Home > News > Germano Dotto, ultrarunner: Ho messo ulteriormente alla prova il mio fisico

Germano Dotto, ultrarunner: Ho messo ulteriormente alla prova il mio fisico

Germano Dotto, ultrarunner: Ho messo ulteriormente alla prova il mio fisico
Matteo SIMONE Gli ultrarunner sono atleti che cercano di mettersi alla prova in gare sempre più difficili e impensabili per lunghezza, per difficoltà, per condizioni atmosferiche. Quando si inizia a correre, si pensa al sogno di correre una maratona, poi per alcuni c’è la voglia di osare con la partecipazione a una gara di 10km, altri vogliono sperimentarsi nel deserto o su ultratrail, altri vogliono correre la maratona di New York, Germano dotto ha due passioni la corsa a piedi e la bici su strada e volta per volta decide e fissa il suo obiettivo e poi prende la direzione per raggiungere la meta stabilita mobilitando le sue energie per portare a termine la sua gara difficile ma per lui speciale e straordinaria che gli permette di provare fisico e testa e fare tante conoscenze, di seguito Germano racconta la sua esperienza nel deserto. Ciao Germano, se ti va ho qualche domanda per te, com'è andata? “Ciao Matteo, rispondo con piacere alle tue domande. Tutto sommato è andata bene, l'obiettivo primario era portarla a termine e questo è stato centrato.” Soddisfatto? Hai sofferto? Momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Il risultato finale avrebbe potuto essere più soddisfacente, diciamo che una posizione intorno ai 200 sarebbe stata alla mia portata se non fossi incappato in una profonda crisi di fame al 4° giorno, dopo aver percorso già 100 km e alla vigilia del tappone di 86 km che purtroppo ho affrontato completamente a digiuno ...Infatti ho commesso l'errore di portare con me solo alimenti solidi, tecnici e non ...ma in quelle condizioni di avanzata disidratazione e secchezza di gola e fauci gli unici alimenti che riesci ad inghiottire sono gel e liofilizzati semiliquidi, cibo che grazie alla solidarietà e compassione dei meravigliosi compagni della tenda 9 mi ha permesso un buon recupero nel giorno successivo e di concludere quindi la corsa con l'ultima maratona molto soddisfacente.” Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stesso? “Nel complesso non mi posso lamentare, ho messo ulteriormente alla prova il mio fisico che solo grazie alla forza mentale acquisita in molteplici ultramaratone mi ha permesso di tagliare il traguardo la prova più lunga, superando una crisi glicemica interminabile.” Le crisi come vengono così se ne vanno, o quanto meno si riesce con l’esperienza ad affrontarle, a gestirle, a superarle. E’quello che sperimentano tanti ultrarunner e atleti di sport di endurance, che non temono le crisi ma sono pronti ad accoglierle senza restarne sopraffatti. Organizzata bene la gara, percorso, ristori, premiazioni? “La corsa ha un'organizzazione impeccabile quasi maniacale, di un livello ineguagliabile in tutti i momenti della giornata. Assistenza, ristori, supporto medico eccellenti (tenendo comunque conto che la corsa è in assoluta autosufficienza).” Cambia qualcosa dopo questa prova? “Mi porto a casa un'esperienza unica, faticosa ma importante e ancor più importanti nuove amicizie. Il contesto ambientale seppur decisamente ostile è quanto di più affascinante abbia sinora mai percorso...Un netto indiscutibile vantaggio riscontrato nella preparazione e nella gara, (in totale più di 500 km corsi sulla sabbia in un mese o poco più... ) è il netto beneficio globale riscontrato a livello scheletrico e articolare su questo tipo di terreno, in sintesi non ho più avuto i miei ricorrenti mal di schiena dal momento che ho messo piede sulla sabbia...Certo le temperature marocchine hanno messo a dura prova la pelle dei miei piedi che hanno riportato estese vesciche seppur superficiali, che comunque in 4 gg di trattamento con garze grasse si sono risolte quasi completamente.” Gare che diventano faticose e sofferenti ma come al solito c’è la ricompensa della esperienza straordinaria e inusuale, in più c’è la conoscenza di altri atleti considerati bizzarri che condividono le esperienze estreme di questo sport considerato non ordinario. Prossime gare, obiettivi a breve, medio, lungo termine? “Trascorsa una settimana di riposo ora penso di dedicarmi, come ogni anno in questo periodo, alla mia prima passione la bicicletta da corsa, con importanti chilometraggi, propedeutici alla mia ennesima vacanza estiva cicloturistica e in vista della Parigi-Brest-Parigi edizione 2019, che è una corsa che sogno da sempre e ho sempre rimandato, e mi troverò ad affrontarla a 60 anni (si disputa ogni 4 anni). Poi nel cassettino dei sogni c'è la Polar Circle Maraton in Groenlandia e la Mds in Perù...e avanti così.” La vita diventa un ciclo fatto di fasi di attivazione, di recupero, di individuazione di nuove mete e obiettivi sfidanti. E’ importante anche avere a disposizione un piano B oltre alla corsa, la bicicletta sembra essere una alternativa che mette in moto muscoli diversi e apre la mente con viaggi più lunghi. Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo https://www.ibs.it/ultramaratoneta-analisi-interminabile-libro-vari/e/9788898615872


