Home > Musica > “Decantato” è l’ultimo lavoro del cantautore Francesco Sposito prodotto a Marigliano presso l’Amarcord Studio di Giuseppe Sasso rinomata etichetta indipendente. (Scritto da Antonio Castaldo)

“Decantato” è l’ultimo lavoro del cantautore Francesco Sposito prodotto a Marigliano presso l’Amarcord Studio di Giuseppe Sasso rinomata etichetta indipendente. (Scritto da Antonio Castaldo)

 “Decantato” è l’ultimo lavoro del cantautore Francesco Sposito prodotto a Marigliano presso l’Amarcord Studio di Giuseppe Sasso rinomata etichetta indipendente. (Scritto da Antonio Castaldo)

E’ in corso la distribuzione digitale, su iTunes, Amazon, Spotify ed altre piattaforme musicali, del nuovo lavoro di Francesco Sposito che porta l’enigmatico titolo: “Decantato”. Il cantautore bruscianese, così come per il primo CD “Giochi di memoria” del 2008, si presenta sotto l’egida dell’etichetta discografica indipendente “Amarcord Studio” di Giuseppe Sasso a Marigliano. Questo studio vanta l’assidua frequentazione del compositore Pasquale Catalano che qui ha registrato sue colonne sonore per opere di cineasti come Paolo Sorrentino, Ferzan Ozpetec, Richard J. Lewis e tanti altri.

Per “Decantato” invece i testi e le musiche, la voce e l’esecuzione al piano sono di Francesco Sposito; Arrangiamenti di Giuseppe Sasso e Francesco Sposito; Direzione musicale di Giuseppe Sasso; Registrazione, missaggi e mastering all’Amarcord Studio; Batteria, Darbuka, Bodran, Tammorra, Shaker, Caxixi, Capanz e Tamburello con Riccardo Schmitt; Chitarre classica e acustica con Claudio Romano; Contrabbasso con Sasha Lioni, Violino, flauto dolce, programmazione e vibrandoneon di Giuseppe Sasso. L’autore ringrazia Giuseppe Sasso ed i partecipanti musicisti; Gladys Pardini, voce narrante in “Scrivo e cancello”; Mauro Sposito, docente consulente; Antonio Sposito, fotografo e Mario Sposito, regista; Katie Mugello, Marco Gabess, Deborah Esposito, Francesca Tammaro ed infine Margherita Monaco per la grafica. L’autore ha dedicato questo lavoro discografico ai nipoti Silvia e Alessandro ed ha reso un omaggio al medico francese inventore della “Manovra di Semont” contro le vertigini.

A Marigliano, il 21 marzo scorso il sociologo e giornalista, Antonio Castaldo, ha incontrato il cantautore Francesco Sposito del quale ha apprezzato “nella pratica del panorama della musica pop italiana l’onesto richiamo al cantautorato degli anni ’70 e ’80, De Gregorio, De André e Fossati. L’accattivante mood musicale e gli originali testi di questo viaggio ‘Decantato’ che ci racconta di amori in transito con mete certe ma rotte instabili. Sogni e delusioni, felicità e sofferenza, vita ed esperienza, arte e vissuto personale vengono trattati con delicatezza e profondità e mettono in moto un inarrestabile moto empatico nell’ascoltatore. Il viaggio musicale ed esistenziale proposto  da Francesco Sposito, volendo parafrasare un antico detto medievale, tocca la progressiva accelerazione, dal passo dei camminatori, alla corsa dei sapienti, fino al volo degli innamorati”.

Il 55enne Francesco Sposito, la cui passione musicale inizia a 15 anni di età, trasmessagli dal padre Santino, un provetto mandolinista, ha praticato per un ventennio piano bar e accompagnamenti musicali a vari artisti di cabaret. In questo incontro nel primo giorno di primavera l’autore ha raccontato della genesi e dei contenuti delle 10 canzoni e della finale bonus track del suo “Decantato” di cui sono su YouTube, “Patologia”, https://www.youtube.com/watch?v=z9D3m-8Lj18 e “Presenza Assenza”, https://www.youtube.com/watch?v=ZHVjHWZ9rIc .

“Patologia”. Un viaggio, un volo, un decollo esistenziale con l’abbandono di tutta la zavorra per vivere un amore pieno. “Presenza Assenza”. Consunzione di un rapporto amoroso. Il coraggio di andare via prima che l’altro di butti fuori, una volta constatato che lo sguardo non legge più la stessa luna. “Giro di ballo”. Psicoanalisi e liberazione nel terapeutico sciogliersi e lasciarsi andare. “Audrey”. Genitori patologici, separati, con una figlia che ribalta i ruoli e si prende cura degli adulti immaturi. “Non è una favola”. Una denuncia dell’offesa ambientale recata dagli uomini ingordi di profitto. Parteciperà alle prossime selezioni dello Zecchino d’Oro. Qui, Franco Sposito ricorda di “avere scritto testo e musica di getto, in un’ora senza ripensamenti, ritocchi o rivisitazioni”. “Scrivo e cancello”. In una semplicità assoluta si raccontano gli ultimi passi di un amore, nel conflitto finale la felicità dell’uno contro la volgarità dell’altra. E qui incontriamo anche la voce narrante dell’argentina Gladys Pardini. “E’ una favola”. Un altro amore reso impossibile dalle circostanze sociali. Nostalgia e rimpianto per quanto non è potuto accadere. “Nera”. L’autore in questo passaggio teme di essere stato sdolcinato, patetico. Ma il tema è attualissimo ed ha il colore della pelle dei migranti che passano sotto l’occhio esaminatore e persino dell’olfatto. Accoglienza minata dalla paura e dalla diffidenza. “Clint”. Omaggio all’attore e regista Clint Estwood, idolo di uomini e donne. “Risaliamo a bordo”. Richiamo al rispetto di ruoli e professioni di competenze e responsabilità. Invito ad uscire dal “Truman Show” che ci vede recitare sull’orlo del baratro e del fallimento generale. Infine la bonus track dedicata “ad Alain Semont e alle Sue manovre”.

