Home > Sport > La vision della Uisp: liberi di muoversi, di vincere, di perdere, di rallentare

La vision della Uisp: liberi di muoversi, di vincere, di perdere, di rallentare

La vision della Uisp: liberi di muoversi, di vincere, di perdere, di rallentare
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net In occasione della corsa di Miguel, sul libro-dispensa pubblicato dal titolo “Ai vostri posti (il mondo, lo sport, le olimpiadei. I campioni che hanno vinto e quelli che non ce l’hanno fatto) vi è riportata la vision della Uisp con le parole del Presidente Nazionale Uisp (Unione Italiana Sport Per tutti), Vincenzo Manco: “#Liberi di muoversi è la sfida culturale che ha scelto l’Uisp, la più grande associazione italiana di sport sociale e per tutti, nata nel 1948. Uisp significa liberi di vincere, di perdere, di gareggiare, di rallentare, di giocare, di esprimersi, di conoscersi, di partecipare, di camminare e di correre. Liberi dal doping e dal razzismo. Ma anche libere di scegliere, di esprimersi, di decidere. Significa liberi e libere di amara e di invecchiare, di sognare e di emozionarsi. Perché questa è la visione di sport che vi proponiamo, un’esperienza da fare insieme e in libertà.” La Corsa di Miguel non è solo una corsa podistica ma molto di più, è una manifestazione organizzata dal Club Atletico Centrale con l’Unione Italiana Sport per Tutti intitolata alla memoria di un maratoneta-poeta argentino, uno delle migliaia dii desaparecidos uccisi dal governo argentino per fini politici. Miguel Benancio Sanchez amava la vita, l’atletica, l’Argentina, il suo Paese. Miguel a 18 anni, prese la sua valigia di cartone e seguì i fratelli che erano già partiti per Buenos Aires. Fu qui che cominciò una nuova avventura. Faceva l’imbianchino e il calciatore prima di scoprirsi innamorato dell’atletica. Giocava nella quarta divisione con il Gymnasia y Esgrima de La
Plata. Ma l’atletica lo conquistò. Si allenava di mattina presto e alla sera tardi con il tecnico Osvaldo Suarez, mitico personaggio che aveva vinto tre volte la Corrida di San Silvestro. La sua giornata era infinita. Sveglia con una mela, primo allenamento, treno, lavoro, ancora allenamento, scuola serale per completare quegli studi che non aveva finito. A volte rientrava all’una di notte. Aveva tanti fratelli e sorelle, in tutti erano dieci. Era un poeta autodidatta. Il suo “Para vos atleta”, “Per te atleta”, fu pubblicato dalla Gazeta
Esportiva di San Paolo, il 31 dicembre del 1977, nove giorni prima della sua sparizione. Era un inno alla corsa. Ancora sul libro, il Presidente Nazionale Uisp, Vincenzo Manco scrive: “Corri Miguel, corri. La tua corsa è quella di tutti noi, verso un mondo più libero e giusto, dove i diritti, le pari opportunità, il rispetto, l’inclusione e l’antirazzismo siano le bandiere in nome delle quali valga la pena di gareggiare, vincere, perdere, rallentare, vivere.” E’ importante il progetto per le scuole portato avanti dalla macchina organizzativa della Corsa di Miguel, che prevede una serie di attività per avvicinarsi delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, l’obiettivo è quello di spingere i ragazzi a interessarsi ai Giochi non soltanto come gare, numeri, record, vittorie, ma studiandone le vicende umane. Per tutto questo, la Corsa di Miguel propone alle scuole di ogni ordine e grado, questo “viaggio” attraverso seminari, gare ed eventi, a scuola e fuori. Ogni istituto scolastico, attraverso una classe o un gruppo di classi, organizza nel periodo fra il 9 e il 15 aprile 2016 (a 120 anni esatti dai giorni della prima Olimpiade dell’era moderna), delle mattinate in cui viene presentato al resto della scuola un PERSONAGGIO o una STORIA speciale del lungo percorso delle Olimpiadi. Alla fine del percorso, ogni scuola interessata potrà produrre un piccolo filmato di 10 minuti che parteciperà a un concorso a premi. Per i professori che aderiranno ai seminari, è prevista la consegna di un libro-dispensa che potrà essere utilizzato nel corso dell’anno per organizzare altre attività didattiche sulle OLIMPIADI. In data 19 dicembre 2015 presso lo stadio Fulvio Bernardini c’è stato un incontro con le società di atletica e le scuole, sia professori che alunni. Sono stato intervistato da alcuni alunni, interessati a sapere perché faccio sport, come sono le mie giornate di allenamento, quali le gare più belle, se ho avuto pressioni, come mi alimento, se riesco ad immaginarmi senza lo sport. E’ stato interessante essere ascoltato da questo gruppo di studenti che prendevano appunti per poi scrivere il giornalino che è un altro progetto a cura degli organizzatori della Corsa di Miguel. La cosa più importante che è emersa è che rispetto al doping, vorrebbero dare una mano, vorrebbero essere anche loro protagonisti per arginare questo fenomeno, e gli ho risposto che già stanno facendo qualcosa di importante interessandosi all’argomento e considerando coloro che ricorrono al doping anche vittime stesse e quindi andrebbero ascoltati, compresi, cercare di farli diventare una risorsa costituendo gruppi interdisciplinare per studiare il fenomeno e cercare di buttare giù dei programma per sensibilizzare studenti ed atleti all’importanza della lealtà, del gioco e dello sport puliti, conoscere gli effetti deleteri dell’uso del doping. Inoltre è emerso che a volte si smette di fare sport o comunque non si ha tempo per fare sport perché i compiti sono troppi e non si ha tempo. Quello che bisogna trasmettere agli studenti, la famiglia, i professori è che lo sport è una scuola di vita, sia lo sport individuale che quello di gruppo permettono agli atleti, ai ragazzi di conoscersi, di mettersi in gioco, di diventare una risorsa per la squadra, di sperimentare il gioco ma anche l’agonismo. Lo dice anche il Giornalista e ideatore della corsa di Miguel, Valerio Piccioni: “Lo sport è un magnifico professore.” Vorrei correre la Maratona di Roma coinvolgendo gente ed invogliando persone ed Enti a contribuire alla vision dell’associazione Sport Senza Frontiere che è una onlus che da anni si batte per l’integrazione sociale attraverso lo sport. Il suo operato si avvale di operatori qualificati e in collaborazione con una rete solidale di partner e associazioni sportive, organizza percorsi sportivi gratuiti per bambini e adolescenti che si trovano in una situazione di grave disagio sociale. Grazie al progetto “FOR GOOD”, l’associazione opera a Milano, Roma, Napoli e Buenos Aires con l’obiettivo ambizioso di seguire 700 bambini e adolescenti svantaggiati provenienti da quartieri a rischio e particolarmente disagiati. Nell’ambito di questo progetto, Sport Senza Frontiere ha scelto di aderire al Charity Program della Maratona di Roma al fine di reperire su Roma i fondi necessari a garantire a 15 bambini svantaggiati un percorso sportivo di un anno integrato da uno screening e monitoraggio sanitario. Per questo motivo ho deciso di correre i 42 km della prossima Maratona di Roma per i bambini seguiti da Sport Senza Frontiere per raccogliere i fondi necessari a garantire a bambini svantaggiati il diritto allo sport e alla salute!! DONA ORA! Grazie per il tuo sostegno a qualsiasi titolo, con donazione, con diffusione della vision, sensibilizzando amici e parenti alla partecipazione di questa iniziativa, insieme potremo fare molto, ancora grazie. Matteo SIMONE https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere-onlus/matteo.simone/sport-veicolo-di-educazione-e-inclusione


