Home > Cultura > Brusciano verso la Festa dei Gigli. A giugno la la gioia per i Volontari a Nola e il dolore per la morte di Francesco Ruggiero della Gioventù. (Scritto da Antonio Castaldo)

Brusciano verso la Festa dei Gigli. A giugno la la gioia per i Volontari a Nola e il dolore per la morte di Francesco Ruggiero della Gioventù. (Scritto da Antonio Castaldo)

Brusciano verso la Festa dei Gigli.  A giugno la la gioia per i Volontari a Nola e il dolore per la morte di Francesco Ruggiero della Gioventù. (Scritto da Antonio Castaldo)

 La Comunità di Brusciano avanza verso la sua Festa dei Gigli di  agosto in onore di Sant’Antonio di Padova con in mente due eventi che, nel trascorso mese di giugno, hanno segnato la storia delle Associazioni dei Gigli con una forza centripeta a capacità fusionale delle varie appartenenze sociali e culturali. Il giugno bruscianese era stato aperto il 2 giugno nella coincidente Festa della Repubblica con la “Questua del Giglio della Gioventù” introduttiva alla 142esima Festa dei Gigli di agosto da 1875. Il corteo festoso con musiche e bandiere, partito da  Via della Repubblica dalla casa di Francesco Ruggiero fondatore e caporale della compagine giglistica giallo-verde, celava il timore di un inesorabile destino che si sarebbe compiuto a fine mese.

Il 12 giugno dalla Basilica del Santo a Padova giungeva via web questa meditazione di Padre Mario Conte, sul rapporto dei fedeli con i santi: “Dio ascolta tutte le preghiere, ma spesso noi pensiamo di non essere degni di rivolgerci a Lui direttamente per le nostre necessità, a causa della nostra fragilità, per il fatto di essere dei peccatori. E’ quindi molto umano rivolgerci a coloro che noi consideriamo amici di Dio per chiedere il loro aiuto, la loro intercessione”. La Processione di Sant’Antonio di Padova, del 13 giugno a Brusciano, nel significato di sempre, con le preghiere di tutti e le invocazioni di alcuni, veicolava anche una speciale “Richiesta di Grazia”. Una comunità, quella dell’Associazione del Giglio della Gioventù si era raccolta ai piedi del Santo e lo aveva portato a spalla dall’inizio alla fine come estrema prostrazione e preghiera per un miracolo di guarigione a favore di uno dei suoi compagni sofferente nei suoi ultimi giorni di vita: Francesco Ruggiero.

Domenica 25 giugno c’è stata la Ballata dei Gigli di Nola dedicata San Paolino che ha visto la partecipazione della Paranza dei Volontari guidata da Pino Sessa, convocata a cullare il Giglio del Panettiere, con a bordo al fianco del maestro Cesarano il cantante bruscianese Alberto Di Maiolo, in una indimenticabile prestazione con la vicinanza ed il sostegno di tutte le compagini giglistiche bruscianesi in uno spettacolare ed orgoglioso senso di coesione identitario con una prestazione che ha abbellito ulteriormente la processione giglistica della città bruniana. Inoltre c’è stato anche il vincente contributo artistico di Pasquale Terracciano con il progetto per il Giglio del Calzolaio, mentre l’estro musicale è stato rappresentato dal bruscianese acquisito Michele Saccone, entrambi premiati con la targa del “Memorial Scotti”.

Venerdì 30 giugno Francesco Ruggiero muore, di un male ben noto e diffuso nella Terra dei Fuochi, che lo ha sottratto ai suoi cari, la moglie Anna Capasso, i figli Nicola e Nunzia, il genero Giovanni Meridiano, la sorella Maria, i suoceri Raffaele e Pasqualina Allocca, i cognati,i nipoti i parenti tutti e all’Associazione Giglio della Gioventù.

La casa di via della Repubblica immediatamente diventava meta di centinaia di compaesani che accorrono per un gesto di condoglianze alla famiglia Ruggiero-Capasso. Fra i tanti a portare il loro saluto, il Sindaco Avv. Giosy Romano e le Associazioni dei Gigli, a tutti coloro che avevano conosciuto e stimato il “Gigante Buono” Francuccio. Con le esequie del 1° luglio la salma, nella bara avvolta dal drappo della Gioventù, veniva portata a spalle dalla casa alla Chiesa di San Sebastiano Martire e da qui fino al Cimitero Comuanle per la sepoltura. Il semplice trasporto a spalle, dei cullatori della Gioventù, nel lasciare  camminare carro e cavalli senza il funereo carico, attraversava il paese, seguito da migliaia di partecipanti nel corteo funebre che espandeva qualcosa di antico dell’anima bruscianese, delle consuetudini umane, dei gesti culturali di una comunità solidale e sinceramente accorsa ad elaborare collettivamente il lutto della famiglia Ruggiero-Capasso.

Il Parroco Don Salvatore Purcaro durante il rito funebre, alla luce della Parola di Dio e del messaggio biblico, sottolineava  il gesto del “portare a spalla la bara come ha fatto tante volte in vita Francesco con il suo Giglio. In questo caso è una prova di sforzo a testimonianza della fede nella Resurrezione di Cristo e del Credo cristiano che culmina nella proclamazione della risurrezione dei morti alla fine dei tempi e nella vita eterna”.

