Home > Altro > Francia e Italia leader nell’esportazione di vino

Francia e Italia leader nell’esportazione di vino

Francia e Italia leader nell’esportazione di vino

Rilanciare l’economia nazionale significa anche valorizzare le piccole realtà produttive, cercando di incontrare le esigenze di quelle eccellenze che rendono grande il nostro paese nel mondo, soprattutto operanti nel settore alimentare.

Ma come può oggi una piccola media azienda italiana riuscire ad ampliare il proprio mercato di esportazione e superare i confini italiani? Esiste un modo diretto e che non richieda grandi investimenti finanziari per far conoscere i propri prodotti, come ad esempio i vini, e venderli anche nei mercati europei e americani?
Esistono infatti innumerevoli cantine di produzione con piccoli vigneti italiani, che riscontrano difficoltà nell’esportazione di vino, a causa delle accise e delle innumerevoli normative vigenti sull’export di vini e prodotti enogastronomici. 
 
Secondo la stima INDV 2016, relativa al valore della produzione di vino nel mondo, risulta essere la Francia il paese che genera il valore più elevato, con un prezzo di export medio di 589 euro a ettolitro. Al secondo posto troviamo però l’Italia con un valore che si aggira sui 13.9 miliardi di euro, derivanti da una produzione elevata di 51 milioni di ettolitri ed un prezzo di esportazione medio intorno ai 273 euro. La crescita italiana però nell’ultimo triennio è stata molto più elevata e si aggira sul +22%. 
 
Per offrire un punto di riferimento per gli importatori stranieri di vini è nato il progetto Vinitaltour, un network specializzato per la proposta di vini ricercati e vini di qualità, in grado di mettere in contatto direttamente il produttore con il rivenditore, accorciando in questo modo la  filiera tradizionale.
Ideata dal Gruppo Editoriale Vannini, Vinitaltour è la guida dal produttore all’importatore che contribuisce alla promozione del Made in Italy nel mondo promuovendo sul mercato internazionale vini autoctoni italiani - con vini bianchi, vini rossi, vini rosè e spumanti - valorizzandone i territori d’origine e le aziende produttrici. Forte della collaborazione con alcuni dei principali Consorzi Nazionali di Tutela dei Vini Italiani, vuole offrire un supporto tangibile alle aziende per presentare i loro vini e commercializzarli all’estero.
Vinitaltour mette la propria esperienza e la propria conoscenza al servizio delle piccole medie aziende, che desiderano esportare i propri vini, stimolando l’interesse di un pubblico internazionale di addetti del settore e buyers degli importatori di vino, valorizzando l’identità specifica di ogni realtà produttiva, evidenziandone le caratteristiche del territorio ed il tipo di vitigno coltivato, le tecniche di produzione e la quantità di bottiglie prodotte. 
 
In seguito al grande riscontro avuto dalla prima edizione della guida, Vannini Editrice sta preparando un nuovo aggiornamento, per saperne di più sulla prossima guida per importatori in uscita in autunno 2017, visita il sito ufficiale.

catalogo importatori vino | vendita vino | export vini italiani | guida vini italiani | export enologico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Antonella Clerici e Anna Moroni - Il Cilento le premia per la cucina mediterranea.


Le opinioni di General Cessioni sulla nascita di Mac Fruit Attraction China


Pro Chile a Cosmoprof Bologna 2010: l’industria cosmetica tra naturale, tecnologia e nuove frontiere export


La scarpa sportiva per la nuova stagione fa il suo ingresso !


Nero Blastness: Passion & Technology.


 

I più cliccati

Stesso autore

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017
I dati dell’Istat relativi allla produzione industriale italiana nel mese di maggio hanno segnato un miglioramento per la produzione e, come sottolineato dalla Coldiretti, l’industria agroalimentare in particolare ha mostrato un tasso di oltre il 49% in più di quella media industriale, con un aumento pari al 4% a maggio rispetto allo stesso mese dello scorso anno.    (continua)

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy
Secondo le ultime analisi della Coldiretti: ’Il vino Made in Italy ha conquistato nel 2016 la leadership mondiale nella produzione, con circa 50 milioni di ettolitri e ha aumentato del 3% il valore dell’export, raggiungendo il massimo storico di sempre: 5,6 miliardi.  Il settore enologico, pur con i suoi storici alti e bassi, è da sempre molto indicativo per il nostro Paes (continua)

La tutela e l'export dell’agroalimentare italiano nel mondo

La tutela e l'export  dell’agroalimentare italiano nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

Esportare la pasta italiana nel mondo

Esportare la pasta italiana nel mondo
Probabilmente la pasta di semola si trova in vetta alla classifica degli alimenti italiani più conosciuti e consumati in tutto il mondo. E’ un prodotto a base di semola o farina di diversa estrazione, come kamut, riso o farro, solitamente condito con una salsa, un sugo o  altro condimento.   In Italia siamo abituati a consumare pasta di semola di qualità, possiamo a (continua)