Home > Cultura > Pomigliano d’Arco. Oltre il fuoco distruttore, un canto per la vita ed il rispetto della natura con “Vesuvio” dell’ultraquarantennale Gruppo Operaio “E’ Zezi”. (Scritto da Antonio Castaldo)

Pomigliano d’Arco. Oltre il fuoco distruttore, un canto per la vita ed il rispetto della natura con “Vesuvio” dell’ultraquarantennale Gruppo Operaio “E’ Zezi”. (Scritto da Antonio Castaldo)

Pomigliano d’Arco. Oltre il fuoco distruttore, un canto per la vita ed il rispetto della natura con “Vesuvio” dell’ultraquarantennale Gruppo Operaio “E’ Zezi”. (Scritto da Antonio Castaldo)

 In Italia, tra i mesi di giugno e luglio, il fuoco ha distrutto 26mila ettari di aree boschive. Ma non sono solamente le alte temperature stagionali ad innescare gli incendi, purtroppo c’è la mano dell’uomo per colpa, dolo o criminalità. C’è chi pensa di rigenerare così i campi ed incrementare le proprie attività economiche; c’è chi lo fa per un malato godimento estetico; altri lo fanno per preparare le aree a successive speculazioni ed a sfruttamenti illegali del circuito criminale. Sono in media 600 i piromani denunciati ogni anno in Italia, ma secondo i dati del DAP, Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, si registrano appena 17 detenuti nelle patrie galere per aver compiuto incendi di boschi e terreni.

In questi giorni incendi, evacuazioni ed indagini per disastro ambientale, interessano la propaggine collinare e  montuosa di quella che una volta era Campania Felix, oggi infelice, che dopo la famigerata stagione della “Terra dei Fuochi” sta attraversando il periodo della “Terra del Fuoco”. Come passare dalla padella chimica alla brace dei beni naturali. Il fuoco come una pallina di ping pong rimbalza dal Vesuvio, che sembra essere stato appena messo sotto controllo,  alla Montagna di Somma che, domenica 16 luglio 2017, vista dai paesi dell’Agro Nolano-Pomiglianese, presenta ancora colonne di fumo che si alzano al cielo. Un cielo limpido ed asciutto avaro di pioggia tanto attesa e necessaria.

 “O’ Visuvio e a’ Muntagna e Somma”, inscindibile diade, l’uno partorito dall’altra, ed insieme formanti il complesso vulcanico “Somma-Vesuvio”, segnano storia e cultura dell’uomo che vi abitata da millenni e di chi qui vi giunge per contemplarli. Dall’ammiraglio e naturalista Plinio il Vecchio (23-79 d.C.) che ci lascia la vita, spinto dalla volontà di conoscere e capire l’eruzione del 79 d. C.; al pittore partenopeo Domenico Gargiulo, noto come Micco Spadaro (1609-1675), che fissa il suo sguardo sulla “Eruzione del Vesuvio del 1631”; alla poesia di Giacomo Leopardi (1798-1837), che incantato con “La ginestra” alimenta i suoi ricordi a partire da “Qui su l'arida schiena/ Del formidabil monte Sterminator Vesevo”; agli autori Libero Bovio (1883-1942) ed Ernesto de Curtis (1875-1937) con la struggente “Tu can un chiagne” del 1915 affermano “Comm’è bella a muntagna stanotte/ bella accussì, nun ll’aggio vista maje”; alle documentarie immagini dell’ultima eruzione, dell’anno 1944, filmate dalle truppe occupanti anglo-americane durante la Seconda Guerra Mondiale; alla moderna Pop Art con Andy Warhol (1928-1987) che nel 1985 produce la serie “Vesuvius”; al mondo dei canti popolari, delle tammurriate e delle canzoni a’ fronna, del Gruppo Operaio “E Zezi” di Pomigliano d’Arco, guidato da Angelo De Falco “O’ Prufussore”, che con Vesuvio nei versi del 1994 di Luca Luigi Castellano (1923-2001) Montagna fatta 'e lava 'e cient' len'gue/Tu tien' 'mman a te' sta vita meja” canta la riverenza, il rispetto, il timore e l’ossequiosa convivenza con questa potenza della natura.

Il sociologo e giornalista Antonio Castaldo, con un passato in “Zezi Teatro”, nel rilevare la persistente e resistente presenza nella cultura musicale popolare in Italia, da oltre 40 anni, del Gruppo Operaio “E Zezi” di Pomigliano d’Arco, invita a cantare in coro la canzone “Vesuvio”, ormai nel repertorio indelebilmente nell’anima partenopea come canto apotropaico da dedicare “all’unico vulcano attivo d’Europa, che sembra essere più saggio dell’uomo stesso, conservando nel suo grembo tutta la potenza distruttrice, trattenendo quel fuoco che altrimenti in superfice viene provocato dall’incoscienza umana o dall’interesse criminale. Dedichiamo dunque questo canto come riparazione alle offese, con l’impegno per un maggiore senso civico rispettoso della natura e delle leggi, una più adeguata prevenzione del rischio, una più certa repressione dei piromani e infine come liberazione da ogni male”.

