Home > News > Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”

Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”

articolo pubblicato da: SENSITIVO | segnala un abuso

Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”

Matteo SIMONE Lo sport ti rende protagonista, sia che vinci sia che arrivi ultimo, tanti i protagonisti ad Adelfia in occasione della “Correndo tra i vigneti” una gara di circa 9,300 km i cui vincitori sono stati i giovanissimi Dario Santoro con l’ottimo crono di 28’10”, già campione Italiano di Maratona nel 2015 e tra le donne la fortissima atleta pugliese residente a Cassano delle Murge. Lo sport ti fa uscire all'aperto, allo scoperto, ti fa mettere in gioco senza sé e senza ma. Tra i tanti protagonisti il grande ultrarunner centista Giorgio Calcaterra sempre umile e disponibile capace a fine gara di rifare il giro per accompagnare l’ultimo atleta arrivato il grandissimo Lomuscio Eligio, oramai tra di loro c’è feeling, si può dire che si vogliono bene, questo è lo sport che vogliamo, già nel 2016 in occasione della maratona di Roma Calcaterra dopo aver terminato la sua performance, ha rifatto il giro promettendo di accompagnare l’ultimo atleta arrivato e in quell’occasione fu il grandissimo atleta della società “la Barletta Sportiva”, il cui nome è Eligio Lomuscio che ho incontrato a Barletta in occasione del convegno sul cammino , così come ho incontrato la grandissima coppia di ultrarunner Angela Gargano e Michele Rizzitelli. Altri protagonisti alla “Correndo tra i giardini” la mia sorella Giovanna che a 50 anni, ha indossato il completino della società “La Sbarra & I Grilli” e ha iniziato a correre trovando tanti benefici. Di seguito approfondiamo la conoscenza dei due vincitori Dario e Viola, attraverso risposte a mie interviste che mi permettono di approfondire questo affascinante mondo di atleti e che mi permettono di scrivere articoli e libri sullo sport e la psicologia. Ti sei sentito campione almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? Dario: “Secondo il mio punto di vista ogni persona che pratica sport è un campione, perché si mette in gioco con se stesso! Io personalmente non mi sono mai sentito un campione, ma sempre un comune sportivo, certo con qualche abilità un po’ più spiccata rispetto ad altri miei coetanei, però sicuramente mi sento sempre un ragazzo a cui piace praticare lo sport per il proprio benessere e per sfidare le mie capacità fisiche!” Viola: “Mi sento campione nello sport ogni volta che arrivo al traguardo, ogni volta che finisco una gara! Mi sento campione ogni volta che sul mio cronometro vedo un buon tempo, ogni volta che vedo applaudire, sorridere la gente quando arrivo al traguardo! Perché solo il fatto di correre mi fa sentire una campionessa!” Vero, campioni significa anche solo mettersi le scarpe e partecipare, una grande sfida, faticare divertendosi, partire e arrivare. Come ha contribuito lo sport al tuo benessere? Dario: “Lo sport è un toccasana naturale, che non ha medicinale e cure imitabili, per raggiungere il proprio benessere fisico e mentale! A me personalmente lo sport ha contribuito tanto per il mio benessere mentale e fisico, soprattutto perché ti trasmette una forte autostima, e ti da quella marcia in più di guardare tutte le cose della vita con gli occhi diversi e in modi diversi, cioè ti trasmette tanto ottimismo, e tante motivazioni!” Viola: “Lo sport contribuisce al mio benessere ogni giorno, perché mi fa star bene con me stessa! Scarico nello sport tutte le mie ansie, paure e a volte mentre corro riesco a riflettere e a prendere decisioni importanti! Amo lo sport, amo correre perché mi aiuta a trovare una forza incredibile in me stessa, mi aiuta ad essere solare, a ridere, a superare le difficoltà con più serenità!” Lo sport diventa una terapia naturale meglio di tanti farmaci, diventa un addestramento alla vita, incrementa consapevolezza nei propri mezzi e proprie capacità, incrementa fiducia in sé, aiuta a stare al mondo con una visione positiva e propositiva, l’esercizio fisico attraverso lo sport ti permette di elaborare pensieri e problemi, prendere decisioni ragionate, aiuta a pianificare progetti e mete, a stare con gli altri confrontandoti e condividendo gioia e fatica. Come hai scelto il tuo sport? Dario: “Premetto che ho iniziato a praticare sport a 5 anni, anche perché mio padre è un grande amante di sport, la corsa l’ho iniziata a praticare all’età di 16 anni però facevo solo gare a livello scolastico, perché il mio chiodo fisso, come per la maggior parte di ragazzi era il calcio, infatti l’ho praticato da 6 anni fino a 18 anni! La mia scelta verso questo mondo ‘la corsa’ è stata una scelta dettata da delle forte motivazioni che ti riesce a dare ogni volta che ti alleni oppure ogni volta che affronti una gara! L’ho scelto anche perché grazie al mio professore di educazione fisica della scuola superiore che frequentavo, abbiamo iniziato a fare degli allenamenti extra scolastici 2 volte a settimana sotto la sua guida, con i miei amici di squadra, vincendo anche il titolo regionale scolastico, approdando alle nazionali, e da lì ho capito che forse dovevo dare un po’ più importanza a questo sport che mi regala emozioni e sensazioni fisiche che il calcio o qualsiasi sport di squadra non ti riesce a regalare!” Viola: “Ho sempre amato correre, fin da piccola non perdevo occasione per giocare e sfidare i miei compagni con piccole gare di corsa! Ricordo ancora i giochi studenteschi senza allenamento, mi trovai a vincere una gara! Non so' dirti, secondo me è stato amore a prima vista, non riuscirei a vedermi senza la mia amata atletica!” Si inizia con il gioco e poi si può scoprire di avere talento e che tale talento può essere coltivato con passione e motivazione e può dare ricchi frutti, come sta succedendo per Dario e Viola. All’inizio c’è bisogno di qualcuno che ti indirizza, che può essere un genitore, un professore, insomma qualcuno che si prenda cura di te, che ti prenda a cuore, che intravede delle qualità da coltivare e poi il resto viene da solo con la passione, le emozioni che si sperimentano. Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? Dario: “Nella mia disciplina si incontrano diverse difficoltà come in ogni sport, che sono infortuni, momenti dove le motivazioni vengono meno a causa di periodi dove i risultati non arrivano, e allora e lì che entra in azione la forza mentale dell’atleta e la caparbietà, che non ti fa mollare! Ad esempio in una maratona, distanza dove mi cimento da pochi anni, si incontrano difficoltà a livello fisico, che possono essere crampi muscolari, oppure crisi di fame, o carenza di zuccheri, queste difficoltà non le ho ancora conosciute e spero di non conoscerle mai, tranne i crampi muscolari che ho avuto nella mia ultima maratona, con i quali ho dovuto convivere per ben 11 km che sono i chilometri più fondamentali della gara cioè gli ultimi. Lì è scattato in me la forza mentale di non mollare e cercare nello stesso tempo di rilassarmi e portare a termine le fatiche! Per questo dico, che nella corsa il 70% dalla performance è frutto della forza mentale dell’atleta, della giusta e corretta alimentazione, e del proprio benessere fisico!” Viola: “La prima difficoltà che incontro nel mio sport è quello di allenarmi da sola! Ci sono alcuni giorni in cui non ho molta voglia di allenarmi e il fatto di farlo da sola mi pesa tantissimo! Ma poi appena inizio mi ritornano tutte le energie! Nel mio sport bisogna fare i conti soprattutto con la testa, bisogna avere tanta forza di volontà, la capacità di soffrire in questo sport! Ma allo stesso tempo tutti questi sacrifici ti danno anche tante belle soddisfazioni! Bisogna allenare diverse abilità, dall'aerobico alla tecnica per una buona postura di corsa, all'anaerobico lattacido, alla coordinazione e poi bisogna lavorare molto sulla testa e la propria forza di volontà.” Come spiegano Dario e Viola, tanta testa, tanta forza di volontà, tanta resilienza per fare sport e sperimentare sia benessere che performance e curare tantissimi aspetti, non solo talento e allenamenti fisici ma anche affidarsi ad un appropriato allenamento mentale e a un corretto stile di vita che comprenda un’alimentazione sana e idonea. Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Dario: “Di solito io seguo un’alimentazione abbastanza corretta grazie anche al lavoro del mio amico Nutrizionista Atanasio De Meo che da anni mette a disposizione la sua professionalità e competenza per far sì che arrivi in gara nelle migliori condizioni fisiche a livello alimentare! Certo l’alimentazione varia a seconda della gara che affronto e della distanza che c’è da fare, ad esempio prima di una gara di 10 km mangio a colazione un thè con un caffè con 4 fette biscottate accompagnate dal miele o marmellata, oppure un pezzo di crostata alla marmellata, poi a pranzo mangio un primo fatto da carboidrati 100-120-grm di pasta o in bianco o con il sugo, con un po’ di proteine mentre a cena rimangio i carboidrati con proteine! E la mattina prima della gara faccio una colazione un po’ più abbondante se la gara è verso l’ora di pranzo! Post gara mangio sempre o un po’ di carboidrati o proteine accompagnato a volte anche da un dessert! Se devo affrontare una maratona, eseguo durante la settimana che precede la gara una alimentazione fatta da i primi 3 giorni di scarico di carboidrati, mentre a metà settimana faccio il carico di carboidrati mangiandoli sia a pranzo che a cena, accompagnati sempre da un po’ di proteine e frutta e verdura!” Viola: “Se la gara è di mattina...faccio una buona colazione! Bevo sempre un bicchiere di acqua e limone la mattina e poi mangio un frutto e 4-5 fette biscottare con la marmellata! Durante una gara non mangio nulla, al massimo mi bagno solo le labbra con l'acqua! Dopo una gara invece mi sento di poter essere libera di mangiare qualcosa in più! Ma i carboidrati non devono mai mancare.” Dario e Viola hanno le idee chiare, non improvvisano, sanno che per eccellere deve andare tutto alla perfezione e non devono trascurare il minimo. Quali sono le condizioni che ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? Dario: “Per fortuna fino ad ora quelle poche volte che è successo sono state cause dovute a cadute oppure infortuni rimediati durante la prestazione come slogature oppure forti crampi muscolari!” Viola: “Io soffro particolarmente il caldo, infatti in estate spesso sento le gambe pesanti!” Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? Dario: “In un’occasione mi sono trovato avanti ad un bivio, se continuare a fare questo sport o meno, scelta dettata dai numerosi infortuni e da un infortunio serio che non riuscivo a risolvere nonostante tutte le terapie del caso. L’anno 2011 avevo deciso di mollare tutto perché non riuscivo più ad allenarmi per via di una forte infiammazione tendinea che non riusciva a passare, e ogni volta che iniziavo a correre mi faceva fermare per il forte dolore, e fu così che un giorno telefonai ad un mio amico fraterno, di amici nella vita ce ne sono tanti ma di veri amici ce ne sono pochi, che riescono a capirti e a starti al fianco nel momento di difficoltà, uno di questi è un ex atleta di Manfredonia, Michele Quitadamo e la moglie. Michele ha fatto sì che io non lasciassi questo sport, mi spronò tantissimo e mi accompagnò per un periodo durante tutti i miei allenamenti nonostante le sue condizioni fisiche di peso non glielo permettevano! Sicuramente un grande ruolo di continuare a fare sport l’ha avuto la mia grande forza mentale di rimettermi in gioco e le mie grandi motivazioni, che riesce a darmi questo sport!” Viola: “Nonostante i mille infortuni non ho mai pensato di mollare ma ho sempre cercato una soluzione per tornare a ad essere competitiva! Sono tante le cose che mi spingono a correre, prima di tutto perché amo questo sport e poi quando corro mi sento libera!” Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? Dario: “Al mio benessere nello sport sicuramente ha contribuito la mia voglia di mettermi quotidianamente in gioco con me stesso allenando le mie capacita fisiche, e mentali, dando un equilibrio costante a entrambi le cose!” Viola: “Devo ringraziare il mio primo allenatore: Vito Macchia, lui mi ha insegnato a correre, a fare i primi passi, mi ha insegnato il vero significato dell'atletica! A lui devo tutto quello che ora sono! E poi dopo la sua morte devo ringraziare il mio attuale allenatore: Piero Allegretti che mi segue e mi sta aiutando molto! E poi credo che ogni atleta deve ringraziare se stesso, i propri piedi, il proprio corpo che gli permette di fare ciò che ama.” Per essere campioni c’è bisogno di essere supportati da amici, famigliari, istituzioni, e continuare a credere in quel che si fa ed andare avanti con impegno e determinazione. Qual è stata la gara della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle? Dario: “Per me ogni gara fa parte di un pezzo di storia della mia vita e regala sempre emozioni belle ma diverse l’una dall’altra, sicuramente ci sono gare dove si gioisce o dove si è più rammaricati per la performance, per me tutte le gare che ho vinto sono le più belle, ma le più belle sono anche tutte le gare dove anche non avendo vinto so di aver dato il 100% di me stesso!” Viola: “Sono tre: - una 21 km ovvero la stramilano, una emozione unica e in questa occasione ho fatto nel 2015 il mio personale di 1h23’ - poi il 1000 in pista, una delle gare più dure che esista secondo me! - e poi la vivicittà di Bari a cui sono legata sia perché è stata una delle prime gare che ho fatto, e sia perché l'ho corsa in alcuni momenti particolari della mia vita!” Qual è un’esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare nello sport o nella vita? Dario: “Non ci sono esperienze che ti possono dare la convinzione di riuscire in qualcosa, ma la convinzione di potercela fare sia nello sport che nella vita bisogna averla dentro se stessi, cioè avere la determinazione se va male pazienza, l’importante è che fino a quel momento una persona ci ha creduto e ha dato il meglio di se e ha avuto la convinzione di poterci riuscire!” Viola: “Ogni gara che termino, ogni allenamento che finisco mi danno la carica per non mollare e affrontare le difficoltà nel migliore modo possibile.” Crederci sempre ed andare avanti, la forza di volontà, l’impegno, la passione, la costanza sono le chiavi del successo. Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport? Dario: “A livello personale la nascita di mio figlio mi ha fatto scattare quel meccanismo psicologico che si chiama Responsabilità. Da quel momento dentro di me è scattata una forza che non credevo di possedere, e quindi affronto tutto con più determinazione e impegno!” Viola: “Credo che è soprattutto la mia forza di volontà, il senso di sacrificio e la mia testardaggine ad aiutarmi in questo sport.” Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? Dario: “Molti miei coetanei del paese dove vivo, ammirando il mio impegno costante e il mio benessere fisico sono stati trascinati anche loro a fare una sana attività fisica, i miei familiari sono i miei primi tifosi e quindi ho la loro piena ammirazione in quello che faccio!” Viola: “La mia famiglia è un po' antisportiva, all'inizio è stato difficile per me allenarmi...ma poi hanno capito! I miei amici sono contenti...la maggior parte dei miei amici corre...quindi mi capiscono e mi sostengono.” A Manfredonia ho presentato il mio libro Ultramaratoneti e gare estreme, Prospettiva editrice, con l’ospite di eccezione il Campione Italiano di Maratona Dario Santoro nativo di Manfredonia. http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product Nel mio libro sugli Ultramaratoneti e gare estreme a pag. 49 riporto la vittoria del titolo Italiano di maratona di Dario che ha scoperto la passione della corsa grazie al suo professore di educazione fisica della scuola superiore: “Abbiamo iniziato a fare degli allenamenti extra scolastici 2 volte a settimana, vincendo il titolo regionale scolastico e approdando alle nazionali”. Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Buona la 1^Corri Lesina vinta da Dario Santoro che precede Domenico Ricatti


