Home > Economia e Finanza > Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex

Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex

Lo spunto più interessante per i mercati finanziari lo ha dato Charles Evans, presidente della Fed di Chicago. Ha spiegato che secondo la sua idea, quest'anno potrebbero esserci tre se non addirittura quattro rialzi del costo del denaro da parte della Banca Centrale Usa. Per la precisione, potrebbero essere 4 se l'economia americana continuerà a mandare segnali positivi. Quello di Evans è stato il primo di una serie di interventi dei membri della FED attesi in settimana. L'istituto centrale Usa qualche giorno fa ha proceduto al primo rialzo in questo 2017, come era ampiamente nelle previsioni degli economisti.

A seguito di quella mossa di politica monetaria, però il dollaro non aveva brillato nei mercati valutari. Anzi tutt'altro. E anche oggi è continuato il momento di debolezza del dollaro. Il biglietto verde infatti nel forex ha camminato sui minimi a 5 settimane. Infatti il dollar index, che misura la variazione del dollaro contro un paniere composto dalle altre sei principali valute, è sceso dello 0,25% finendo sotto quota 100 (per la precisione 99,86). Si tratta del livello più basso dal 6 febbraio scorso. Se avete tempo, vi suggeriamo di studiare il dollar index con la strategia fascia di pesca con Bande Bollinger.

Appuntamenti clou per il dollaro

Nel corso di questa settimana è atteso (giovedì) il primo discorso di Janet Yellen susseguente la stretta monetaria. A livello macro però ci saranno anche altri appuntamenti. Domani sul fronte macro Usa oltre all’indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio, verrà reso noto il dato sulla bilancia delle partite correnti. Gli analisti si aspettano un saldo negativo di 128,06 miliardi di dollari, in peggioramento rispetto al trimestre precedente. C'è poi anche il discorso di Esther George, presidente della Fed di Kansas City, oltre a cui parlerà anche Loretta Mester, a capo della Fed di Cleveland, e William Dudley, presidente della Fed di New York. Tornando alla questione dollaro, oggi il biglietto verde ha chiuso in rosso con l'euro. Il cross Eur-Usd infatti é scambiato a 1,0739, su di 0,01% al momento della scrittura. La coppia é arrivata a trovare supporto a 1,0601, il piú basso di mercoledì, e resistenza a 1,0784, la piú alta di venerdì. Suggeriamo di utilizzare il breakout pullback strategia per valutare eventuali ingressi in questo trade.

Una considerazione a parte merita il petrolio, altro importante driver dei movimenti di mercato (specie per via di molte correlazioni esistenti). L'oro nero ha recuperato gran parte delle perdite che aveva patito durante la mattinata, e alla fine il prezzo del petrolio Wti cede lo 0,74% a 48,42 dollari al barile. Sale invece la consegna maggio sul Brent, che segna +0,08% a 51,80 dollari. Qui consigliamo di utilizzare una strategia segnale tendenza.

Infine, è ancora in crescita il prezzo dell'oro, che segna 1235 dollari l'oncia (+0,25%). 

dollaro | usd | forex | valute | finanza |


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

IL TAPPONE DEI “VAMPIRI” SUL BUFFAURE, GALLIANO SUPER, NANU STUPEFACENTE!


L’ARRAMPICATA GUARDA VERSO ARCO (TN), AL ROCK MASTER SFIDA ANCHE DI COPPA DEL MONDO


PRONOSTICI “CALDI” PER LA VERONAMARATHON, GLI AFRICANI ALLA CONQUISTA DEL PODIO


ITALIA NUMERO UNO, AL 52° TROFEO TOPOLINO SCI ALPINO


I mercatini nascosti in Europa


LA VAL DI FIEMME (TN) ASPETTA IL “TOPOLINO”. GIÁ 150 I PICCOLI FONDISTI ISCRITTI


 

I più cliccati

Stesso autore

Brexit e sterlina legate a filo doppio. Scenari in bilico per la GB

La questione dei negoziati sulla Brexit ha spianato la strada ai ribassi della sterlina, con i dati macro che fanno da moltiplicatore ai timori dei trader. Molti preferiscono rimanere bullish sul cross GBP/USD nel forex market, prevedendo il raggiungimento di quota 1.3200 entro il prossimo mese. La debolezza della sterlina La quotazioni chiave del GBP ha centrato il livello di 1,3126 per poi amp (continua)

Inflazione e produzione, ecco i dati macro rilevanti della settimana

Comincia una settimana molto interessante dal punto di vista macroeconomico. Sono infatti in uscita una serie di dati su inflazione e produzione che potrebbero incidere in modo forte sulle quotazioni di alcune major nel Forex. Vale dunque la pena fare una panoramica su quello che ci aspetta nei prossimi giorni, anche perché saranno la base per i migliori segnali operativi Forex gratuiti. I (continua)

Sterlina, futuro in bilico in relazione ai negoziati sulla Brexit

Sembra aver messo la retromarcia la sterlina, che in questo avvio di settimana è sceso nei confronti del dollaro e potrebbe varcare al ribasso quota 1,29. Malgrado questa correzione, nelle ultime due settimane il valore del pound nei confronti del biglietto verde è salito, e molti segnali gratuiti opzioni binarie affidabili continuano a puntare sul rialzo. Dal punto di vista ma (continua)

Dollaro canadese in salita malgrado il petrolio scenda. Cosa succede?

Dopo aver vissuto un periodo che l'ha portato a cedere circa il 4% negli ultimi due mesi, la coppia USD/CAD adesso sembra volersi stabilizzare attorno alla quota 1.3250. Questo andamento per certi versi potrebbe cogliere di sorpresa, dal momento che il forte apprezzamento del dollaro canadese è avvenuto nel periodo in cui il petrolio (fortemente correlato al loonie) è andato in netto (continua)

Federal Reserve nel dubbio: quando alzare ancora il tasso di interesse?

La Federal Reserve ha ritoccato solo pochi giorni fa il tasso di interesse. Si è trattato del secondo rialzo durante il 2017, e teoricamente dovremmo essere a metà dell'opera. Infatti lo scorso inverno ne vennero annunciati 4, o come minimo 3. Ma sarà davvero così? Nel corso dell'ultimo meeting, l'istituto centrale americano ha deciso di alzato il costo del denaro di (continua)