Home > News > Matteo Colombo: La mia prima 12 ore conquistando il titolo italiano assoluto

Matteo Colombo: La mia prima 12 ore conquistando il titolo italiano assoluto

Matteo Colombo: La mia prima 12 ore conquistando il titolo italiano assoluto
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Alla 12 ore dell’UltraFranciaCorta, Matteo Colombo totalizza 132,297 km conseguendo il titolo di Campione Italiano di 12 ore di corsa su strada, ma a vincere la gara è la fortissima ed espertissima Lorena Brusamento che totalizza in 12 ore 134,368 km, conseguendo anche lei il titolo di Campionessa Italiana di specialità e stabilendo la migliore prestazione italiana detenuta dal 2008 da Monica Casiraghi di 131,000 km. Marco Ghilardelli con 123,897 km si classifica terzo ma diventa Vice Campione Italiano di specialità e al quarto posto si classifica Fabio Costi con 121,542 salendo sul terzo gradino del podio. Per quanto riguarda le donne, la vice Campionessa Italiana di specialità è Francesca Innocenti con 121,065 km e al terzo posto si classifica Luisa Zecchino con 116,956 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Matteo Colombo attraverso risposte ad alcune mie domande. Per approfondimenti è possibile leggere un’intervista di un paio di anni fa sul libro Ultramaratoneti e gare estreme. Ciao Matteo, complimentissimi per la tua vittoria, com'è andata? “Ciao Matteo! Rispondo molto volentieri. Direi che è andata "troppo" bene, la mia prima 12 ore ufficiale (senza contare i passaggi alla 12esima ora delle 24 ore di Montecarlo e Cesano) conquistando il titolo italiano assoluto e di categoria maschile, ma soprattutto esser stato da contributo a Lorena per aver stabilito il nuovo record del mondo in campo femminile di specialità.” Soddisfatto? Hai sofferto? Momenti critici, problemi, esigenze particolari durante la gara? “Dire soddisfatto è dire poco! Io e Lorena eravamo molto stimolati e affiatati, lei per stabilire il nuovo primato e io per la conquista della maglia azzura a Belfast; siamo partiti molto forti, consapevoli che prima o poi l'avremmo pagata... fortunatamente questo è accaduto in misura lieve per entrambi e verso le ultime due ore di gara, sapendo gestire e controllare anche grazie il supporto tecnico e aggiungo io MERAVIGLIOSO, del tecnico di specialità LUCA SALA, il quale ha saputo leggere attentamente le nostre sensazioni ed esigenze e nel momento del bisogno ha saputo agire dandoci stimoli nel mantenere testa e ritmo per conquistare gli obbiettivi prefissati.” Due Campioni per due o più obiettivi, Lorena già abituata alla gloria esssendo già Campione Italiana di 24 ore di corsa su strada e già ha rappresentato l’Italia in manifestazioni internazionali, si trattava di confermare la sua forma e supremazia ottenendo titlo Italiano sulla 12 ore e miglior prestazione Italiana di sempre. Matteo Colombo, si può dire in prestito alla corsa su strada grazie a tecnici e responsabili italiani del settore, prechè Matteo proviene dal trail e ultratrail ma è talmente bravo e performante che riesce a far bene anche su strada guadagnando titolo Italiano. Pensieri, sensazioni, emozioni, prima, durante, dopo la gara? “I miei pensieri erano totalmente indirizzati verso gli obiettivi prefissati da me e Lorena con l'attento consulto e supervisione dei tecnici nazionali, Luca Sala e Vito Intini, nonchè da tutta la Presidenza e Segreteria IUTA. Sensazioni molto buone e positive nonostante non fosse passato neanche un mese dalla 24 ore di Cesano. Emozioni sempre... poi Lorena ha contribuito ad accrescerle notevolmente con quel primato che in parte sento anche mio... un alchimia di squadra che ha caratterizzato una giornata epica per il mondo dell'ultramaratona italiana e mondiale e della 12 ore!” Sensazioni ed emozioni tante diverse e forti per chi fa sport per 12 ore consecutive, affronta, gestisce, addomestica fatica andando sempre avanti chilometri dopo chilometri, ottenendo risultati di rilievo grazie alla fiducia in se e alla fiducia che altri mostrano verso se stesso. Organizzata bene la gara? “La gara è stata organizzata e pensata molto bene, tutto molto positivo che fa crescere gli organizzatori e anche, sicuramente, l'affluenza negli anni a seguire di tanti atleti provenienti anche da stati esteri. Un grande plauso all'Ultra Franciacorta.” Hai scoperto ancora qualcosa di nuovo in te stesso, negli altri atleti? “Questa gara per me e per la IUTA è una riconferma non solo mia personale, ma anche che il "progetto giovani" creato, sviluppato e portato avanti dai nostri tecnici e segretari di federazione, è efficace, efficiente e porterà sicuramente i frutti per un cambio generazionale secondo i giusti canoni, principi e valori.” Giovani avanti con forza, resistenza e resilienza, meno giovani spingono da dietro perché a seguirte in classifica dopo poco posizioni c’è anche un certo Vito Intini che ancora è capace di dire la sua atleticamente oltre che come responsabile e tecnico delle ultradistanze. Cambia qualcosa dopo questa prova? “La maglia azzura deve essere ONORATA, RISPETTATA e TUTELATA sempre e comunque.” La maglia azzurra è un onore, un sogno, ma anche una grande responsabilità, puntare a gare internazinoali per far bene per se stessi e per la squadra Italia mettendo anche da parte altre gare importanti alle quali si vorrebbe partecipare ma che potrebbero intralciare con il progetto azzurro. Prossime gare, obiettivi a breve, medio, lungo termine? “Ligabue scrisse una canzone nel 2013 dal titolo... "Sono sempre i sogni a dare forma al mondo"... ATTENDO ORA IL BIGLIETTO D'AEREO COLORATO DI AZZURRO PER BELFAST!!!" E’ vero bisogna avere un sogno, una direzione, una meta, un obiettivo per essere stimolati e motivati, per mobilitare le energie occorrenti per trasformare sogni in realtà. Interviste, racconti e testimonianze di atleti di sport di endurance mi hanno permesso di scrivere il libro dal titolo "Ultramaratoneti e gare estreme", Prospettiva Editrice, Civitavecchia, Collana: Sport & Benessere, anno 2016, pagine: 298 p., Brossura. https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441 Matteo SIMONE Psicologo clinico e dello sport, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR 380-4337230 - 21163@tiscali.it www.psicologiadellosport.net/eventi.htm http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fausto Parigi è il Campione Italiano 24 h di corsa su strada


