Home > Prodotti per la casa > Finestre e serramenti in legno: è meglio il massello o il lamellare?

Finestre e serramenti in legno: è meglio il massello o il lamellare?

Finestre e serramenti in legno: è meglio il massello o il lamellare?

28/04/2016 - BRESCIA. Quando si devono scegliere dei nuovi serramenti per la propria casa, ad ogni buon conto si sta facendo un investimento, piccolo o grande che sia. L'esborso sarà consistente, dunque sarà meglio ragionarlo bene e soprattutto… spendere bene!

Come per molti altri acquisti, anche nell’ambito dei serramenti in legno vi è un gran numero di opzioni, caratteristiche e varianti. Le finestre e le portefinestre, infatti, possono essere realizzate anzitutto con diversi tipi di legno: dai più comuni legni “morbidi” come il pino o l’abete ai legni “duri” come il rovere o il larice, passando per douglas, hemlock, okoumé, meranti, ecc. Tutte queste sono specie legnose adatte all’impiego nella costruzione di infissi.

Ma qui spesso si pone un interrogativo difficile, per chi non sia un po’ addentro nel settore: legno massiccio (detto anche massello) o lamellare?

A questo punto, tanto varrebbe domandarsi in primo luogo: cosa s’intende, in effetti, per legno lamellare? E che differenza c’è con il massello?

Il massello o legno massiccio è ricavato dalla parte più interna (e quindi più solida) del tronco dell’albero: così, mentre la sua resistenza è senz’altro eccellente, al tempo stesso risente maggiormente delle cosiddette “correnti” che attraversano la pianta e che non si arrestano con il taglio della stessa. Il legno, come è noto, è un materiale “vivo” e questa sua vitalità è espressa anche dal movimento che avviene al di sotto della corteccia. Addirittura, in taluni casi può avvenire che dai manufatti in massello di pino fuoriesca della resina.

Il legno lamellare, invece, è composto da tre tavole di legno essiccato (che si chiamano per l’appunto “lamelle”) incollate l’una sull’altra mediante una specifica lavorazione a pressione che le rende indeformabili, ne migliora le prestazioni meccaniche e annulla le tensioni intrinseche perché le fibre della pianta vengono contrapposte.

Tutte le specie legnose menzionate prima possono essere trasformate in lamellare, ma a maggior ragione nell’ambito dei serramenti è un fattore di rilievo che venga adoperato del legno lamellare ben stagionato e ben selezionato, specialmente in questi ultimi anni in cui lo standard dei requisiti tecnici per le costruzioni e (ad esempio) per il conseguimento del «risparmio energetico» è sempre più rigoroso.

È pur vero che il massello, se viene scelto in modo esperto e coscienzioso e poi stagionato ed essiccato nel modo corretto, non risente più di tensioni che, per l’appunto, sono state sfogate durante il periodo di riposo. Similmente, persino un lamellare in cui il legno, prima di essere stato disposto in liste ed incollato, non è stato stagionato adeguatamente, potrebbe rivelarsi meno valido di un massello di alta qualità e addirittura, un domani, imbarcarsi.

Per esempio, i serramenti in douglas vengono comunemente realizzati in massello perché questa specifica specie legnosa, una volta essiccata e stagionata in modo corretto, non dà più problemi di stabilità.

Quando, comunque, l’azienda alla quale ci si rivolge è affidabile e referenziata e può contare su una produzione certificata e su una buona esperienza nel settore, il più delle volte la scelta del legno lamellare rappresenta la più indicata nei contesti abitativi: stabilità, durevolezza, estetica moderna sono i pregi ormai universalmente riconosciuti.

Estetica: sì, perché oltre ad evitare la presenza di eventuali nodi del legno, nel lamellare si riscontra anche una venatura più regolare e una più omogenea disposizione ed assorbimento della verniciatura.