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Eleonora Bazzoni, runner: ho subito capito che potevo vincere la gara


POLIKARPENKO “RE” DI BARDOLINO, ANCHE LUI AL VIA SABATO CON 21 NAZIONI


LECHNER, FONTANA, CALVETTI, KERSCHBAUMER, COLLOMB, SCHMID, ECCO I CAMPIONI ITALIANI 2012 XCO DI LUGAGNANO (PC)


Sette suggerimenti per riuscire a realizzare gli obiettivi


MARCIALONGA IMBIANCATA CON NORTHUG. “VICHINGHI” GIÁ IN VAL DI FIEMME E IN VAL DI FASSA


San Valentino per singles: Speed Date on the road a Milano!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Aurelia Rocchi: Non smetterò mai di essere una ultramaratoneta

Aurelia Rocchi: Non smetterò mai di essere una ultramaratoneta
Il mondo delle ultramaratone permette di incontrare e conoscere tanta gente, tante persone speciali e straordinarie che si mettono in gioco in questo sport di fatica. Di seguito, Aurelia racconta la sua esperienza sportiva rispondendo ad alcune mie domande di un po’ ti tempo fa: Cosa significa per te essere ultramaratoneta? “Per me essere una ultramaratoneta vuole dire ess ere grande, forte.” A (continua)

Pamela Guidotti, ultrarunner: La nostra forza di volontà ci può portare ovunque

Pamela Guidotti, ultrarunner: La nostra forza di volontà ci può portare ovunque
Si fa sempre in tempo per iniziare a praticare uno sport e accorgersi dei benefici che se ne ricavano a livello di sensazioni fisiche e mentali. Di seguito Pamela racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande: Qual è stato il tuo percorso per diventare un atleta? “Ho iniziato correndo per 3-4 Km 2/3 volte a settimana per poi aumentare gradualmente sia nei km, sia nella velocità. Ade (continua)

Un grande Aldo Zaino per l’età, classe 1935, e per essere sempre presente

Un grande Aldo Zaino per l’età, classe 1935, e per essere sempre presente
Un grande Aldo Zaino per l’età, classe 1935, e per essere sempre presente quando si tratta di correre, di presentare un libro, quando c'è una conferenza stampa di presentazione gara e atleti. Grande per raccontare e imprimere momenti di sport suoi e di altri attraverso foto che scatta prima, durante e dopo le gare e scrivendo articoli di presentazione e resoconti di gare ed eventi. Grande per ess (continua)

Lo sport aiuta a stare con gli altri confrontandosi e condividendo gioia e fatica

Lo sport aiuta a stare con gli altri confrontandosi e condividendo gioia e fatica
Lo sport diventa una terapia naturale meglio di tanti farmaci, diventa un addestramento alla vita, incrementa consapevolezza nei propri mezzi e proprie capacità, incrementa fiducia in sé, aiuta a stare al mondo con una visione positiva e propositiva, l’esercizio fisico attraverso lo sport ti permette di elaborare pensieri e problemi, prendere decisioni ragionate, aiuta a pianificare progetti e met (continua)

Presso il bar Caffettiamo (Roma) verrà presentato il libro "Lo sport delle donne

Presso il bar Caffettiamo (Roma) verrà presentato il libro
Venerdì 8 marzo alle ore 18.30 Presso bar Caffettiamo (Via Olevano Romano 35 – Roma) verrà presentato il libro "Lo sport delle donne. Donne sempre più determinate, competitive e resilienti" di Matteo Simone. Moderatrice dell'evento sarà l'ingegnere e atleta Alessandra Penna, inoltre saranno presenti, per testimoniare le loro esperienze descritte nel libro, le maratonete: Francesca Boldrini, Elisa (continua)