Home > Arte e restauro > “L’osservare” creativo di Sere Rouge

“L’osservare” creativo di Sere Rouge

“L’osservare” creativo di Sere Rouge
La curiosità verso ciò che ci circonda, è una delle caratteristiche che mi ha colpito di Sere Rouge, artista di origine siciliana che dall’osservazione trae spunto e crea dinamicità di forme, sinergie di colori e utilizzo certosino di materiali. Su quest’ultimo, l’utilizzo dei materiali, è importante focalizzarsi, in quanto la sua ricerca è meticolosa e particolare. Ho avuto la possibilità d’incontrarla e porle alcune domande: Sere, come è nata la tua passione per l’arte e quanto è importante per te la scelta dei materiali. La mia passione per l’arte è nata da piccolissima. Ho sempre adorato pasticciare con colori e materiali, prima erano matite colorate , pongo e pennarelli, poi legno e materiale di recupero… Ho avuto la fortuna di crescere in ambienti che non hanno mai limitato la mia libertà espressiva; questo mi ha permesso di esplorare tutto senza limiti. Devo ringraziare i miei genitori per questo: libri su tutti gli argomenti, quadri e stampe di varie tipologie sparsi per casa, la “curiosità di curiosare” ovunque e vedere sempre posti nuovi, questo mi hanno sempre trasmesso ed è ciò che mi permette oggi di realizzare i miei lavori. Inoltre viaggiavamo molto ed io ho sempre avuto con me un piccolo quaderno, dove scrivere o disegnare ciò che vedevo, anche solo dal finestrino dell’auto. Questo mi permetteva di ricordare e costruire le “pareti del mio mondo”. Abbiamo cambiato tante case e vissuto in contesti diversi, ma io avevo sempre il mio mondo nel mio quaderno. Poi la scuola, gli scout, i laboratori artistici nel pomeriggio, mia zia che usava i pennelli, avevo sempre colori a disposizione, mi piaceva un sacco. Dalle matite e i pennarelli, sono passata alle tempere, gli spray e i colori su vetro, poi sono arrivati i materiali. Negli ultimi anni ho sentito la necessità di rendere ciò che disegnavo più reale, ricercando una profondità che mettesse in risalto ciò che realmente vedevo… Così ho iniziato ad utilizzare prima di tutto la sabbia, poi il gesso e ancora stucco, legno, plastica, vetro, metallo, ecc... Oggi in realtà continuo a sperimentare nuovi materiali, non penso mi fermerò molto presto... Quale messaggio vuoi trasmettere al fruitore delle tue opere? Non esiste un messaggio univoco, in realtà non esiste proprio un messaggio.. O meglio, esiste per me stessa, ma in ogni lavoro inserisco così tanti punti di vista che il fruitore delle mie opere può scegliere liberamente il suo. Non voglio dare alcun limite all’interpretazione, ognuno ha il suo punto di vista e nei miei quadri può trovare il suo. Quanto è importante per te il tuo territorio, ti ha in qualche modo influenzato? Il territorio è fondamentale. Ogni luogo che ho visitato e mi ha accolto, è stato fonte diretta d’ispirazione per ogni bozza, anche con una semplice matita sul retro del biglietto del treno. Inoltre il territorio è fonte di materie prime, sia dei supporti che uso come base dei miei lavori sia per la ricerca dei materiali, naturali o meno, che posso utilizzare. In realtà ogni territorio diventa il “mio” territorio nel momento in cui mi trovo in quel preciso istante a comporre un quadro. Poi.. parlando nello specifico del “mio” territorio d’origine, bè, sono siciliana, penso che quest’isola sia la principale fonte d’influenza per tantissime persone, per me almeno sicuramente. Ho scoperto qui, per la prima volta, le mille sfumature che può assumere il cielo, il mare, un lago, un bosco o un campo incolto; in Sicilia trovi tutto, l’unico problema è che non sempre tutto è accessibile e valorizzato per quel che merita, anzi il più delle volte è esattamente il contrario… Nel bene e nel male comunque si, mi ha influenzato molto e continua a farlo. Vorrei provare a definirla a parole, con degli aggettivi, ma ritengo sia riduttivo perché solo chi vive o ha vissuto in Sicilia può comprenderne l’anima. Io l’ho sempre avvertita magica e nei miei lavori c’è la possibilità di percepirne anche l’essenza... Cosa puoi dire ai giovani che si affacciano al mondo dell’arte e quali sono i tuoi prossimi progetti? Fate ciò che volete, non preoccupatevi dei giudizi altrui e soprattutto non seguite correnti preesistenti. L’arte, in tutte le sue forme, è prima di tutto espressione di se stessi. Se dovete copiare o riprodurre cose già viste o fatte da altri solo per un guadagno personale, non definitevi artisti, siete solo impresari. I miei progetti? Miliardi davvero, ma ci toccherebbe restare qui a parlarne per almeno una settimana. Posso dirti che per ora continuerò a sperimentare e provare tutti i tipi di supporti e materiali che vorranno mescolarsi con i miei colori e le mie idee; per il resto, sto valutando la possibilità di costruire un posto speciale… Dove, quando, come funzionerà? Di questo magari ne riparliamo la prossima volta che ci vediamo :)! Maurizio Piccirillo

