 della forcella c'erano circa 1000 italiani - alpini del Susa e del Cividale, bersaglieri, fanti, artiglieri, arditi del reparto d'assalto - che riuscirono a impedire lo sfondamento delle truppe tedesche. Si difesero strenuamente, tant’è che lo stesso Rommel, dopo il fallimento del primo assalto notturno, ebbe a dire: "sono seccato, è il primo assalto dall'inizio della guerra che mi va male. Duro lavoro di ore andato in fumo. Una ripetizione dell'assalto sembra senza speranza…”

Oppure il Sentiero storico della battaglia di Pradis, da Pielungo a Pradis di Sopra, testimone di uno dei tanti, inutili ed eroici tentativi da parte dell'esercito italiano di bloccare l'avanzata austro-germanica dopo la disfatta di Caporetto. A Pradis di Clauzetto c’è il Cimitero militare di Val da Ros, dove la gente del posto, all’indomani della battaglia (avvenuta il 5 e 6 novembre 1917) seppellì i caduti italiani ed austroungarici. Terminata la guerra, i piccoli cimiteri sparsi nella zona (Pielungo e Forno) vennero dismessi e tutte le salme vennero trasferite in questo, che venne inaugurato nuovamente nel 1920. Negli anni '30, con la costruzione dei grandi sacrari militari voluti dal regime fascista, i resti dei soldati italiane vennero trasferiti. Rimangono oggi gran parte delle lapidi originali italiane, alcune tombe tedesche (segnalate dalla croce in pietra) e il monumento centrale (a forma piramidale con diverse lapidi commemorative).

Per prenotare queste ed altre escursioni storiche, rivolgersi a Giorgio Furlanich cell. 389-8733051.

Per informazioni: Dolomiti Friulane - tel. 0427 71775 - info@dolomitifriulane.info - www.dolomitifriulane.info



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dolomiti Friulane - paradiso per gli appassionati delle due ruote


Le Dolomiti Friulane partner ufficiale del Giro d'Italia 2014


Madonna di Campiglio: sport e vacanze... di classe


Dedicate alle Dolomiti Friulane 2 puntate estive di Agrisapori


NON SOLO SPORT A CAMPITELLO DI FASSA (TN)


Dolomiti Friulane_Un'estate all'ìnsegna degli sport e della vita attiva


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Franciacorta, solo dal produttore al consumatore alla cantina Al Rocol di Ome

Franciacorta, solo dal produttore al consumatore alla cantina Al Rocol di Ome
“Vieni da noi e scopri il Franciacorta e la Franciacorta!” Questo l’invito che la famiglia Vimercati Castellini, proprietaria della cantina Al Rocol di Ome (Bs), fa agli enoturisti, a chi ama la natura e la campagna, le buone cose della tavola, le attività e gli sport all’aria aperta. Al Rocol si trova nel cuore di una delle regioni vitivinicole più famose (continua)

8 agosto_Pic Chic al Ristorante Belvedere di Sequals

8 agosto_Pic Chic al Ristorante Belvedere di Sequals
Pic Chic sul greto del Meduna: A lume di candele e fuochi, con sottofondo di sax Un raffinato picnic notturno sul greto del Meduna, con le tavole sistemate sui ciotoli candidi del torrente, tovaglie di lino, cristalli e porcellane: dopo il successo dell’anno scorso, torna l’8 agosto il Pic Chic organizzato dal Ristorante Belvedere di Sequals.  Dal crepuscolo a notte fonda, per (continua)

Dedicate alle Dolomiti Friulane 2 puntate estive di Agrisapori

Dal 20 e dal 27 luglio in onda due servizi: Le telecamere di Agrisapori sulle Dolomiti Friulane Le Dolomiti Friulane sono le protagoniste di due puntate di Agrisapori, la fortunata trasmissione condotta da Fabrizio Salce, in onda a partire dal 20 luglio la prima e dal 27 luglio la seconda su 150 televisioni in Italia e nella Svizzera Italiana. Un viaggio tra luoghi e sapori, accompagnati dal (continua)

In Carnia per riscoprire la “Magia del legno” - 7 settembre a Sutrio

In Carnia per riscoprire la “Magia del legno” - 7 settembre a Sutrio
Scultura, intarsio, restauro, pirografia, lavorazione del legno in tutte le sue forme e sfumature: in ogni cortile, sotto ogni antico porticato di Sutrio (il paese carnico noto per i suoi artigiani del legno) il 7 settembre falegnami e intagliatori lavorano davanti al pubblico, accompagnati dal suono della fisarmonica e di antichi strumenti tradizionali, e un’ottantina di scultori e art (continua)

Reportage sulle Dolomiti Friulane e Piancavallo sui numeri di luglio di Cicloturismo e MTB Magazine

Importanti riviste nazionali di turismo e sport, nel loro numero di luglio, puntano i riflettori sulle Dolomiti Friulane, Piancavallo, i Magredi. Cicloturismo e MTB Magazine, i due mensili leader in Italia per quanto riguarda il settore dei ciclisti praticanti e del ciclo-turismo in generale il primo e la mountain bike il secondo, hanno pubblicato due interessanti servizi di 6 pagine ciascun (continua)