Home > Sport > Domenico Martino: la forza dell'amore supera ogni ostacolo

Domenico Martino: la forza dell'amore supera ogni ostacolo

Domenico Martino: la forza dell'amore supera ogni ostacolo
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Fa sempre piacere incontrare gli amici ultrarunner, Domenico Martino l’ultramaratoneta di Lucera, l’ho conosciuto di persona ad una gara di 6 ore di corsa a piedi a Lucera dove lui risiede e poi l’ho rivisto in occasione della maratona di Roma dove io risiedo. Ultimamente Domenico ha fatto due importantii prestazioni, una gara di 100km da Firenze a Faenza, la classicissima per gli ultrarunner dal nome Il Passatore, e la settimana successiva la prima edizione della 6 ore di Cambobasso in una pista di atletica ottenendo il secondo posto. Inoltre sabato 11 giugno alla 50 km del Gargano un'altro podio, 12° assoluto e 3° di categoria 05h07’ percorso durissimo e molto tecnico. Leggiamo cosa ne pensa l’interessato di queste sue ultime prestazioni. Come sono state le due ultime gare? “Dottore carissimo buonasera. È un piacere rispondere al suo questionario. Lei è un supporto psicologico, per me è davvero importante avere una persona a fianco per queste gare estreme. Ho tanto da raccontare.......ho scoperto un altro punto di forza per affrontare e avere risultati per la corsa. Resta un segreto? Lo possiamo raccontare? Se lo mettiamo in atto noi tutti runner diventiamo tutti campioni......Il mese di Maggio è stato pieno di lavori ed emozioni. Tanti km, oltre 400 tra allenamento Passatore e 6 Ore il 04-06-2016 a Campobasso. Iniziamo dal Passatore per me è stata la 9^ consecutiva.” Le diverse difficoltà che hai riscontrato, i momenti più difficili e più emozionanti, la soddisfazione più grande? “Il caldo all'inizio ha distrutto tutti gli atleti, sono riuscito a coinvolgere 2 amici che hanno fatto per la prima volta questa gara Pasqualino Onofrillo e Fabio Zara il risultato per me non ha importanza ho chiuso in 12h31’58” ma la soddisfazione è stata appunto quella di stare insieme a questi amici e vivere questa gara che tutti i podisti hanno come sogno nel cassetto. Passati appena 7 giorni vado a fare la 6 Ore in pista a Campobasso, davvero una pazzia girare per 6 ore su una pista d'atletica di m.420 e riuscire a percorrere km.62.880 con un podio 2°Assoluto dietro ad un amico Michele de Benedectis con il quale abbiamo deciso di chiudere questa gara insieme con un traguardo mano nella mano con gioia e tanta emozione. Questo è saper fare Sport non ci siamo sfidati, non avrebbe avuto senso arrivare 1° la mia gioia è stata arrivare e salire sul podio con lui. Ho fatto oltre 40 km con il presidente della Podistica Lucera Nicola Bellebuono che mi ha aiutato tanto..” Come hanno contribuito i tuoi amici e le persone che ti seguono nella tua riuscita? “Arriviamo al segreto, non so se dirlo e cosa potrebbe succedere tra noi runner, cercheranno tutti l'amore? Ebbene sì ‘la forza dell'amore supera ogni ostacolo’ avere la tua donna a bordo campo che ti osserva oppure corre al tuo fianco aumenta la capacità di forza. Sorriso sempre alle labbra e amore ti fanno sentire un Campione.” Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta? “Il mio percorso per diventare ultramaratoneta è stato nel fare più maratone allenando il mio corpo a lunghe distanze, da sottolineare che mi spaventava tanto ma dentro di me ho detto: esiste questa gara? La fanno altri? E la farò anch' io, cos ho fatto la mia prima 100km.” Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta? “Le motivazioni non riesco a spiegare mi viene tutto naturale non lo faccio per essere qualcuno faccio questo sport con amore lei mi può insegnare tutti questi km vengono fatti con la testa, oltre ad un buon allenamento ed il ho allenato il mio cervello ad andare oltre.” Per Domenico la corsa è un gesto naturale e così è riuscito ad allenare gambe e testa a correre distanze sempre più lunghe grazie anche ad una grande passione. Domenico ha tanti fan che tifano per lui e gli mandano messaggi augurali come è successo alla vigilia della partenza della lunga gara di 100km d parte di una sua paesana runner Matilde Staffa: “domani alle 15:00 partirà la 100 Km "Il Passatore" e questo piccolo grande uomo nonchè ultra maratoneta percorrerà questi 100 km per la nona volta!!!!!!! Forza e coraggio come sempre, con la mente, il cuore e le gambe!!!!!!!! Noi siamo tutti con te!!!!! Porta alto il nome di Lucera come hai sempre fatto !!!!!!!!! Forza Domenico un grande viaggio lungo 100 km pieno di emozioni ti aspetta!!!!!!!!!” Domenico non riesce ancora a credere a quello che riesce a fare se pensa che temeva la distanza della maratona, ma una volta superato questo muro niente gli è precluso. Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm 380-4337230 - 21163@tiscali.it


Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso
Un bagaglio di momenti magici vissuti con amici prima, durante e dopo la gara Matteo SIMONE Le gare di ultramaratona sono momenti considerati anche magici, ci si arriva con una preparazione il più possibile accurata per soffrire il meno possibile, per non incorrere in crisi o difficoltà e cercando di fare sempre meglio con l’aiuto dell’esperienza, di seguito Filippo racconta la sua esperienza (continua)

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza
Ho portato a casa la convinzione che volere è potere…oltre al cappello del Passatore! Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/ Si è svolta con partenza da Firenze il 26 maggio 2018 la 46^ edizione della 100 km del Passatore che ha visto arrivare come primo uomo a Faenza Andrea Zambelli in 6h54'34” precedendo il tedesco Benedikt Hoffmann, in terza posizione si classifica Giorgio Calc (continua)

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione
La pratica dello sport costruisce personalità solide e resilienti, lo sport permette di ampliare le proprie vedute, permette di spostarsi dalla propria città per gareggiare in altri posti d’Italia e anche al di fuori per passione o per rappresentare la propria Nazione. Di seguito Dario Santoro racconta le sue impressioni di alteta maratoneta rispondendo ad alcune mie domande: Hai partecipato ai ca (continua)

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato
L'aiuto maggiore viene dalle persone che conosci che ti incitano sempre a non mollare Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport ti mette alla prova, soprattutto lo sport di endurance, le corse a piedi di lunga distanza come le gare di 100km, soprattutto se poi ci sono condizioni avverse come le lunghe salite e un caldo che penalizza tanto. Di seguito Andrea racconta la sua es (continua)

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso
La vita è fatta di tanti imprevisti, tanti sogni realizzati, tante soddisfazioni, tanti obiettivi da portare a termine. Diventa importante l’autoconsapevolezza che ti fa comprendere le tue esigenze e i tuoi bisogni e poi ti faccia mobilitare le energie per soddisfare i propri bisogni ed esigenze e trasformare sogni in realtà. Di seguito l’esperienza di Mariella che è passata a uno stile di vita pi (continua)