pittura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LUCA CAPUANO METTE SAYERLACK IN POSA


In arrivo B-Sounds, il concorso musicale per i giovani


B-Sounds: tre serate di selezioni live al Barrio’s Cafè


Nel nome del figlio. Le valenze trasformative della Consulenza Tecnica d’Ufficio nei casi di separazione genitoriale.


ENZO GRAGNANIELLO esce con un nuovo singolo: GUARDO IL MARE


Nostos il ritorno, personale di Gerlanda di Francia


 

I più cliccati

Stesso autore

“Via Emilia”, il nuovo album di Jack Anselmi.

È un ottimo prodotto, quest’album di Jack Anselmi che comprende otto tracce ricche di note d’autore e variegati stili musicali. Il musicista, infatti, mette a frutto, in “Via Emilia”, la sua passata esperienza fatta come membro di varie rock band italiane, ed un invidiabile cantautorato che attinge a mostri sacri del settore, tanto che si è accorto di lui il noto cantante emiliano Paolo Belli che (continua)

Binomio vincente, il nuovo album de LeFragole.

Binomio vincente, il nuovo album de LeFragole.
Nelle scorse ore è uscito l’ultima fatica discografico del duo bolognese formato da Marco Tascone e Carlo Alberto Montori, dal titolo. “Maremosso”. Un album ricco e corposo dove i due musicisti miscelano sapientemente vari generi e sonorità, condito da testi che riflettono sulle inquietudini della quotidianità. Un lavoro notevole, dunque, dove ognuno di noi ci può rivedere i grandi cantautori ital (continua)

“Il migliore dei mondi possibili”, il terzo album del cantautore abruzzese Danilo Di Florio

“Il migliore dei mondi possibili”, il terzo album del cantautore abruzzese Danilo Di Florio
Nelle scorse ore è uscito per i tipi della Music Force, il nuovo lavoro discografico di Danilo Di Florio, undici tracce che ti catturano nell’alternarsi di intimismo e scanzonatezza artistica, dove ognuno si può rivedere nei testi e può lasciarsi trascinare da sonorità e ritmi più allegri e liberatori. È un buon pop rock all’Italiana, questo album, dove si percepisce la grande amalgama tecnica de (continua)

La mostra personale di Marco Andrea Magni di scena a Milano

Sarà inaugurata il prossimo giovedì 23 novembre alle 19 nelle sale della Loom Gallery in Via Marsala 7, a Milano, la personale dal titolo: “Ho sempre agito per dispetto dell’artista Marco Andrea Magni. Per entrare e conoscere meglio l’evento, prendiamo in riferimento quanto ci comunicano i curatori: ““Ho sempre agito per dispetto” è il titolo scelto per la seconda personale di Marco Andrea Magni (continua)

L’1%, il nuovo album di Luca Bretta

L’1%, il nuovo album di Luca Bretta
È uscito nelle scorse ore il secondo lavoro discografico del cantautore trentino/emiliano Luca Bretta, dall’originale titolo: “1%”, dieci tracce che trasmettono una bella “freschezza sonora”, dovuta alla sua giovane età ed ottima creatività che nel campo del cantautorato nostrano non guasta mai. Un musicista che si è fatto le ossa in questi ultimi anni prendendo parte a kremesse in tutta Italia, e (continua)