Marcello Spreafico, runner: 12 ore in Franciacorta, davvero un piacere correrla


24 h di corsa, giù dal podio il giovanissimo ma promettente Matteo Colombo


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Marcello Spreafico superare il muro dei 200km di corsa nelle 24 ore


Marco Menegardi Campione Italiano 100km corsa su strada


 

I più cliccati

Stesso autore

Aderisci all'esercito del selfie in ogni allenamento o gara

Aderisci all'esercito del selfie in ogni allenamento o gara
Matteo SIMONE Va bene qualsiasi motivo per fare sport, se non vuoi fare sport per non faticare, fallo per metterti in posa, per far parte di un gruppo, per incontrare gente, per condividere gioia e fatica. Ogni motivo va bene per essere coinvolto e diventare protagonisti nel mondo dello Sport, i benefici sono tanti. Mettiti in gioco, allenati fisicamente e mentalmente a gare più o meno impegn (continua)

Cuore, testa e corpo per partecipare a maratone e ultra e non mollare

Cuore, testa e corpo per partecipare a maratone e ultra e non mollare
Matteo SIMONE Cosa spinge a partecipare a maratone e ultra, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionare; anche la voglia di fidarsi e affidarsi a qualcuno che ti fa compagnia, che ti porge una bevanda, che ti aspetta; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo (continua)

C'è sempre una direzione da prendere, una meta da raggiungere

C'è sempre una direzione da prendere, una meta da raggiungere
Matteo SIMONE C'è sempre una direzione da prendere, una meta da raggiungere, una motivazione importante, una preparazione adeguata; ci sono dubbi, incertezze e insicurezza; ci sono sensazioni ed emozioni prima, durante e dopo ogni impresa, arrivo, traguardo; questa è la vita, tante salute e tante discese, tanta noia e tanta felicità, tanta tristezza e tanta gioia; si attraversa tutto un passo a (continua)

Non c'è una modalità o un'età per prendere il treno dello Sport

Non c'è una modalità o un'età per prendere il treno dello Sport
Matteo SIMONE Non c'è una modalità o un'età per prendere il treno dello Sport, si fa sempre in tempo, è sempre il momento giusto per prendere il treno dello Sport, fatti trovare pronti e se non ti senti pronto sali ugualmente sul treno dello Sport, imparerai facendo, ci saranno altri a consigliati e aiutarti. Non c'è un'età per scendere dal treno dello Sport, se sei stanco puoi rallentare, non (continua)

Manfredonia sempre più “Città dello sport” grazie ad atleti, tecnici e società

Manfredonia sempre più “Città dello sport” grazie ad atleti, tecnici e società
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Domenica 17 settembre 2017, grande festa dello sport a Manfredonia grazie ad atleti, tecnici e società. Una domenica speciale per due avvenimenti molto importanti grazie a persone che non stanno ad aspettare e non stanno a guardare ma si mettono in gioco e in movimento con le loro possibilità e modalità per fare sport, uno sport che rende liberi, auto (continua)