Home > Cibo e Alimentazione > Una vetrina per i vini italiani nel mondo

Una vetrina per i vini italiani nel mondo

Una vetrina per i vini italiani nel mondo

Amato e celebrato fin dall’antichità, il vino è ancora oggi uno dei piaceri più raffinati della vita.  Un calice di vino rosso o di  vino bianco è l’accompagnamento ideale per piatti a base di carne o di pesce, ma anche un perfetto ingrendiente per ricette tradizionali prelibate.

 
Tra le più importanti zone di produzione vinicola italiane, particolarmente amate dagli stranieri ci sono senza dubbio le Langhe in Piemonte, con le diverse denominazioni tra cui Nebbiolo e Barolo, le cantine DOCG della Toscana con il famoso vitigno Sangiovese, il Chianti Classico e il Brunello di Montalcino, senza dimenticare le zone di Lugana e Valpolicella. Tutte le regioni italiane vantano comunque produzioni vinicole importanti; dal Trentino Alto Adige, al Friuli Venezia Giulia e alla Lombardia fino alla Campania, alla Puglia, alla Sicilia e alla Sardegna.
 
Per offrire un punto di riferimento per gli importatori stranieri di vini è nato il progetto Vinitaltour, un network specializzato per la proposta di vini ricercati e vini di qualità, in grado di mettere in contatto direttamente il produttore con il rivenditore, accorciando in questo modo la  filiera tradizionale.
L’organizzazione mira infatti alla promozione e rappresentanza della cultura, del turismo, dell'enogastronomia, dell’arte, del lifestyle e di tutto ciò che rappresenta l'eccellenza italiana nel mondo. Ideato dal Gruppo Editoriale Vannini, il cataalogo per gli importatori di vini mira a rappresentare le aziende e le realtà presenti sul territorio, aprendo relazioni e contatti verso nuovi mercati, per incrementare al contempo l’export del settore enogastronomico.
Vinitaltour contribuisce alla promozione del Made in Italy nel mondo, vendendo sul mercato internazionale vini autoctoni italiani - con vini bianchi, vini rossi, vini rosè e spumanti - valorizzandone i territori d’origine e le aziende produttrici. Forte della collaborazione con alcuni dei Consorzi nazionali di tutela dei vini italiani, Vinitaltour vuole dare un supporto tangibile alle aziende per presentare i loro vini e commercializzarli all’estero.
 
Esistono infatti innumerevoli cantine di produzione con piccoli vigneti italiani, che riscontrano difficoltà nell’esportazione di vino, a causa delle accise e delle innumerevoli normative vigenti sull’export di vini e prodotti enogastronomici
Vinitaltour mette la propria esperienza e la propria conoscenza al servizio delle piccole medie aziende, che desiderano vendere i propri vini, stimolando l’interesse di un pubblico internazionale di addetti del settore.
Visita il sito e scarica gratuitamente la guida,  oppure contattaci via email per saperne di più sulla prossima guida per importatori in uscita in autunno 2017.

importatori vini | guida vini italiani | export vini | groupage vini | cantine vini | catalogo importatori vino | esportare vino estero | vinitaltour | vendita vini online |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nuove strade per l'export del Made in Italy: l'esperienza di Auchan


Export italiano più 300 percento con l'accordo Mipaaf Auchan


CONCLUSA A CEMBRA LA RASSEGNA 2016 DEI MUELLER THURGAU.


Pietra Pinta di Cori Ambasciatrice all’estero dell’agroalimentare di qualità Made in Italy


Sakura Awards: le donne del Giappone premiano il vino rosso Cincinnato di Cori


Acquistare prodotti tipici italiani


 

I più cliccati

Stesso autore

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017
I dati dell’Istat relativi allla produzione industriale italiana nel mese di maggio hanno segnato un miglioramento per la produzione e, come sottolineato dalla Coldiretti, l’industria agroalimentare in particolare ha mostrato un tasso di oltre il 49% in più di quella media industriale, con un aumento pari al 4% a maggio rispetto allo stesso mese dello scorso anno.    (continua)

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy
Secondo le ultime analisi della Coldiretti: ’Il vino Made in Italy ha conquistato nel 2016 la leadership mondiale nella produzione, con circa 50 milioni di ettolitri e ha aumentato del 3% il valore dell’export, raggiungendo il massimo storico di sempre: 5,6 miliardi.  Il settore enologico, pur con i suoi storici alti e bassi, è da sempre molto indicativo per il nostro Paes (continua)

La tutela e l'export dell’agroalimentare italiano nel mondo

La tutela e l'export  dell’agroalimentare italiano nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

Esportare la pasta italiana nel mondo

Esportare la pasta italiana nel mondo
Probabilmente la pasta di semola si trova in vetta alla classifica degli alimenti italiani più conosciuti e consumati in tutto il mondo. E’ un prodotto a base di semola o farina di diversa estrazione, come kamut, riso o farro, solitamente condito con una salsa, un sugo o  altro condimento.   In Italia siamo abituati a consumare pasta di semola di qualità, possiamo a (continua)