Home > Economia e Finanza > Autolettura, è vero risparmio?

Autolettura, è vero risparmio?

Autolettura, è vero risparmio?

A cercare di rispondere a questa domanda è stato Facile.it (https://www.facile.it/energia-luce-gas.html), il principale comparatore italiano del mercato che  ha analizzato i dati dichiarati dai propri utenti in fase di preventivo scoprendo che se, per i consumi del gas fanno l’autolettura circa il 76% dei consumatori, la percentuale crolla al 27% se si parla delle bollette dell’elettricità.

«L’autolettura permette al cliente di ricevere una fatturazione basata sui consumi reali e non su quelli stimati», ha dichiarato Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it, «ma pochi sanno che la quasi totalità dei fornitori, quando effettua stime, lo fa in maniera conservativa con misure che oscillano fra il 20% ed il 30% in meno rispetto ai consumi effettivi. Per questo motivo, il vantaggio maggiore delle autoletture è quello di consentire al consumatore un maggiore controllo sui propri costi e, per usare un termine tecnico, sui flussi di cassa».

A determinare la grossa differenza nell’autolettura fra luce e gas è il fatto che se nel primo caso i contatori tele-letti dal fornitore sono sempre più diffusi, nel secondo la percentuale di diffusione di questo tipo di tecnologia è pari a poco più dell’ 1%.

A guidare la classifica delle regioni più propense a comunicare proattivamente al proprio fornitore i reali consumi di casa è la Lombardia; qui vivono il 26% dei consumatori che fanno l’autolettura per l’energia elettrica ed il 71% di chi lo fa per il gas. Alle spalle della Lombardia si trova il Lazio per l’energia elettrica (19,6%) ed il Veneto per quanto riguarda i consumi legati al gas (24%).  Guardando la classifica dal basso si scopre come la pratica dell’autolettura sia pressoché assente al sud e nelle isole con regioni dove non si arriva nemmeno all’1% dei consumatori.

Aggregando i risultati per macro aree, per quanto riguarda l’energia elettrica fa capo al Nord il 57% delle autoletture; la percentuale sale al 73% nel caso del gas.

luce | gas | elettricità | bollette | risparmio | contatori | auto lettura | Facile it |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BUSINESS PER ALCUNI, OPPORTUNITÀ PER ALTRI: ECCO COME SI FA VACANZA NELL’ANNO DELLA CRISI


Affidarsi a carte premi e promozioni per uno sconto carburante


Prezzi e qualità per tutta la famiglia


Come non pagare il bollo proporzionale


L'e.commerce "risparmioso": un assortimento di primizie calabresi....col taglio prezzo!!!


E tu sai come scegliere un "lastminute"?


 

I più cliccati

Stesso autore

PMI italiane sempre più tech: sul web per abbattere i costi di luce e gas

PMI italiane sempre più tech: sul web per abbattere i costi di luce e gas
   Il tessuto industriale italiano è storicamente caratterizzato da piccole e medie imprese che, secondo dati del 2016, nel nostro Paese sono circa 145 mila (fonte: Cerved). Artigiani, studi professionali, negozi e piccole aziende, però, devono fare i conti con i costi di gestione delle loro sedi, primi fra tutti quelli dell’energia e, per risparmiare, sempre pi&ugra (continua)

Ristrutturazione prima casa: 10 consigli per scegliere fra mutuo e prestito

Ristrutturazione prima casa: 10 consigli per scegliere fra mutuo e prestito
  Nel 2017 sono state 700.000 le abitazioni ristrutturate approfittando dei tassi particolarmente vantaggiosi e delle detrazioni previste dalla legge (Fonte: Scenari Immobiliari). Molti italiani hanno scelto di chiedere in prestito a banche o finanziarie la somma necessaria per affrontare i lavori e, secondo l’osservatorio di Facile.it, quando si parla di ristrutturazioni, la richies (continua)

Il 6% dei siciliani compra solo cibo prossimo alla scadenza perché in sconto

Il 6% dei siciliani compra solo cibo prossimo alla scadenza perché in sconto
 Ogni settimana il 60% dei siciliani discute in famiglia per ragioni legate al risparmio domestico e addirittura più di 1 su 4 lo fa tutti i giorni (27%); in media, sono ben 9,6 le discussioni che, ogni mese, una famiglia siciliana fa a causa delle spese di casa. Un dato estremamente alto, pari a quasi il doppio rispetto alla media nazionale (5,8 discussioni al mese), che evidenzia com (continua)

Consumi: gli italiani tracciano ancora le spese con l’agenda cartacea

Consumi: gli italiani tracciano ancora le spese con l’agenda cartacea
  Tenere traccia delle spese è il primo passo per risparmiare e per avere un controllo preciso delle uscite e, infatti, il 67% degli italiani dichiara di farlo. Lo strumento preferito per non perdere di vista le proprie finanze familiari, usato da oltre 11,2 milioni di persone, è però ancora la cara vecchia agenda cartacea. Questo uno dei dati emersi dall’indagin (continua)

1,18 milioni di romani ogni settimana discutono in famiglia per ragioni legate al risparmio

1,18 milioni di romani ogni settimana discutono in famiglia per ragioni legate al risparmio
  Ogni settimana, a Roma e provincia, 1,18 milioni di persone discutono in famiglia per ragioni legate al risparmio domestico; addirittura 370.000 individui lo fanno quasi tutti i giorni. Questa è una delle evidenze emerse dall’indagine presentata da Facile.it in occasione dell’inaugurazione del Facile.it Store di Roma. Il comparatore ha commissionato lo studio* a mUp Re (continua)