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Atleti di interesse nazionale per la 24 ore anche la coppia Marcello e Francesca


9 italiani alla Atene Sparta Atene (ASA), 490km non stop, tempo massimo 104h


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


CUNICO PROFETA IN PATRIA ALLA GF fi’zi:k. A MAROSTICA LA PRATI VINCE LA GARA “ROSA”


Nathalie Mauclair, Campionessa del Mondo di Ultra-trail:


Per gli ultrarunner vi è la consapevolezza di dover armonizzare mente e corpo


 

I più cliccati

Stesso autore

Luigi Mazzetti: Iniziai a praticare la corsa per gioco e fu amore a prima vista

Luigi Mazzetti: Iniziai a praticare la corsa per gioco e fu amore a prima vista
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport ti permette di fare esperienze uniche e ricche, prima impensabile, tanti momenti partecipativi insieme agli altri, fare sport con masse di persone, fiumi di atleti che partono insieme e lungo il percorso ognuno continua con il suo passo e la velocità più appropriata e man mano si arriva all’arrivo per indossare la medaglia e reintegrar (continua)

Tutti gli Stati si propongono di combattere il fenomeno doping

Tutti gli Stati si propongono di combattere il fenomeno doping
Matteo SIMONE Tutti gli Stati si propongono di combattere il fenomeno doping, anche se con mezzi diversi. In base alla Legge 376 per la “disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping”, entrata in vigore il 2 gennaio 2001, costituiscono doping la somministrazione o l’assunzione di farmaci o di sostanze farmacologicamente attive e l’adozione o la sottop (continua)

Marcello Spreafico, ultrarunner: Mi sono appassionato sempre più a questo sport

Marcello Spreafico, ultrarunner: Mi sono appassionato sempre più a questo sport
Matteo SIMONE C’è tanta curiosità intorno al mondo degli ultrarunner, di seguito Marcello rispondendo ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa, racconta il suo incontro con l’ultramaratona che gli ha cambiato la vita felicemente, soprattutto incontrando persone speciali. Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Ho giocato prima a calcio e poi a calcio a 5 fino al 2006, come po (continua)

Libera Caputo, corsa e triathlon: Bisogna sapersi gestire e ascoltare il fisico

Libera Caputo, corsa e triathlon: Bisogna sapersi gestire e ascoltare il fisico
Matteo SIMONE Lo sport permette di mettersi alla prova, di decidere e pianificare obiettivi sfidanti, difficili e anche complessi come può essere una gara di triathlon, lo sport permette di sperimentarsi e mettersi in gioco di sfidare se stessi e altri amici o avversari. Di seguito Libera racconta la sua esperienza di atleta rispondendo ad alcune mie domande. Ti sei sentita campione nello spo (continua)

Francesca Innocenti: Il mio sogno l’ho realizzato partecipando al Mondiale 24 ore

Francesca Innocenti: Il mio sogno l’ho realizzato partecipando al Mondiale 24 ore
Matteo SIMONE La vittoria dà sempre grande gioia, è il coronamento di un periodo o di una lunga carriera di allenamenti, gare, impegno, determinazione ed è bello arrivare al traguardo con le braccia alzate, salire sul podio, leggere il proprio nome sul web o quotidiani, insomma è un esperienza positiva meritata che aiuta anche ad andare avanti nella pratica della propria passione con impegno e (continua)