Home > Economia e Finanza > Yuan in ripresa contro il dollaro. Occhio ai dati macro in arrivo

Yuan in ripresa contro il dollaro. Occhio ai dati macro in arrivo

Per lo Yuan è stata una settimana positiva nei confronti del dollaro. La valuta cinese ha infatti guadagnato molto terreno, e alla fine la chisura settimanale di venerdì del cross USD / CNH è stata al di sotto del livello di supporto chiave di 6.7377. Nel corso della seduta di giovedì, l'istituo centrale cinese (PBOC) è intervenuto rafforzando la correzione dello Yuan al 6.7307 (pari a 222 pips), ossia il livello più basso visto da ottobre 2016. Il cambio USD / CNH continua a muoverso lungo un trend ribassista da maggio, e ci stiamo avvicinado al territorio di ipervenduto identificabile con l'indicatore RSI. Per questo motivo potrebbe esserci una ripresa la prossima settimana. Occhio anche alla formazione di Harami e engulfing pattern trading.

La Cina non toccherà il tasso di interesse

yuanA livello di appuntamenti macro, verrano pubblicati il dato sulle PMI cinesi e il Caixin PMI che potrebbero essere dei driver primari per i movimenti dello Yuan. Nel frattempo i leader politici della Cina si sono riuniti per definire la strategia economica della seconda metà del 2017. Da questo meeting è emerso che il paese si focalizzerà sull'obiettivo di "cercare progressi pur mantenendo la stabilità". In termini di politiche, la Cina continuerà ad attuare "una politica fiscale proattiva e una politica monetaria prudente". Questo significa che la PBOC non dovrebbe toccare il tasso di interesse, ne' in aumento ne' in diminuzione nei prossimi due trimestri. Questo vuol direche chi opera con il trading online miglior broker forex italiano dovrà guardare soprattutto ai dati macro per definire le strategie sullo Yuan.

Ricordiamo che nella prima metà del 2017, il PMI ufficiale si è fermato nell'intervallo tra 51,2 e 51,8, quindi in zona espansione. Il report di luglio dovrebbe rimanere in questa fascia, forse a quota 51,5 secondo la previsione di consenso di Bloomberg. Per quanto riguarda invece il PMI di Caixin, che è andato in contrazione a maggio (meno di 50), dovrebbe esserci uan ripresa fino a 50,4. Tuttavia nel settore manifatturiero non sono stati osservati miglioramenti sostenibili, per cui difficilmente potremmo avere un forte sostegno alla quotazione dello Yuan.

trading | forex | yuan | usd |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Euro, altra giornata positiva sui mercati valutari


Sterlina britannica in volo dopo l'intesa sulla Brexit


WOC 2014: A FOLGARIA LA SPRINT RELAY EMOZIONA ANCHE TECNICI E RAPPRESENTANTI FISO


Nuovi scenari per i mercati finanziari


Le botti, custodi del vino


Mercato valutario, la BNS ci ha provato ma il franco resta forte


 

I più cliccati

Stesso autore

Economia canadese sotto pressione, e i dati sul lavoro deludono

Gli echi del G7 in corso in Canada (a Charlevoix) si fanno sentire sui mercati valutari e sull'economia canadese. Il CAD scivola soprattutto sui timori di una guerra commerciale che sono aumentati dopo le dichiarazioni dei Premier Trudeau, Macron e i tweet di Trump. Senza dimenticare l'ulteriore rischio riguardante il tracollo dell'accordo di libero scambio NAFTA. Una pressione che si è acu (continua)

Dollaro Neozelandese, la crescita potrebbe essere solo temporanea

L'allenamento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina ha fatto sentire i suoi effetti benevoli anche sul Dollaro neozelandese, che ha vissuto un lunedì positivo sui mercati valutari. Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che nel weekend è stato raggiunto un accordo per sospendere temporaneamente la guerra commerciale tra Washington e Pechino, il che significa che le (continua)

Ethereum si consolida, è il preludio a un nuovo rialzo?

Il mercato delle valute digitali è tornato ad essere vivace in questi ultimi giorni. Mentre Bitcoin sta cercando di riavvicinarsi a quota 10.000 dollari, l'andamento di Ethereum sta procedendo attraverso una fase di consolidamento, sia pure con performance tutto sommato positive. Del resto parliamo di una delle criptovalute che ha dato le soddisfazioni più grandi agli investitori. D (continua)

Inflazione USA in crescita, i Treasury volano ai massimi di 4 anni

Inflazione USA in crescita, i Treasury volano ai massimi di 4 anni
Il rendimento dei Treasury si avvicina al massimo da circa 4 anni, con inevitabili implicazioni sul quadro generale relativo alla inflazione USA. Dopo la cavalcata della settimana scorsa, anche quella appena cominciata è all'insegna del rialzo. La forte crescita del rendimento dimostra come tra gli investitori stia crescendo l'idea che ben presto la dinamica dei prezzi americani possa impen (continua)

Valute virtuali, si chiude un trimestre terribile per tutte

Il mercato delle valute virtuali ha vissuto un primo trimestre del 2018 pessimo. Le quotazioni di quasi tutte le monete digitali hanno subito pesanti contraccolpi, a cominciare ovviamente da quella più nota, Bitcoin. Nel periodo compreso tra 1 gennaio e 31 marzo, l'andamento del BTC ha bruciato una grossa fetta dei guadagni ottenuti nel periodo immediatamente precedente. Il Bitcoin durante (continua)