Home > News > Salvo Campanella, handbiker: tutta la vita è una gara

Salvo Campanella, handbiker: tutta la vita è una gara

Salvo Campanella, handbiker: tutta la vita è una gara
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Ho invitato Salvo a rispondere a un questionario di psicologia e sport per conoscere il suo punto di vista sugli aspetti che incidono sul benessere e performance. Come ha contribuito lo sport al tuo benessere o performance? “Lo sport mi rilassa fisicamente e psicologicamente, una costante attività fisica fa sì che le mie condizioni di salute hanno subito un miglioramento, dalla perdita di peso, al miglioramento respiratorio, salute cardiovascolare, scomparsa di malanni stagionali (influenza), scomparsa di dolori articolari, miglioramento della flessibilità articolare, innalzamento della soglia di stanchezza.” Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? “Trovare spazi adatti allo svolgimento della stessa, difficoltà economica perché gli ausili costano una cifra spropositata.” Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “Prediligo i carboidrati semplici prima di una gara (pasta riso frutta secca), durante integro con Sali minerali e qualche integratore di maltodestrine, dopo assumo proteine, e pochi carboidrati.” Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “I benefici che esso mi dà a livello fisico-psicologico, e una grande passione che ho per lo sport, per me fare sport è un bisogno fisico – fisiologico (mangiare bere fare sport).” Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Gli amici campioni a livelli alti, gli allenatori, studi svolti a livello federale, che mi hanno insegnato tecniche di allenamento e di gara.” Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Tutta la mia vita è una gara, cerco ogni giorno di dare il meglio di me in tutto quello che faccio, nel pieno rispetto del prossimo e delle regole sociali. In generale qualsiasi gara mi emoziona dalla più importante alla più semplice.” Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “Sicuramente l’incidente che ho avuto e che mi ha cambiato la vita.” Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Adattarsi a qualsiasi situazione, sfruttare al massimo la tua condizione fisica, essere testardo, fissare degli obbiettivi e impegnarsi a raggiungerli.” Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Insegnare l’approccio allo sport a un bambino superabile è stata la cosa che più mi incuriosisce e mi diverte.” Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare attività fisica? “Riesco a socializzare meglio con la gente.” Quali sono o sono state le tue sensazioni pregara, in gara, post gara? “Nervosismo, agitazione, fatica stanchezza, adrenalina, rilassamento, dolore muscolare.” A seguito delle tue esperienze che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “Ascoltate il vostro corpo, e agite sempre secondo la vostra testa non fatevi mai condizionare dagli altri.” Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping e per fare uno sport teso al benessere o alla performance? “Il doping è rischioso sia a livello fisico che psicologico in oltre è un mezzo sleale nei confronti degli altri tuoi compagni.” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Io non riuscirei a vivere.” Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Ho ripreso a fare attività ripartendo da zero e piano piano le mie prestazioni sono tornate quelle di prima.” Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Non saprei sono sempre stato io stesso a spronarmi psicologicamente.” Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi a questo sport fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Dico sempre a tutti che lo sport è lo specchio della vita.” Per Salvo lo sport è vita, attraverso lo sport sperimenta benessere, lo sport lo incuriosisce, l’appassiona, una vita per lo sport, si dedica anche al prossimo attraverso l’insegnamento dello sport anche a bambini superabili. Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net 380-4337230 - 21163@tiscali.it http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Al Via la II Edizione del Premio “MUSA D’ARGENTO”


PRIMA DI COPPA PER LA POLARTEC VAL DI FASSA BIKE FUORICLASSE DELLA MTB A SETTEMBRE IN TRENTINO


20° GIIR DI MONT: LA STORIA DELLO SKYRUNNING LA GARA DI PREMANA DEL 29 IN DIRETTA SU RAI SPORT


LE DOLOMITI SFONDO PER LA MTB IN VAL DI FASSA, OGGI I GIOVANISSIMI, DOMANI LA GRANDE SFIDA


ANDREEVA E PERIKLIS AL VIA DELLA 3T BIKE, CRESCE L’ATTESA PER L’EVENTO DELLA VALSUGANA


 

I più cliccati

Stesso autore

Andrea Macchi, 3° al Tor: Quest'anno sognavo di poterla rifare al mio 100%

Andrea Macchi, 3° al Tor: Quest'anno sognavo di poterla rifare al mio 100%
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Il Tor Des Geants, 330km 24.000 D+, sulle Alte Vie della Valle d’Aosta con partenza ed arrivo a Courmayeur, è considerato "il trail più duro al mondo", il tempo limite è di 150 ore, in regime di semi-autosufficienza. Lo spagnolo Javi Dominguez, 43 anni, vince il Tor in 67h52’15”, Oliviero Bosatelli arriva secondo assoluto in 69h16’, al terzo po (continua)

Mezza maratona della pace: Lo sport è di tutti con ogni modalità e possibilità

Mezza maratona della pace: Lo sport è di tutti con ogni modalità e possibilità
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport è di tutti con ogni modalità e possibilità; questo è anche il messaggio della mezza maratona della pace, sport per abbattere barriere culturali, generazionali e religiose; sport per incontrare persone, culture e mondi, per comprendere e accettare la diversità degli altri; sport per essere più comprensivi e tolleranti e meno accusatori (continua)

Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada

Stefano Velatta, 40 miglia: Paura sia mia che di Giorgio di aver sbagliato strada
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Un’occasione ghiotta per Stefano, dell’Olimpia Runners, partecipare alla 40 miglia e confrontarsi con atleti di calibro come Buccilli specialista in maratona e Calcaterra Re della 100k. Il mondo degli ultrarunner è molto amichevole, si è disposti a confrontarsi e ad apprendere dagli altri, c’è meno tensione e meno stress rispetto ad altre speci (continua)

Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Approfitta running e turismo

Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Approfitta running e turismo
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Manfredonia sempre più città dello Sport, non mancare il 17 settembre 2017, si disputerà la 1^ Re Manfredi Run, Memorial Gen. Michele De Finis. Save the date, porta amici e famiglia, sport e cultura da non perdere. La gara è valida come 8^ Tappa CorriCapitanata 2017, nonché Campionato Provinciale M (continua)

Gisella, trail running: Il TOR non lo puoi raccontare...lo devi vivere di persona

Gisella, trail running: Il TOR non lo puoi raccontare...lo devi vivere di persona
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Sto scrivendo quest’articolo mentre Gisella sta correndo il tor des Geants 2017 una gara di 330km con migliaia di km di dislivello con un tempo massimo di 150 ore, lei che lo ha già portato a termine e che ha raccontato la sua esperienza di atleta rispondendo a un io questionario, le cui risposte riporto di seguito. Ti sei sentita campione nel (continua)