Il sociologo Antonio Castaldo ha rilevato un fenomeno senza precedenti a Brusciano: “la straordinaria partecipazione sui social media alla notizia della morte di Francesco Ruggiero. La traduzione istantanea della cultura orale in tribalismo elettronico, rammemorante la propagazione del messaggio del tam-tam della jungla, che di click in click e di touch in touch ha alimentato il flusso emozionale delle comunicazioni social. Le migliaia e migliaia di letture registrate dai dispositivi di controllo di vari siti web hanno segnalato la volontà di partecipazione, condivisione, vicinanza in un evento luttuoso che ha fatto irruzione nella vicenda umana della famiglia Ruggiero-Capasso. In questo tutti uniti nel sentimento universale alimentato dalla smarrita condizione umana davanti alla malattia e alla morte”.

Dopo questa prova la comunità di Brusciano si avvicina alla Festa dei Gigli di agosto, più matura e consapevole.  L’appuntamento da non perdere è per  Domenica 27 Agosto 2017 con 5 obelischi in processione in onore di Sant’Antonio di Padova: il Giglio Croce Passo Veloce; il Giglio Gioventù 1985; il Giglio Ortolano 1875; il Giglio Passo Veloce 1978 ed il Giglio Sant’Antonio del Comitato Commercianti. Per Sant’Antonio, per la vita che continua e nel ricordo di chi non c’è più.


IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali - Brusciano NA -

 

Brusciano verso la 142esima Festa dei Gigli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BRUSCIANO LE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ASSOCIAZIONE GIGLIO ORTOLANO 1875.


BRUSCIANO GRANDIOSO INIZIO 140ESIMA FESTA DEI GIGLI IN ONORE DI SANT'ANTONIO DI PADOVA. di Antonio Castaldo


BRUSCIANO LA QUESTUA DEL GIGLIO ORTOLANO IN PREPARAZIONE DELLA 139ESIMA FESTA DEI GIGLI IN ONORE DI SANT'ANTONIO DI PADOVA. Antonio Castaldo


BRUSCIANO FESTA DEI GIGLI 139ESIMA EDIZIONE: L'ASSOCIAZIONE GIGLIO ORTOLANO 1875 PRONTA A PARTECIPARE NEL NOME DI SANT'ANTONIO DI PADOVA. di Antonio Castaldo


NOLA "RITMI DI FESTA" NEL LIBRO E NELLA PERFORMANCE DELL'ANTROPOLOGO PAOLO APOLITO. di Antonio Castaldo


 

Ieri...

Stesso autore

-Castello di Cisterna: Luigi Minichino ha presentato la sua ultima scultura “Maria Madre della vita”. (Scritto da Antonio Castaldo)

-Castello di Cisterna: Luigi Minichino ha presentato la sua ultima scultura “Maria Madre della vita”. (Scritto da Antonio Castaldo)
 A Castello di Cisterna, lo scorso sabato 17 novembre, presso l’azienda “Minichino Felice s.n.c”, è stata presentata l’opera marmorea “Maria Madre della vita” del Maestro Luigi Minichino, al cospetto del Vescovo di Nola, S. E. Mons. Francesco Marino. Nella stessa sede di lavorazioni in marmo dei fratelli Luigi e Cristofaro Minichino, in Via Cosimo Mi (continua)

Luigi Minichino a Castelcisterna ha presentato la scultura “Maria Madre della vita”. L’Amministrazione Comunale di Mariglianella si congratula con il suo concittadino.

Luigi Minichino a Castelcisterna ha presentato la scultura “Maria Madre della vita”. L’Amministrazione Comunale di Mariglianella si congratula con il suo concittadino.
Nella mattinata di Sabato 17 novembre scorso, presso l’azienda “Minichino Felice s.n.c”, di Castello di Cisterna è avvenuta la presentazione di “Maria Madre della vita” l’ultima opera scultorea del Maestro Luigi Minichino; con la partecipazione del Vescovo di Nola, S. E. Mons. Francesco Marino; il Docente di Arte e Archeologia Cristiana, Don Luigi Vit (continua)

Mariglianella: AVIS riscontra positiva risposta dei donatori di sangue.

Mariglianella: AVIS riscontra positiva risposta dei donatori di sangue.
  Sabato 18 Novembre 2018, presso la Casa Comunale di Mariglianella, c’è stato un positivo riscontro alla raccolta di sangue promossa dall’Avis e sostenuta dal patrocinio, deliberato dala Giunta, come voluto dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo per l’iniziativa compresa nella nelle attività dell’Assessorato Sport e Spe (continua)

Mariglianella: Il manifesto del Sindaco Felice Di Maiolo per la “Giornata Nazionale in Memoria delle Vittime della Strada”.

Mariglianella: Il manifesto del Sindaco Felice Di Maiolo per la “Giornata Nazionale in Memoria delle Vittime della Strada”.
Domenica 18 novembre 2018 gli italiani celebreranno la “Giornata Nazionale in Memoria delle Vittime della Strada”. Era stata l’ONU a proclamarla per la prima volta, nel 2005, per contribuire al cambiamento delle abitudini negative degli automobilisti mentre l’Italia ha emanato in proposito la legge n. 227/2017.  Secondo i dati ISTAT gli incidenti imputabili alla guid (continua)

Mariglianella: Risolta la problematica degli Abbonamenti EAV agli studenti residenti.

Mariglianella: Risolta la problematica degli Abbonamenti EAV agli studenti residenti.
Il Sindaco di Mariglianella, Felice Di Maiolo, cui era stato richiesto dagli studenti pendolari, per Napoli e ritorno nelle loro quotidiane esigenze formative, un intervento in merito alla loro esclusione dagli abbonamenti di fascia 2 per la tratta Marigliano-Napoli che, anche per l’utenza di Mariglianella, è utilizzata dalla Stazione Circumvesuviana Vittorio Veneto di Marigliano. In (continua)