Home > News > Lino Lorenzo Nazzaro: Il bisogno di correre va oltre tutto seriamente

Lino Lorenzo Nazzaro: Il bisogno di correre va oltre tutto seriamente

articolo pubblicato da: SENSITIVO | segnala un abuso

Lino Lorenzo Nazzaro: Il bisogno di correre va oltre tutto seriamente
Matteo SIMONE Lo sport quando lo conosci impari a praticarlo, ad approcciarti un po’ per volta apprendendo, poi man mano che vai avanti ti accorgi che si tratta da un lato di un’opportunità di svago e condivisione e dall’altra parte ti accorgi che si tratta di una cosa seria, ti da delle regole da rispettare per sentirti meglio, per sperimentare benessere, per andare più forte, per modellare il corpo, per risolvere problemi. Diventa una pratica quotidniana di benessere. Di seguito Lorenzo ci racconta la sua espereinza di atleta rispondendo ad alcune domande di un po’ di tempo fa. Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? “Si mi è capitato di arrivare 1° nella mia categoria ed una volta 3° assoluto in una gara.” Come ha contribuito lo sport al tuo benessere e quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “La sensazione di avere sempre “gli occhi aperti” ed essere sempre propositivo. Avevo problemi di reflusso e frequenti emicranie. Spariti. Ho cominciato anche a mangiare in maniera più bilanciata. Tutti questi benefici fisici mi hanno permesso di sentirmi meglio con il mio corpo.” Come hai scelto il tuo sport? “Ho iniziato semplicemente con l’idea di non prendere peso in eccesso.” Per tanti è un inizio praticare sport per dimagrire, perdere peso superfluo, poi ti rendi conto che è qualcosa che fa per te, tutto sommato diventa una cosa dove riesci e perché no si inizia a far bella figura con gli altri amici, vai un po’ più veloce rispetto a prima, e rispetto ad altri che si allenano da più tempo, diventa una giostra, un giocattolo da curare, ogni tanto si rompe nel senso che arriva un periodo di non forma o di infortuni, ma poi dipende da noi rimettere a posto il giocattolo e riprendere la nostra attività ludico sportiva. Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? “Scuse. A volte è solo questione di partire ed il gioco è fatto.” Vero, a volte tutto sta è conoscersi bene, a volte prima della gara ti senti stanco ma se ti conosci sai bene che quando sei sulla linea di partenza ed ascolti lo start, passa tutto e vai come un treno, quindi conosceersi e consapevolezza per non preoccuparsi prima della gara, se sei uno che trovi troppoe scuse va a finire che ci credi davvero e inganni te stesso, il corpo ci crede e fa una pessima prestazione. Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “Pane 00, un velo di burro, prosciutto sgrassato con l’aggiunta di 20gr di parmiggiano....in seguito prima e durante sali, amminoacidi e zuccheri....Alla fine crostata e frutta.” Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a non concludere la gara o a fare una prestazione non ottimale? “Le gare le ho sempre concluse, quando non è andata bene è stato solo a causa del poco riposo.” Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Mollare mai, quello che mi fa continuare è che mi piace dimostrarmi che posso far veramente bene.” Importante rispettare il ciclo, attivazione, allenamento, recupero, gara e di nuovo, non si può sempre gareggiare, non si può sempre riposare, conoscersi e sapere come attivarsi sufficientemente prima della gara, come riscaldarsi e defaticarsi, sensa se e sana ma, senza scuse. Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Il mio allenatore Roberto Ciccone. Mi ascolta e capisce quando è il momento di spingere e quando “stare”. Il mio nutrizionista Francesco Fagnani. Mangiare con piacere e tanto! Mia moglie...non si oppone mai.” Dietro l’atleta ci sono tante persone da potersi fidare e affidare e soprattutto ci sono le persone care, partner e famiglia. Conosco Lorenzo e conosco anche i fratelli allenatori Luciano e Roberto Ciccone, conosco Francesco Fagnani. Lorenzo è in buone mani, anche se questa intervista risale a un po’ di tempo fa e so anche che ha cambiato nutrizionista. Ma le persone ti danno un’indicazione, ti indirizzano, poi sta a te approfondire, trovare il giusto equilibrio, sapere come andare avanti conoscendoti sempre di più. Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Granai 2014.” Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “Non la posso descrivere. Posso dire però che il bisogno di correre va oltre tutto seriamente.” L’esperienza di gara a volte diventa inspiegabile, diventa un atto creativo, si sperimenta il flow, non si sa come ci si trova in uno stato di forma, ma il tutto diventa meraviglioso, posso comprendere Lorenzo, mi ci sono trovato in diverse gare a sperimentare sensazioni ed emozioni intense, forti, gratificanti. Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Sono molto tenace, penso positivo (manca poco forza!..e non manca ancora!), ho gambe forti e sono veloce.” Ero presente il 6 maggio 2017, quando ha dimostrato le sue capacità arrivando secondo assoluto in un cross nei pressi di Talamone. Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport al tuo benessere o alla tua performance? “Mangiare la cosa che mi piace di più come premio la sera della gara, la voce di mio figlio mentre sono allo stremo, il mio coach che strilla «daje», la grande soddisfazione di arrivare alla fine di una gara o un duro allenamento.” Questo è lo sport che vogliamo, non ci interessano premi di milioni di euro che promettono le grandi marche per fare record come fossimo macchine o animali in cattività, ma ci interessa faticare e sperimentare successi personali, finire una gara, arrivare prima di un avversario, fare il personale. Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva tesa al benessere o alla performance? “Gli amici non comprendono...in famiglia dopo un inizio «titubante» hanno capito che se corro dopo do il 200% a loro...No problem!” Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare attività fisica? “Che mi piace soffrire (ahahaah)!” Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa nell’aver intrapreso un’attività sportiva costante ed impegnativa? “In famiglia sicuramente in meglio...con il lavoro riesco ad organizzarmi in base agli orari.” Quali sono o sono state le tue sensazioni pregara, in gara, post gara? “Agli inizi molta agitazione che ora riesco a gestire tranquillamente....In gara mi piace immaginare di vedermi mentre sto correndo veloce e mi piace vedermi con una bella postura...mi carica..Dopo la gara non penso a niente, sento solo una forte sensazione di relax.” Importante diventa anche vedersi e cercare di essere eleganti nello sforzo fisico, importante utilizzare tecniche mentali che ti aiutano a trovare energie residue in fondo ai serbatoi, e quindi l’allenatore che ti incoraggia, una parola di tuo figlio, una cena meritata post gara. Tutto ciò non ha prezzo, è qualcosa di diverso che correre dietro promesse di corrispettivi economici che ammazzano la motivazione intrinseca, la vera passione. Hai dovuto scegliere nella tua vita di prendere o lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “Non ce ne è stato bisogno.” A seguito delle tue esperienze che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “Non sono la persona indicata per dare consigli in questo caso. Posso solo dire che per me è importantissimo.” C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “No mai.” Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping e per fare uno sport teso al benessere o alla performance? “Se ti arrabbi quando ti deridono perchè dovresti prenderti in giro da solo? E' come provare soddisfazione nel rubare qualcosa a qualcun'altro che se la è sudata con il sacrificio....Sei un ladro!” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Sarebbe come sentire il bisogno di fare qualcosa e non sapere cosa....incompleto.” Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Correndo comunque anche ben al di sotto delle mie possibilità...Pensando che prima o poi tutto sarebbe tornato come prima ed anche meglio.” Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Non ho mai avuto il piacere di confrontarmi.” Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi a questo sport fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “FATICA – PREMIO. IMPEGNO - CRESCITA CARRATTERIALE. SUDORE - DOCCIA CALDA E BENESSERE. SOFFERENZA - SODDISFAZIONE PERSONALE.” Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Scendere sotto i 35' su una 10Km e voler scendere sotto 1h 18' sulla mezza maratona.” Credo che nel frattempo Lorenzo sia sceso abbondantemente sotto 1h18’ sulla mezza maratona. Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Daniele Biffi, velocista: sono più forte del vento mi dico e dico sempre


