Home > Sport > GF GAVIA & MORTIROLO PER APPASSIONATI VERI

GF GAVIA & MORTIROLO PER APPASSIONATI VERI

DUE MOSTRI SACRI TUTTI DA SCALARE

 

Il 25 giugno Granfondo Internazionale Gavia & Mortirolo all’Aprica (SO)

Sulle orme del Pirata e della storia d’Italia sui due mitici passi

Tre percorsi: granfondo (175 km), mediofondo (155 km) e fondo (85 km)

Iscrizioni alla cifra di 50 euro entro le ore 20 di mercoledì 21 giugno

 

 

Non si può dire di essere dei granfondisti fatti e finiti se non si sono portate a termine delle determinate ascese scolpite nella storia del ciclismo nazionale ed internazionale: nel taccuino di qualsiasi cicloamatore ci sono ad esempio le due scalate del Gavia e del Mortirolo, due passi che, solo a nominarli, provocano brividi lungo la schiena del vero appassionato. Chi ha già affrontato queste due salite non riesce a dimenticarle, e sogna di affrontarle di nuovo, magari migliorando la propria prestazione; chi invece non le ha ancora aggiunte al proprio palmarès… beh, sa che deve recuperare terreno.

Per grande fortuna dei cicloamatori c’è una kermesse che permette di inanellare entrambi questi mitici passi: parliamo ovviamente della Granfondo Internazionale Gavia & Mortirolo, in programma il 25 giugno ad Aprica, in provincia di Sondrio, e valevole per circuiti come Gran Trofeo GS Alpi, Prestigio, Zero Wind, InBici Top Challenge e Coppa Lombardia. Tre i percorsi tracciati dagli instancabili organizzatori del GS Alpi di Vittorio Mevio: quello della granfondo vera e propria, che con i suoi 175 chilometri e un dislivello complessivo di 4.500 metri pretende un allenamento perfetto, una strategia puntuale e soprattutto una volontà ferrea, per affrontare in un solo colpo i Passi Gavia, Mortirolo e Santa Cristina; il mediofondo, che taglia il Passo Santa Cristina e si concentra su Gavia e Mortirolo per un totale di 155 chilometri e un dislivello di 3.600 metri; infine il corto, che si ‘limita’ a Mortirolo e Santa Cristina, per una distanza comunque tutta da pedalare di 85 chilometri e 1.850 metri di dislivello. L’occasione, per i cicloamatori, è dunque quella di affrontare due oppure tre dei mostri sacri del loro sport preferito, con la carica che solo una competizione agonistica come questa può dare, potendo inoltre contare su tutto il supporto e la gestione della sicurezza che contraddistinguono gli eventi targati GS Alpi.

Il Mortirolo in particolare, tra la Valtellina e la Valcamonica, è uno dei luoghi più densi di significato nella storia italiana: due sono infatti le battaglie che portano il suo nome, entrambe combattute nel 1945 tra i partigiani delle Fiamme Verdi e le truppe della Repubblica Sociale Italiana. Nello specifico, la Seconda Battaglia del Mortirolo, combattuta per tre lunghe settimane tra il 9 aprile e il 2 maggio ’45, è ricordata come la più grande battaglia campale della Resistenza italiana.

Ma sono di tutt’altro stampo le sfide passate che ispireranno i tanti partecipanti a questa granfondo, prima fra tutte quella indimenticabile che vide protagonista l’allora quasi sconosciuto Marco Pantani, il quale nel 1994 su questa stessa salita staccò in fuga solitaria avversari ben più quotati, come Indurain e Berzin. Più squisitamente ciclistica, invece, la storia del Gavia, che è stato Cima Coppi per ben sette Giri d’Italia, tra il 1989 e il 2010.

Le iscrizioni per partecipare alla granfondo sono ovviamente aperte, con la possibilità di registrarsi online al prezzo di 50 euro, entro le ore 20 di mercoledì 21 giugno. Per gli eterni indecisi ci sarà poi la possibilità d’iscriversi direttamente in loco con un sovraprezzo di 10 euro, il 24 e il 25 giugno. Il prezzo d’iscrizione per i concorrenti disabili, invece, è fissato a 25 euro.

