Home > News > IL LIBRETTO "LA VIA DELLA FELICITA'" IMPERVERSA NEL POPOLARE QUARTIERE DI SAN MICHELE A CAGLIARI

IL LIBRETTO "LA VIA DELLA FELICITA'" IMPERVERSA NEL POPOLARE QUARTIERE DI SAN MICHELE A CAGLIARI

 IL LIBRETTO

 

E' continuata mercoledì 11 gennaio la distribuzione da parte dei volontari della Fondazione de "La Via della Felicità" e della Chiesa di Scientology, del libretto La Via della Felicità: Una Guida Basata sul Buon Senso per una Vita Migliore, di L. Ron Hubbard, nel quartiere di San Michele a Cagliari.

La condotta e le azioni degli altri influiscono sulla stessa nostra vita. A pensarci bene nessuno di noi è convinto che ciò che lo circonda non lo interessi direttamente. A nessuno di noi piacerebbe vivere in un ambiente e in una società degradati, eppure degrado e abbandono sono sotto gli occhi di tutti.

 

"Non devi fare altro che mettere in circolazione La Via della Felicità nella società. Come un mite olio che si espande nel mare infuriato, la calma si diffonderà", con queste parole l'autore esortava a diffondere questo libretto di massime non religiose, capace di far cambiare radicalmente gli animi più incalliti.

Per questo motivo i volontari continuano a promuovere il messaggio contenuto in questo semplice ma profondissimo libretto, che proseguirà ancora nelle prossime settimane per raggiungere gran parte delle famiglie di San Michele e Is Mirrionis.

Info su www.laviadellafelicità.it

VIA DELLA FELICITA | HUBBARD | SAN MICHELE |

OkNotizie

Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

CONTINUA L'IMPEGNO DEI VOLONTARI DI FONDAZIONE PER UN MONDO LIBERO DALLA DROGA IN TUTTA LA SARDEGNA

CONTINUA L'IMPEGNO DEI VOLONTARI DI  FONDAZIONE PER UN MONDO LIBERO DALLA DROGA  IN TUTTA LA SARDEGNA
  Il motto dei volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology è: arrivare alle nuove generazioni con "La Verità sulla Droga", prima che ci arrivino i pusher con il loro carico di morte.   "E' una corsa contro il tempo e una lotta senza quartiere, che stiamo portando avanti da oltre due anni, con un impegno di volon (continua)

"UNA CONFERENZA ILLUMINANTE. HA RAFFORZATO LA MIA DECISIONE DI NON FARE MAI USO DI DROGHE".


Una conferenza di informazione e di prevenzione agli studenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni di un Istituto Superiore, si propone un unico obiettivo di illuminare i ragazzi sugli effetti reali delle droghe e sui pericoli veri che correranno qualora decidessero di farne uso. Quale modo migliore di comunicare un simile messaggio se non farlo attraverso la voce di un ex consumatore c (continua)

NELLA GALLURA SI DIFFONDE A MACCHIA D'OLIO "LA VERITA' SULLA DROGA".

NELLA GALLURA SI DIFFONDE A MACCHIA D'OLIO
  Da Olbia a Tempio Pausania, da Calangianus a Palau e Poltu Quatu, da Cannigione ad Arzachena, Porto San Paolo e Sant'Antonio di Gallura, passando per San Teodoro e Budoni, ormai in tutta Gallura si sta diffondendo a macchia d'olio la corretta informazione sulle conseguenze che la droga causa al corpo e alla mente. Il vecchio detto: "prevenire è meglio che curare" non (continua)

COCAINA E MARIJUANA? NO, GRAZIE! CAMPAGNA DI PREVENZIONE A QUARTU SANT'ELENA.

COCAINA E MARIJUANA? NO, GRAZIE!  CAMPAGNA DI PREVENZIONE A QUARTU SANT'ELENA.
    Recenti sondaggi effettuati tra gli studenti di diversi Istituti Superiori in varie località della Sardegna, evidenziano come la marijuana e la cocaina siano le droghe più diffuse tra i giovani e una altissima percentuale di loro ne hanno fatto uso più o meno frequentemente. Un dato preoccupante, poichè dalla stessa indagine si evince che la maggior (continua)

L'ABUSO DI ANTIDOLORIFICI PUO' PROVOCARE DIPENDENZA. GLI OPUSCOLI INFORMATIVI DIFFUSI NEI NEGOZI DI VILLASOR

 L'ABUSO DI ANTIDOLORIFICI PUO' PROVOCARE DIPENDENZA. GLI OPUSCOLI INFORMATIVI DIFFUSI NEI NEGOZI DI VILLASOR
Gli antidolorifici da prescrizione sono potenti farmaci che interferiscono con la trasmissione di segnali al sistema nervoso che percepiamo sotto forma di dolore. La maggior parte di essi stimola anche alcune parti dl cervello associate al piacere. In tal modo, oltre a fermare il dolore, producono uno stato di esaltazione. Gli antidolorifici prescritti più potenti sono denominati oppioi (continua)