Resta da ricordare, infine, che le tavole di legno lamellare possono essere costruite con “giunzioni a pettine” (dette in Inglese «Finger Joint» o F.J.), oppure “a lista intera” (ossia con lamelle uniche più lunghe). Differenziazione, questa, che riguarda principalmente convenienze di produzione e scelte di qualità del materiale: per esempio, se è vero che nel Finger Joint sono ben visibili le caratteristiche giunzioni fra una lamella e l’altra, è anche vero che le lamelle vengono selezionate in modo da formare liste complessivamente prive di difetti.
 

oOo

Per ulteriori informazioni:
V8 Serramenti - Poncarale (BS)
Tel: 030/2701331 - 335/349917
Fax: 030/6399210
Internet: http://www.serramenti-brescia.com
Facebook: http://facebook.com/serramentieinfissi.brescia
LinkedIn: http://tinyurl.com/V8LkdIn
Twitter: https://twitter.com/serramentiporte

 

serramenti | legno | risparmio energetico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Preventivi per serramenti e infissi: ultime settimane utili per la detrazione del 65% su finestre a risparmio energetico!


Preventivi per serramenti, porte e finestre: ATTENZIONE, detrazione 65% in scadenza!


Rockwool presenta le case in legno “Ecotherm” e “Colda Est”, legno e lana di roccia per efficienza e sostenibilità


Cosa sono i vetrocamera e come contribuiscono al risparmio energetico


Dove e perchè scegliere dei serramenti in pvc


V8 Serramenti: buona notizia, la detrazione del 65% sulle finestre è stata nuovamente prorogata!


 

Ieri...

Stesso autore

Serramenti e finestre: attenzione, ultime settimane utili per la detrazione del 65% (risparmio energetico)

Serramenti e finestre: attenzione, ultime settimane utili per la detrazione del 65% (risparmio energetico)
Fino al 31 Dicembre prossimo si potranno ancora effettuare lavori che mirano alla riqualificazione energetica degli edifici usufruendo della detrazione IRPEF del 65%, ossia l’ormai popolarissimo “ecobonus” o “sconto fiscale” per il risparmio energetico. Al momento, anche se è facilmente ipotizzabile che la proroga di tale beneficio verrà riconfermata (continua)

Serramenti e finestre a risparmio energetico: in Lombardia nuovi limiti per l’isolamento termico da Gennaio 2017

Serramenti e finestre a risparmio energetico: in Lombardia nuovi limiti per l’isolamento termico da Gennaio 2017
Come è ormai ben noto nel settore dell’edilizia, fra Luglio e Novembre del 2015, la Giunta della Regione Lombardia ha approvato dei decreti che stabiliscono delle nuove disposizioni in materia di efficienza energetica degli edifici. Per la parte che compete a infissi e serramenti, i valori di trasmittanza termica (cioè la relativa dispersione del calore) rimarranno ancora per (continua)

Fastidiosi spifferi che entrano in casa dalle finestre: quali soluzioni?

Fastidiosi spifferi che entrano in casa dalle finestre: quali soluzioni?
Aria calda estiva che si fa largo attraverso gli infissi male isolati, ostacolando l’opera del condizionatore… Fastidiosi spifferi di aria fredda invernale che penetrano nel salotto dalla vecchia portafinestra dotata di un vetro singolo… Situazioni abbastanza tipiche per le case un po’ datate o comunque costruite con una concezione di vecchio stampo. Ma come risolverla (continua)

Cosa sono i vetrocamera e come contribuiscono al risparmio energetico

Cosa sono i vetrocamera e come contribuiscono al risparmio energetico
01/04/2016 - BRESCIA. In tema di serramenti, si può dire che vi sia una certa rivalità fra i produttori e venditori delle diverse tipologie di infisso: dal classico legno lamellare o massiccio al più moderno PVC (plastica), fino al metallo (alluminio, ferro o bronzo), per non parlare del materiale misto (legno-alluminio piuttosto che alluminio-legno, PVC-alluminio, ecc.) (continua)

Preventivi per sostituzione di finestre, porte e serramenti: consigli utili per orientarsi

Preventivi per sostituzione di finestre, porte e serramenti: consigli utili per orientarsi
BRESCIA. Sostituire gli infissi di casa può essere per molti un investimento assai vantaggioso: conferisce un valore aggiunto alla propria abitazione e costituisce una spesa tutto sommato recuperabile nel giro di pochi anni grazie all’inevitabile risparmio sulle spese di riscaldamento (una stima approssimativa si aggira intorno ai 500 Euro annui) nonché agli incentivi fisc (continua)