La versione da seguire è quella postata su Youtube, dai fratelli Antonio e Angelo De Falco, all’indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=FubT5hn3AhI


IESUS Istitutio Europeo di Scienze Umane e Sociali - Brusciano NA -

 

E Zezi di Pomigliano d Arco con Vesuvio canto per la vita contro gli incendi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Mariglianella Jam Session Folklorica nella tenuta di Tonino O’ Stock. Il grido di Marcello Colasurdo: “Meglio na’ tammurriata ca na’ guerra”. (Scritto da Antonio Castaldo)


NAPOLI E ZEZI CON LA CANZONE DELLA ZEZA ALL'EX ASILO FILANGIERI


NAPOLI E ZEZI CON LA CANZONE DELLA ZEZA ALL'EX ASILO FILANGIERI di Antonio Castaldo


Brusciano Festa dei Gigli. "Notte degli Artisti” lunedì 28 agosto fra gli emergenti il rapper Typon. Martedì 29 Concerto di Enzo Avitabile e Bottari. (di Antonio Castaldo)


Il Gruppo Operaio E' Zezi all'ex Asilo Filangieri di Napoli


BRUSCIANO "CIENTE PAISE" UN CANTO TRADIZIONALE IN CERCA D'AUTORE. ALCUNE TESTIMONIANZE PORTANO AL BRUSCIANESE FRANCESCO PALLADINO (1925-1977) di Antonio Castaldo


 

I più cliccati

Stesso autore

Marigliano Collettivo Utopia ricorda il "77 l'Anno che non finì" (Scritto da Antonio Castaldo)

Marigliano Collettivo Utopia ricorda il
A Marigliano continua la rassegna “77 l’Anno che non finì” presso la “Stazione Utopia” ex fermata della linea ferroviaria Napoli-Nola-Baiano della Circumvesuviana la cui area esterna è stata recuperata, resa accogliente e restituita a nuova vita come meeting point, centro di incontri, pubbliche riflessioni, attività interculturali, impegno politic (continua)

Brusciano Festa per il 100esimo Compleanno della ricamatrice Maria Terracciano. (Scritto da Antonio Castaldo)

Brusciano Festa per il 100esimo Compleanno della ricamatrice Maria Terracciano. (Scritto da Antonio Castaldo)
 A Brusciano, venerdì 22 settembre 2017, è stata festeggiata per il suo Centesimo Compleanno la ricamatrice Maria Terracciano, vedova di Francesco di Maio (1917-2005) con il quale ha condiviso 60 anni di matrimonio e la genitorialità dei figli Maria Luisa e Antonio detto Willy. L’incontro con il cronista, Antonio Castaldo, nasce dall’invito delle badanti Vior (continua)

Mariglianella: Festa dell’Accoglienza all’I.C. “Carducci”. Il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo e della Dirigente Scolastica Giovanna Zarra.

Mariglianella: Festa dell’Accoglienza all’I.C. “Carducci”. Il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo e della Dirigente Scolastica Giovanna Zarra.
A Mariglianella, così come per circa 900mila alunni in Campania, presso l’Istituto Comprensivo Statale “Carducci”, giovedì 14 settembre, è suonata la campanella nel primo giorno del nuovo anno scolastico. Nella sede della storica Scuola Elementare di Via Materdomini è avvenuta la “Festa dell’Accoglienza”, presente il Sindaco, F (continua)

Nola Al Museo Storico e Archeologico il corso "Beni Culturali, governance, valorizzazione, tutela" per i giornalisti iscritti all'Ordine. (Scritto da Antonio Castaldo)

Nola Al Museo Storico e Archeologico il corso
 Promosso dall'Assostampa Campania Valle del Sarno, con l’Ordine Giornalisti Campania, presso il Museo Storico Archeologico di Nola, in Via Senatore Cocozza al n. 2 si è tenuto sabato 16 settembre il corso sul tema “Beni Culturali governance, valorizzazione e tutela” di aggiornamento per i giornalisti iscritti all’Ordine,  nell’ambito delle tappe form (continua)

Mariglianella: Bonus Idrico per nuclei familiari in disagio economico. Istanze da produrre entro e non oltre il 31 Ottobre 2017.

Mariglianella: Bonus Idrico per nuclei familiari in disagio economico. Istanze da produrre entro e non oltre il 31 Ottobre 2017.
La sensibilità e l’attivismo dell’Amministrazione Comunale di Mariglianella nella vicinanza e sostegno alle fasce deboli della popolazione sono riconfermate dal Sindaco, Felice Di Maiolo, dagli Assessori Arcangelo Russo, al Bilancio e Tributi, Luisa Cucca, alle Politiche Sociali e dai Servizi Sociali che hanno messo in atto tutte le procedure per giungere alla concessione di (continua)