Le principali competenze e specializzazioni conseguite da Lorenzo Damia in ambito professionale


L’esperienza maturata dal Dott. Lorenzo Damia nel panorama odontoiatrico italiano


Le principali esperienze formative e professionali che hanno caratterizzato l'intero percorso del dottor Lorenzo Damia


Una delle principali specializzazioni conseguite lungo il percorso professionale dal Dott. Lorenzo Damia


Desiré, podista: in un momento nero ho pensato “e se iniziassi a correre?”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

"Lo sport delle donne", giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat


"Lo sport delle donne", edito da Prospettiva editrice, giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat "Nati per Correre" su ONE TV, canale 86 digitale terrestre e Sky canale 828. Inoltre, "Lo sport delle donne" sarà presente il 2 giugno al "Cross Trofeo città di Nettuno". Ringrazio Elisa Tempestini e l’Associazione Spiragli di luce per la possibilità di presentare il mio ultimo libro “Lo Sp (continua)

Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”

Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”
Il mondo dello sport è affascinante, riabilitativo, bizzarro, straordinario; lo sport rimette al mondo ogni volta con nuove modalità, felicemente e resilientemente. Sono tante le persone che attraverso lo sport si sentono vivi o tornano a vivere come succede per tanti ex fumatori, ex obesi e anche molte persone con disabilità o a seguito di incidenti tragici. Grazie alla mia amica ultrarunner Soni (continua)

Continua il tour di presentazione del libro "Lo sport delle donne”

Continua il tour di presentazione del libro
Arrivederci al 2 Giugno in occasione del Cross Trofeo città di Nettuno Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Il libro "Lo sport delle donne" è stato presentato venerdì 8 marzo a Roma, la moderatrice Alessandra Penna ha modulato gli interventi dei relatori coinvolgendo anche il pubblico in una serata all’insegna dello sport, della cultura, della partecipazione. Tra i relatori: Fra (continua)

Elisa Tempestini: Spiragli di Luce e il Cross Trofeo città di Nettuno

Elisa Tempestini: Spiragli di Luce e il Cross Trofeo città di Nettuno
Ogni progetto che realizziamo insieme a loro è un traguardo Matteo SIMONE L’Associazione “Spiragli di Luce”, operante nel territorio di Anzio e Nettuno, si rivolge ai ragazzi diversamente abili e alle persone con disagi sociali promuovendo lo sviluppo e la diffusione d’attività sportive e socioculturali. Elisa descrive la sua associazione e la sua gara rispondendo ad alcune mie domande: Come n (continua)

Lo sport mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo

Lo sport mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo
E’ sempre il momento per mettersi in moto, per iniziare a fare sport, iniziare a incontrare gente in carne e ossa e allenarsi insieme, incontrarsi, darsi un appuntamento e un ritrovo per un allenamento o per andare insieme a una gara, questo è lo sport che vogliamo. Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per in (continua)