Per il cantautore Francesco Sposito “non possono esserci black out permanenti. La luce della vita ritorna magari dopo un’accurata manovra di decantazione, per smaltire vertigini, far riposare gli umori, sciogliere tensioni, risolvere conflitti, superare incomprensioni e trovare il coraggio di nuove esperienze”.

Il sociologo e giornalista Antonio Castaldo ha affermato che “la forma canzone, sia essa un gioco, uno sfogo, un’aspirazione, una denuncia, una rivendicazione, un canto di lotta o d’amore,  ha da sempre dato la possibilità ad uomini e donne, vecchi e bambini, di esprimere i propri sentimenti. I testi e le musiche di Francecso Sposito affrontano efficacemente questi nostri anni di confusione ne cantano le difficoltà e mettono in allarme per il rischio di una mutazione antropologica”.

 

IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali - Brusciano NA

 

Decantato di Francesco Sposito |


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Peperoncino Jazz Festival 2007


ALBERI è la cover di ALESSANDRO GIANNINI featuring LUCA SORRENTO del pezzo del grande cantautore ENZO GRAGNANIELLO


“LAmiaFAVOLA+BELLA” E' IL NUOVO ALBUM DI NUDi USCITO IL 29 LUGLIO DA CUI E' ESTRATTO L'OMONIMO SINGOLO


BUNNA * RAPHAEL * ZIBBA DOUBLE TROUBLE IL 21 OTTOBRE E' USCITO “CENERE” IL NUOVO SINGOLO E IL VIDEO.


SANREMO PER IL SOCIALE


A Brusciano il Rap ha volto, voce e scrittura di Domenico Modola in arte di Mimmo Taki. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

I più cliccati

Stesso autore

Mariglianella: Iniziata con successo la VII Edizione di “R…Estate con Noi” promossa dall’Amministrazione Comunale.

Mariglianella: Iniziata con successo la VII Edizione di “R…Estate con Noi” promossa dall’Amministrazione Comunale.
A Mariglianella, nella trascorsa serata di venerdì 21 luglio, l’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo, ha dato il via alla VII edizione di “R…Estate con Noi” per allietare il godimento del periodo estivo dell’intera Comunità locale.   L’inaugurale successo dell’avvio delle manifestazioni ricreative es (continua)

Brusciano-Acerra: “Shall We Dance?” è l’invito a ballare di Katia Monocchio e Antonio Stripoli. A Rimini ai Campionati Italiani FIDS. (Scritto da Antonio Castaldo)

 Brusciano-Acerra:  “Shall We Dance?” è l’invito a ballare di Katia Monocchio e Antonio Stripoli. A Rimini ai Campionati Italiani FIDS. (Scritto da Antonio Castaldo)
 Recentemente, presso la Fiera di Rimini, si sono svolti i Campionati Italiani di Danza Sportiva F.I.D.S.. In quella occasione, due brillanti giovani semifinalisti, la bruscianese Katia Monocchio e l’acerrano Antonio Stripoli, nelle gare dello scorso 13 luglio hanno conquistato un buon piazzamento, superando i vari round nei confronti a gruppi di 12 coppie, con l’Undicesima posizi (continua)

Brusciano: Maria Castaldo per acclamazione è Segretario del Partito Democratico e con il nuovo direttivo si prepara alle Comunali del 2018. (Scritto da Antonio Castaldo)

 Brusciano: Maria Castaldo per acclamazione è Segretario del Partito Democratico e con il nuovo direttivo si prepara alle Comunali del 2018. (Scritto da Antonio Castaldo)
A Brusciano, giovedì 20 luglio, nella serale riunione presso il Circolo di Via De Ruggiero,  Maria Castaldo, 53 anni, è stata eletta, per acclamazione, Segretario del Partito Democratico. La neoeletta mette a servizio del partito e della comunità la sua lunga esperienza politica, nata aderendo al PDS, agli inizi degli anni ’90 quando a Brusciano era segretario l&rsq (continua)

Mariglianella: Inizia “R…Estate con Noi” VII Edizione promossa dall’Amministrazione Comunale.

Mariglianella: Inizia “R…Estate con Noi” VII Edizione promossa dall’Amministrazione Comunale.
L’Amministrazione Comunale di Mariglianella, guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo, anche quest’anno promuove la serie di manifestazioni estive ricreative “R…Estate con Noi”, VII edizione, con l’Assessore allo Sport e Spettacolo, Felice Porcaro. E dunque l’Amministrazione Comunale, come ogni anno, con la collaborazione del mondo dell’associa (continua)

A Brusciano il Rap ha volto, voce e scrittura di Domenico Modola in arte di Mimmo Taki. (Scritto da Antonio Castaldo)

A Brusciano il Rap ha volto, voce e scrittura di Domenico Modola in arte di Mimmo Taki.             (Scritto da Antonio Castaldo)
  Dalla lontana origine afroamericana è approdato anche  a Brusciano il movimento culturale giovanile che sta energizzando l’Italia. Dal campo musicale e canoro, espande i suoi riverberi negli stili di vita, nella comunicazione, nel cantare l’amore, raccontare sogni, rappresentare le storture della vita e denunciarne le contraddizioni, rivendicare nuove relazioni soci (continua)