Home > Sport > I CAMPIONI DELLA GRANFONDO DON GUANELLA

I CAMPIONI DELLA GRANFONDO DON GUANELLA

FENOMENI DELLO SPORT UNITI PER FARE DEL BENE

 

Granfondo Don Guanella l’8 ottobre a Lecco

Evento sostenuto da Zanardi, Evans, Chiappucci, Baronchelli,

Bugno, Nizzolo, Bruseghin, Perini e Antonio Rossi

Obiettivo: raccogliere fondi per il completamento della Cascina Don Guanella

Percorso di 130 km e 2087 metri di dislivello a firma GS Alpi

 

 

Pedala anche tu nel più grande “Evento Solidale” dell'anno in nostra compagnia.

Il GS Alpi di Vittorio Mevio, impegnato ad offrire ai pedalatori alcune fra le più prestigiose sfide granfondistiche dello stivale, quest’anno darà anche spazio ad una manifestazione particolare, rivolta in tutto e per tutto alla beneficenza e all’aiuto del prossimo, dedicata a Don Luigi Guanella, presbitero italiano fondatore delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza, proclamato santo da Papa Benedetto XVI nel 2011.

La data della manifestazione è stata fissata all’8 ottobre, da Lecco a Lecco passando per Bellagio, Ghisallo, Colma, ancora Bellagio, Colle Brianza e l’Alpino, completando un totale 130 chilometri e 2087 metri di dislivello con l’obiettivo di raccogliere fondi per finanziare la sala-ristorante dell’Agribike Cascina Don Guanella, assieme a tanti fuoriclasse dello sport che si riuniranno per l’occasione e per fare del bene.

Le attività guanelliane sono rivolte al sostegno dei più abbandonati, di “coloro che sono poveri nell'ingegno o nella salute o nelle sostanze”, sia giovani che anziani. Una “sfida solidale” a disposizione alla cifra di 40 euro, o a 50 euro direttamente in loco nei giorni 7 ed 8 ottobre, con il ricavato interamente devoluto a sostegno del completamento delle opere della Cascina Don Guanella.

Partenza ed arrivo della gara avverranno sul Lungolago Isonzo a Lecco, in un evento al quale hanno dato il proprio sostegno anche tanti ex campioni delle due ruote come Cadel Evans, celebre anche per la frase “Io, per principio, non mi ritiro. Io, sulla bici, piuttosto ci muoio. Non è proprio così, è solo un modo di dire, ma è la passione della mia vita. Se parto, voglio sempre arrivare. Meglio primo. Ma piuttosto ultimo”, biker di livello sia nel cross country che nel professionismo su strada. Non mancherà Claudio Chiappucci, sempre sensibile a queste tematiche, il quale vinse una Milano-Sanremo, tre tappe al Tour de France e una al Giro d'Italia, e ancora Alex Zanardi, atleta straordinario che non ha bisogno di presentazioni, pilota automobilistico e paraciclista quattro volte medaglia d'oro ai Giochi Paraolimpici di Londra 2012 e Rio 2016, e otto titoli ai campionati mondiali su strada: “Granfondo Don Guanella, una gara bellissima. Diamo un contributo ad uno dei tanti progetti che il Don s’impegna a portare avanti”. Ci saranno poi Gianbattista Baronchelli, nel 1980 medaglia d'argento ai mondiali di Sallanches, vincendo inoltre due Giri di Lombardia, sei Giri dell'Appennino consecutivi e cinque tappe al Giro d'Italia, Gianni Bugno, campione del mondo su strada nel 1991 e nel 1992, con 72 vittorie in carriera considerato uno degli ultimi corridori versatili capaci di competere ai massimi livelli sia nelle classiche che nelle grandi corse a tappe, e ancora Giancarlo Perini, Marzio Bruseghin, Giacomo Nizzolo, campione italiano in linea 2016, il campione olimpico e mondiale nel kayak Antonio Rossi: “Tra i tanti campioni ci sono anch’io, quindi chi vuole andare piano venga con me, lo sport è passione, divertimento, stare con tante persone che si conoscono o non si conoscono, ma soprattutto solidarietà”.

Chiusura affidata allo sguardo minaccioso del “Diablo” Chiappucci: “Vi aspetto tutti alla Granfondo Don Guanella, e se non venite…”. Il ciclismo è una “missione” e la Granfondo Don Guanella dimostrerà che quando sport e solidarietà si uniscono possono nascere grandi cose.

Info: www.granfondodonguanella.it

 

 

granfondo don guanella | solidarietà | lecco lombardia | newspower | gs alpi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CICLISMO E BENE COMUNE A BRACCETTO


UN MESE ALLA GRANFONDO DON GUANELLA


ALLA DON GUANELLA UNITI PER IL SOCIALE


LA GF DON GUANELLA “VEDE LE STELLE”


GF DON GUANELLA RITROVO DI STELLE


 

I più cliccati

Stesso autore

BABY, CUCCIOLI E REVIVAL DI SCENA AL 35° SKIRI TROPHY

SPETTACOLO DI SPORT E “JOY OF MOVING” IN VAL DI FIEMME   35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry oggi in Val di Fiemme (TN) Nives Baricevac e Matija Stimac: apoteosi croata nella categoria Baby Il basco Peio Anarbe primo fra i Cuccioli, applausi anche per la cuneese Aurora Giraudo Kinder+Sport “Joy of Moving” progetto mondiale presente a Lago di Tesero con u (continua)

KINDER+SPORT “JOY OF MOVING” ALLO SKIRI TROPHY

OLTRE UN MIGLIAIO DI GIOVANI FONDISTI SULLE NEVI FIEMMESI   35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry in Val di Fiemme (TN) Il primo oro olimpico nella storia del fondo Franco Nones tra i fondatori del G.S. Castello Kinder+Sport “Joy of Moving” è un progetto mondiale che coinvolge 28 paesi e al Trofeo regalerà  una maglietta, un laccio porta skipass e u (continua)

UN MESE ALLA 35ᵃ GRAN FONDO VAL CASIES

TANTI CAMPIONI SFILATI SUL MANTO ALTOATESINO   Il 17 e 18 febbraio 35.a Gran Fondo Val Casies (BZ) Fondo, location da scoprire e menù a cinque stelle 30 o 42 km in tecnica classica (sabato), 30 o 42 km in tecnica libera (domenica) Iniziative di contorno fra musica dal vivo, sports party, “Prünstler” ed After Race     La Val Casies, in Alto Adige, (continua)

ÖTZI ALPIN MARATHON: TRIATHLON DA “ROCKSTAR”

DA NATURNO AL GHIACCIAIO IN SINGOLO O IN STAFFETTA   15ᵃ Ötzi Alpin Marathon il 28 aprile 42.2 chilometri e 3266 metri di dislivello tra MTB, corsa e skialp Da Naturno (BZ) fino al luogo di ritrovamento della Mummia del Similaun, a quota 3.212 metri Iscrizioni aperte ad 80 euro in singolo e a 185 euro in team/staffetta     Il 28 aprile non prendete appuntament (continua)

MARCIALONGA: PAOLO BETTINI ESPLORA IL PERCORSO DI FIEMME E FASSA

“IL GRILLO” SCENDE DALLA BICI E INFORCA GLI SCI   Ai Marcialonghisti ed agli appassionati di sci di fondo il soprannome “Grillo” riempie il cuore e ricorda il mitico Maurilio De Zolt, oro olimpico e mondiale, che per quattro volte si aggiudicò la Marcialonga. Ma nel mondo dello sport e del ciclismo in particolare, c’è un altro “Grillo&rd (continua)