Info: www.granfondogaviaemortirolo.it

gf gavia mortirolo | gs alpi | aprica | lombardia | newspower |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

KRYS, UN CANNIBALE ALLA CORTE DI EDDY MERCKX. LA GF DI RIVALTA “INFILZATA” DALLA VACCARONI


LA GF GIORDANA SCOLLINA IN ALTO, DOMENICA IN 3000 SU GAVIA E MORTIROLO


GF GIORDANA: SOLE SU GAVIA E MORTIROLO! TRE … “PASSI” PER GLI SCALATORI DOC


10 GIORNI ALLA GF GAVIA & MORTIROLO


CICLISMO INTERNAZIONALE ALLA GF GIORDANA. 27 NAZIONI AL VIA DALL’APRICA (SO)


PRONOSTICI ACCESI PER L’8.a GF GIORDANA, DOMENICA INTERNAZIONALE ALL’APRICA (SO)


 

I più cliccati

Stesso autore

BABY, CUCCIOLI E REVIVAL DI SCENA AL 35° SKIRI TROPHY

SPETTACOLO DI SPORT E “JOY OF MOVING” IN VAL DI FIEMME   35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry oggi in Val di Fiemme (TN) Nives Baricevac e Matija Stimac: apoteosi croata nella categoria Baby Il basco Peio Anarbe primo fra i Cuccioli, applausi anche per la cuneese Aurora Giraudo Kinder+Sport “Joy of Moving” progetto mondiale presente a Lago di Tesero con u (continua)

KINDER+SPORT “JOY OF MOVING” ALLO SKIRI TROPHY

OLTRE UN MIGLIAIO DI GIOVANI FONDISTI SULLE NEVI FIEMMESI   35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry in Val di Fiemme (TN) Il primo oro olimpico nella storia del fondo Franco Nones tra i fondatori del G.S. Castello Kinder+Sport “Joy of Moving” è un progetto mondiale che coinvolge 28 paesi e al Trofeo regalerà  una maglietta, un laccio porta skipass e u (continua)

UN MESE ALLA 35ᵃ GRAN FONDO VAL CASIES

TANTI CAMPIONI SFILATI SUL MANTO ALTOATESINO   Il 17 e 18 febbraio 35.a Gran Fondo Val Casies (BZ) Fondo, location da scoprire e menù a cinque stelle 30 o 42 km in tecnica classica (sabato), 30 o 42 km in tecnica libera (domenica) Iniziative di contorno fra musica dal vivo, sports party, “Prünstler” ed After Race     La Val Casies, in Alto Adige, (continua)

ÖTZI ALPIN MARATHON: TRIATHLON DA “ROCKSTAR”

DA NATURNO AL GHIACCIAIO IN SINGOLO O IN STAFFETTA   15ᵃ Ötzi Alpin Marathon il 28 aprile 42.2 chilometri e 3266 metri di dislivello tra MTB, corsa e skialp Da Naturno (BZ) fino al luogo di ritrovamento della Mummia del Similaun, a quota 3.212 metri Iscrizioni aperte ad 80 euro in singolo e a 185 euro in team/staffetta     Il 28 aprile non prendete appuntament (continua)

MARCIALONGA: PAOLO BETTINI ESPLORA IL PERCORSO DI FIEMME E FASSA

“IL GRILLO” SCENDE DALLA BICI E INFORCA GLI SCI   Ai Marcialonghisti ed agli appassionati di sci di fondo il soprannome “Grillo” riempie il cuore e ricorda il mitico Maurilio De Zolt, oro olimpico e mondiale, che per quattro volte si aggiudicò la Marcialonga. Ma nel mondo dello sport e del ciclismo in particolare, c’è un altro “Grillo&rd (continua)