Il profilo professionale di Dario Mirri – Direttore Generale Damir S.r.l.


Il Senso e la struttura del progetto “Sanlorenzo mercato”, ideato e finanziato da Dario Mirri


Dario Santoro vince ad Adelfia la “CORRENDO TRA I VIGNETI”


Tappe professionali ed affermazione aziendale di Dario Mirri, Direttore Generale di DAMIR S.r.l.


Il progetto per la nascita del Mercato San Lorenzo presentato dal manager Dario Mirri riceve l'approvazione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

"Lo sport delle donne", giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat


"Lo sport delle donne", edito da Prospettiva editrice, giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat "Nati per Correre" su ONE TV, canale 86 digitale terrestre e Sky canale 828. Inoltre, "Lo sport delle donne" sarà presente il 2 giugno al "Cross Trofeo città di Nettuno". Ringrazio Elisa Tempestini e l’Associazione Spiragli di luce per la possibilità di presentare il mio ultimo libro “Lo Sp (continua)

Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”

Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”
Il mondo dello sport è affascinante, riabilitativo, bizzarro, straordinario; lo sport rimette al mondo ogni volta con nuove modalità, felicemente e resilientemente. Sono tante le persone che attraverso lo sport si sentono vivi o tornano a vivere come succede per tanti ex fumatori, ex obesi e anche molte persone con disabilità o a seguito di incidenti tragici. Grazie alla mia amica ultrarunner Soni (continua)

Continua il tour di presentazione del libro "Lo sport delle donne”

Continua il tour di presentazione del libro
Arrivederci al 2 Giugno in occasione del Cross Trofeo città di Nettuno Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Il libro "Lo sport delle donne" è stato presentato venerdì 8 marzo a Roma, la moderatrice Alessandra Penna ha modulato gli interventi dei relatori coinvolgendo anche il pubblico in una serata all’insegna dello sport, della cultura, della partecipazione. Tra i relatori: Fra (continua)

Elisa Tempestini: Spiragli di Luce e il Cross Trofeo città di Nettuno

Elisa Tempestini: Spiragli di Luce e il Cross Trofeo città di Nettuno
Ogni progetto che realizziamo insieme a loro è un traguardo Matteo SIMONE L’Associazione “Spiragli di Luce”, operante nel territorio di Anzio e Nettuno, si rivolge ai ragazzi diversamente abili e alle persone con disagi sociali promuovendo lo sviluppo e la diffusione d’attività sportive e socioculturali. Elisa descrive la sua associazione e la sua gara rispondendo ad alcune mie domande: Come n (continua)

Lo sport mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo

Lo sport mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo
E’ sempre il momento per mettersi in moto, per iniziare a fare sport, iniziare a incontrare gente in carne e ossa e allenarsi insieme, incontrarsi, darsi un appuntamento e un ritrovo per un allenamento o per andare insieme a una gara, questo è lo sport che vogliamo. Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per in (continua)