Home > Cibo e Alimentazione > Esportare la pasta italiana nel mondo

Esportare la pasta italiana nel mondo

Esportare la pasta italiana nel mondo
Probabilmente la pasta di semola si trova in vetta alla classifica degli alimenti italiani più conosciuti e consumati in tutto il mondo. E’ un prodotto a base di semola o farina di diversa estrazione, come kamut, riso o farro, solitamente condito con una salsa, un sugo o  altro condimento.
 
In Italia siamo abituati a consumare pasta di semola di qualità, possiamo acquistare pasta ottenuta da semole 100% italiane di alta qualità, vera pasta 100% made in Italy, anche se negli ultimi tempi sono emerse alcune polemiche sulla provenienza del grano impiegato per alcuni marchi.
Al di là della pasta lavorata in modo industriale, in Italia esistono tante piccole realtà produttive, specializzati nella produzione di pasta italiana, che selezionano la migliore semolina, da lavorare secondo tecniche artigianali tradizionali.
Per queste eccellenze alimentari italiane risulta però complesso e costoso far conoscere la propria produzione nel mondo; contattare direttamente gli esportatori e le catene della gdo rappresenterebbe per una piccola media azienda infatti una missione costosa e gravosa da un punto di vista delle risorse e del tempo da impiegare.
 
Da qui nasce l’idea di realizzare la guida De Gustibus, un catalogo che presenta le piccole realtà produttive italiane attive nel settore food
Questa guida, completa di schede delle varie aziende e presentazione dei vari prodotti tipici, verrà inviata a tutti gli importatori stranieri, per favorire la nascita di relazioni e contatti verso nuovi mercati ed incrementare l’export nazionale del settore agroalimentare facendo nascere nuove relazioni commerciali.
 
L’idea di realizzare un catalogo di prodotti alimentari italiani è nata infatti come risposta alla crescente esigenza di piccole e medie aziende di ampliare il proprio mercato e vendere food all’estero, senza però dover investire budget importanti. I buyers degli importatori di food ed in generale i food marketer sono ricercati da tutti gli operatori di questo settore così competitivo e per conquistare la fiducia degli importatori è importante rivolgersi a realtà consolidate e specializzate. 
 
Ci sono oltre 15.000 importatori e distributori nel mondo a cui puoi proporre i tuoi prodotti grazie a De Gustibus!
Se vuoi diventare un nostro partner ed avere una vetrina dedicata alla tua azienda sulla nostra guida, compila il form sul sito ufficiale e verrai contattato da un nostro responsabile.
 
Affrettati, c’è tempo fino al 31 luglio!

guida food | guida importatori esteri | vendere prodotti tipici | prodotti tipici italiani | export alimentare | distribuzione alimentare | forniture horeca | catalogo specialità italiane | export pasta semola |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lo swing dell’estate romana


ALIMENTA ITALIA: la prima WORK ACADEMY nel settore dell'arte culinaria italiana


Linea MILLEFOGLIE D’ITALIA VICENZI: la tradizione della pasticceria italiana.


Antonella Clerici e Anna Moroni - Il Cilento le premia per la cucina mediterranea.


PRESENTATO IL 52° TROFEO TOPOLINO DI SCI, DOMINIK PARIS ALLA CERIMONIA DI APERTURA


VAL DI FIEMME MONDIALE E …IN SELLA, MONDIALI AL SALTO CON CAMPIONI MASTER CHEF


 

I più cliccati

Stesso autore

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo

L’export dei prodotti tipici Made in Italy nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017

L’aumento dell’export agroalimentare italiano nel 2017
I dati dell’Istat relativi allla produzione industriale italiana nel mese di maggio hanno segnato un miglioramento per la produzione e, come sottolineato dalla Coldiretti, l’industria agroalimentare in particolare ha mostrato un tasso di oltre il 49% in più di quella media industriale, con un aumento pari al 4% a maggio rispetto allo stesso mese dello scorso anno.    (continua)

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy

Il vino: prodotto leader per l’esportazione del Made in Italy
Secondo le ultime analisi della Coldiretti: ’Il vino Made in Italy ha conquistato nel 2016 la leadership mondiale nella produzione, con circa 50 milioni di ettolitri e ha aumentato del 3% il valore dell’export, raggiungendo il massimo storico di sempre: 5,6 miliardi.  Il settore enologico, pur con i suoi storici alti e bassi, è da sempre molto indicativo per il nostro Paes (continua)

La tutela e l'export dell’agroalimentare italiano nel mondo

La tutela e l'export  dell’agroalimentare italiano nel mondo
Secondo i dati rilasciati dal Ministero dello Sviluppo Economico, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono molti i paesi che importano prodotti tipici italiani, tanto che le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy nella prima parte del 2017 hanno fatto segnare un balzo del 10%.  Da una analisi della Coldiretti, presentata in occasione dell’ina (continua)

L’export agroalimentare per le piccole aziende

L’export agroalimentare per le piccole aziende
La tua azienda opera nel settore alimentare o sei un piccolo produttore di specialità gastronomiche o prodotti tipici del Made in Italy e vorresti farti conoscere nel mondo? Oppure stai cercando di aprire un nuovo mercato estero per i tuoi prodotti, ma non sai come fare?   Secondo i dati rilasciati dal Ministero, l’export del settore agroalimentare è in crescita e sono m (continua)