Home > Cultura > Lettere dal CIE, il nuovo ducu-corto di Mario Badagliacca sui Centri di Identificazione ed Espulsione in Italia tra migranti, filo spinato e paura

Lettere dal CIE, il nuovo ducu-corto di Mario Badagliacca sui Centri di Identificazione ed Espulsione in Italia tra migranti, filo spinato e paura

Lettere dal CIE, il nuovo ducu-corto di Mario Badagliacca sui Centri di Identificazione ed Espulsione in Italia tra migranti, filo spinato e paura

Lassaad Jelassi è un uomo di origini tunisine, la sua storia comincia con un fermo di polizia e la successiva reclusione nel CIE di Roma Ponte Galeria. Proprio attraverso la sua voce, lo spettatore è accompagnato dentro gli spazi del centro, dove è stato trattenuto per quattro mesi e privato di ogni libertà e dignità
Nelle immagini che scorrono attraverso quasi 100 scatti in bianco e nero, emerge il punto di vista del protagonista, ma, anche la sensazione del regista che afferma: “Dentro i CIE ho provato un disorientamento totale, e l’incapacità di trovare dei punti di riferimento psicologici e immaginari per spiegare a me stesso il luogo che stavo visitando”. Così circa tre anni fa è nato Lettere dal CIE, sviluppato tra i centri di Roma Ponte Galeria e Bari Palese, un progetto di documentazione visiva su questi fatti al centro di serie violazioni dei diritti umani nei confronti dei migranti.
È impossibile definire i confini tecnico-giuridici che costituiscono un CIE, si tratta di una “zona grigia” della legge italiana. Alti livelli di sicurezza, filo spinato, cani e gabbie a cielo aperto, sono i tratti distintivi dei CIE, che formalmente non sono prigioni e non accolgono detenuti, eppure, migliaia di donne e uomini ogni anno vengono privati della libertà con il trattenimento forzato nei CIE e poi espulsi. Molti dei migranti imprigionati vivono in Italia da anni e i loro figli frequentano regolarmente le scuole pubbliche. Impossibilitati a rinnovare il permesso di soggiorno, dopo essere stati reclusi nei CIE, vengono espulsi dall’Italia. Il numero di famiglie divise da questo meccanismo è alto. In altri casi le espulsioni riguardano anche le seconde generazioni nate e cresciute in Italia, che alla maggiore età si ritrovano ad avere problemi con il permesso di soggiorno.
Le immagini sono accompagnate dalle musiche dei Nine Inch Nails, dove i suoni industrial metal della band sembrano sottolineare lo stridere dei diritti umani con la sofferenza che dimora in quei luoghi.

L’autore
Mario Badagliacca è nato a Palermo nel 1980. È laureato in Scienze internazionali e diplomatiche all’Università L’Orientale di Napoli. Durante i suoi studi ha collaborato con diverse associazioni non profit. Nel 2012 si è diplomato in fotografia documentaria e fotogiornalismo a Roma, dove attualmente risiede. Focalizzato su tematiche sociali e politiche, lavora su progetti sulle comunità migranti in Italia, ponendo l’attenzione agli aspetti culturali delle migrazioni. Collabora con ricercatori e università in Italia e all’estero (tra le quali la St. Andrews University, L’Orientale di Napoli, University of Oxford) e le sue fotografie sono state pubblicate dai maggiori quotidiani e magazine italiani e stranieri.

Esposizioni
Solo exhibition "Letters from the CIE" - San Diego University of State, San Diego, USA 2015 - 2016
Collective exhibition Prisma Human Rights - Monastero di San Nicolò, Venezia Lido, Italy 2015
Solo exhibition "Migrations lives" Being Human Festival - St. Andrews University, Scotland 2014

Awards
PRISMA Human Rights finalist, Italy 2015
Audience Engagement Grant "Letters from the CIE" - Documentary Photography Project, New York, USA 2014

mario | badagliacca | fotografo | regista | lettere dal cie | corto | roma | Lassaad Jelassi | ponte galeria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

IL MUSEO DELL’ETNA: tutto ciò che c’è da sapere sul vulcano più grande d’Europa riconosciuto dall’UNESCO


ENRICO NADAI- INTERVISTA A MARCELLO VENEZIANI


A TRENTO È ORA DI GF CHARLY GAUL, QUESTO WEEK END “LEGGENDARI” IN SELLA


Apre la stagione teatrale dell'Avogaria


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


CHALLENGE GIORDANA DOPO LA SECONDA TAPPA, CONFERME E NOVITÀ PRIMA DELLA MARCIALONGA


 

Ieri...

Stesso autore

East Market, domenica 17 febbraio torna il mercatino vintage di Milano

East Market, domenica 17 febbraio torna il mercatino vintage di Milano
Al via domenica 17 febbraio un nuovo appuntamento con East Market, il mercatino vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta Italia tra collezionisti di modernariato e vintage, artigiani, artisti, grafici e designer sono pronti per allestire le loro postazioni. Tutti con un comune denominatore: rigoros (continua)

East Market, domenica 20 gennaio torna l'appuntamento col vintage

East Market, domenica 20 gennaio torna l'appuntamento col vintage
Al via domenica 20 gennaio un nuovo appuntamento con East Market, il mercatino vintage milanese dedicato a privati e professionisti, dove tutti possono comprare, vendere e scambiare. 300 selezionati espositori da tutta Italia tra collezionisti di modernariato e vintage, artigiani, artisti, grafici e designer sono pronti per allestire le loro postazioni. Tutti con un comune denominatore: rigorosame (continua)

Leandro Barsotti presenta il romanzo "L’amore resta” tra letture, canzoni e meditazione

Leandro Barsotti presenta il romanzo
L'Associazione Nazionale Italiana Cantanti presenta “L’amore resta” (edito da L'Orto della Cultura), il primo romanzo di Leandro Barsotti giunto alla quinta ristampa: un pomeriggio tra letture, canzoni e meditazione. Appuntamento a ingresso libero giovedì 17 gennaio alle ore 17.30 presso la Biblioteca Vaccheria Nardi, un incontro sostenuto dall'Associazione Nazional (continua)

East Market, anche domenica 16 dicembre il Natale è vintage

East Market, anche domenica 16 dicembre il Natale è vintage
L'edizione natalizia di East Market si fa in due: il mercatino vintage milanese gratuito dedicato alla vendita, allo scambio e all'acquisto sarà aperto anche domenica 16 dicembre per lo speciale periodo natalizio. Tantissime idee regalo e gli oggetti più originali per un natale nel segno del vintage. 300 espositori, sempre scelti tra collezionisti di modernariato e vintage, artigian (continua)

East Market raddoppia, due date a dicembre per un Natale nel segno del vintage

East Market raddoppia, due date a dicembre per un Natale nel segno del vintage
L'edizione natalizia di East Market si fa in due: il mercatino vintage milanese gratuito dedicato alla vendita, allo scambio e all'acquisto sarà aperto domenica 2 e domenica 16 dicembre per lo speciale periodo natalizio. Tantissime idee regalo e gli oggetti più originali per un natale nel segno del vintage. 300 espositori, sempre scelti tra collezionisti di modernariato e vintage, (continua)