Home > News > Dario Santoro vince ad Adelfia la “CORRENDO TRA I VIGNETI”

Dario Santoro vince ad Adelfia la “CORRENDO TRA I VIGNETI”

Dario Santoro vince ad Adelfia la “CORRENDO TRA I VIGNETI”
Matteo SIMONE Grande atleta. Grande persona, chi non lo conosce lo conoscerà e apprezzerà sempre di più le sue doti atletiche e umane nonostante la giovane età, perché lo sport fatto con passione e motivazione fa crescere meglio e più ricchi dentro, avanti così, sono tanti i fan che lo spingono con il loro tifo, così potrà andare sempre più forte, veloce e leggero. Manfredonia ha un idolo in più da riconoscere e apprezzare, un esempio per i più giovani da coinvolgere nella fatica appagante dello Sport. Ho chiesto a Dario i prossimi suoi obiettivi, ecco la sua risposta: “Farò il 9 settembre il 10.000 su strada ai Campionati Italiani, poi ad ottobre la mezza ai Campionati Italiani ad Agropoli e la Maratona penso di nuovo Firenze.” Pensi di abbassare tutti e tre i personali o ti stai focalizzando su una delle tre? “Si penso di migliorare, sulla Maratona spero d più.” A Manfredonia ho presentato il mio libro Ultramaratoneti e gare estreme, Prospettiva editrice, con l’ospite di eccezione il Campione Italiano di Maratona Dario Santoro nativo di Manfredonia. http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product Nel mio libro sugli Ultramaratoneti e gare estreme a pag. 49 riporto la vittoria del titolo Italiano di maratona di Dario che ha scoperto la passione della corsa grazie al suo professore di educazione fisica della scuola superiore: “Abbiamo iniziato a fare degli allenamenti extra scolastici 2 volte a settimana, vincendo il titolo regionale scolastico e approdando alle nazionali”. Lo sport ti fa uscire all'aperto, allo scoperto, ti fa mettere in gioco senza sé e senza ma. Lo sport ti rende protagonista, sia che vinci sia che arrivi ultimo, tanti i protagonisti ad Adelfia in occasione della “Correndo tra i vigneti” una gara di circa 9,300 km i cui vincitori sono stati i giovanissimi Dario Santoro con l’ottimo crono di 28’10”, già Campione Italiano di Maratona nel 2015 e tra le donne Viola Giustino, la fortissima atleta pugliese residente a Cassano delle Murge. Di seguito approfondiamo la conoscenza del vincitore Dario, attraverso risposte a mie domande. Ti sei sentito campione almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? “Secondo il mio punto di vista ogni persona che pratica sport è un campione, perché si mette in gioco con se stesso! Io personalmente non mi sono mai sentito un campione, ma sempre un comune sportivo, certo con qualche abilità un po’ più spiccata rispetto ad altri miei coetanei, però sicuramente mi sento sempre un ragazzo a cui piace praticare lo sport per il proprio benessere e per sfidare le mie capacità fisiche!” Vero, campioni significa anche solo mettersi le scarpe e partecipare, una grande sfida, faticare divertendosi, partire e arrivare. Come ha contribuito lo sport al tuo benessere? “Lo sport è un toccasana naturale, che non ha medicinale e cure imitabili, per raggiungere il proprio benessere fisico e mentale! A me personalmente lo sport ha contribuito tanto per il mio benessere mentale e fisico, soprattutto perché ti trasmette una forte autostima, e ti da quella marcia in più di guardare tutte le cose della vita con gli occhi diversi e in modi diversi, cioè ti trasmette tanto ottimismo, e tante motivazioni!” Lo sport diventa una terapia naturale meglio di tanti farmaci, diventa un addestramento alla vita, incrementa consapevolezza nei propri mezzi e proprie capacità, incrementa fiducia in sé, aiuta a stare al mondo con una visione positiva e propositiva, a stare con gli altri confrontandoti e condividendo gioia e fatica. Come hai scelto il tuo sport? “La corsa l’ho iniziata a praticare all’età di 16 anni però facevo solo gare a livello scolastico, perché il mio chiodo fisso, come per la maggior parte di ragazzi era il calcio, infatti l’ho praticato da 6 anni fino a 18 anni! La mia scelta verso questo mondo ‘la corsa’ è stata una scelta dettata da delle forte motivazioni che ti riesce a dare ogni volta che ti alleni oppure ogni volta che affronti una gara! L’ho scelto anche perché grazie al mio professore di educazione fisica della scuola superiore che frequentavo, abbiamo iniziato a fare degli allenamenti extra scolastici 2 volte a settimana sotto la sua guida, con i miei amici di squadra, vincendo anche il titolo regionale scolastico, approdando alle nazionali, e da lì ho capito che forse dovevo dare un po’ più importanza a questo sport che mi regala emozioni e sensazioni fisiche che il calcio o qualsiasi sport di squadra non ti riesce a regalare!” Si inizia con il gioco e poi si può scoprire di avere talento e che tale talento può essere coltivato con passione e motivazione e può dare ricchi frutti, come sta succedendo per Dario. All’inizio c’è bisogno di qualcuno che ti indirizza, che può essere un genitore, un professore, insomma qualcuno che si prenda cura di te, che ti prenda a cuore, che intravede delle qualità da coltivare e poi il resto viene da solo con la passione, le emozioni che si sperimentano. Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? “Diverse difficoltà come in ogni sport, che sono infortuni, momenti dove le motivazioni vengono meno a causa di periodi dove i risultati non arrivano, e allora e lì che entra in azione la forza mentale dell’atleta e la caparbietà, che non ti fa mollare! Ad esempio in una maratona, distanza dove mi cimento da pochi anni, si incontrano difficoltà a livello fisico, che possono essere crampi muscolari, oppure crisi di fame, o carenza di zuccheri, queste difficoltà non le ho ancora conosciute e spero di non conoscerle mai, tranne i crampi muscolari che ho avuto nella mia ultima maratona, con i quali ho dovuto convivere per ben 11 km che sono i chilometri più fondamentali della gara cioè gli ultimi. Lì è scattato in me la forza mentale di non mollare e cercare nello stesso tempo di rilassarmi e portare a termine le fatiche! Per questo dico, che nella corsa il 70% dalla performance è frutto della forza mentale dell’atleta, della giusta e corretta alimentazione, e del proprio benessere fisico!” Come spiega Dario, tanta testa, tanta forza di volontà, tanta resilienza per fare sport e sperimentare sia benessere che performance e curare tantissimi aspetti, non solo talento e allenamenti fisici ma anche affidarsi ad un appropriato allenamento mentale e a un corretto stile di vita che comprenda un’alimentazione sana e idonea. Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “Varia a seconda della gara che affronto e della distanza che c’è da fare, ad esempio prima di una gara di 10 km mangio a colazione un thè con un caffè con 4 fette biscottate accompagnate dal miele o marmellata, oppure un pezzo di crostata alla marmellata, poi a pranzo mangio un primo fatto da carboidrati 100-120-grm di pasta o in bianco o con il sugo, con un po’ di proteine mentre a cena rimangio i carboidrati con proteine! E la mattina prima della gara faccio una colazione un po’ più abbondante se la gara è verso l’ora di pranzo! Post gara mangio sempre o un po’ di carboidrati o proteine accompagnato a volte anche da un dessert! Se devo affrontare una maratona, eseguo durante la settimana che precede la gara una alimentazione fatta da i primi 3 giorni di scarico di carboidrati, mentre a metà settimana faccio il carico di carboidrati mangiandoli sia a pranzo che a cena, accompagnati sempre da un po’ di proteine e frutta e verdura!” Dario ha le idee chiare, non improvvisano, sanno che per eccellere deve andare tutto alla perfezione e non devono trascurare il minimo. Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Al mio benessere nello sport sicuramente ha contribuito la mia voglia di mettermi quotidianamente in gioco con me stesso allenando le mie capacita fisiche, e mentali, dando un equilibrio costante a entrambi le cose!” Per essere campioni c’è bisogno di essere supportati da amici, famigliari, istituzioni, e continuare a credere in quel che si fa ed andare avanti con impegno e determinazione. Qual è stata la gara della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Ogni gara fa parte di un pezzo di storia della mia vita e regala sempre emozioni belle ma diverse l’una dall’altra, sicuramente ci sono gare dove si gioisce o dove si è più rammaricati per la performance, per me tutte le gare che ho vinto sono le più belle, ma le più belle sono anche tutte le gare dove anche non avendo vinto so di aver dato il 100% di me stesso!” Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport? “A livello personale la nascita di mio figlio mi ha fatto scattare quel meccanismo psicologico che si chiama Responsabilità. Da quel momento dentro di me è scattata una forza che non credevo di possedere, e quindi affronto tutto con più determinazione e impegno!” Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva? “Molti miei coetanei del paese dove vivo, ammirando il mio impegno costante e il mio benessere fisico sono stati trascinati anche loro a fare una sana attività fisica, i miei familiari sono i miei primi tifosi e quindi ho la loro piena ammirazione in quello che faccio!” Matteo SIMONE http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Manfredonia sempre più “Città dello sport” grazie ad atleti, tecnici e società


Buona la 1^Corri Lesina vinta da Dario Santoro che precede Domenico Ricatti


RAGNOLI E GHEZZO PIÙ…”FORTI” A LAVARONE. SPETTACOLO ANCHE CON CATTANEO E BIANCHETTA


ACUTO DI LEONARDI ED ANA NANU A CANAZEI, VAL DI FASSA RUNNING VIVACE E FRIZZANTE


IL TAPPONE DEI “VAMPIRI” SUL BUFFAURE, GALLIANO SUPER, NANU STUPEFACENTE!


 

Ieri...

Stesso autore

Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi

Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport fa prendere direzioni per raggiungere traguardi, mete e obiettivi difficili, sfidanti ma non impossibili superando eventuali imprevisti lungo il percorso con fiducia in se, con impegno, motivazione, passione e determinazione. Lo sport libera la mente da tensioni e problemi accumulati durante la giornata o nel corso di altre attività q (continua)

Cosa c'è dietro una bici? Passione, incontri, salite e fatica

Cosa c'è dietro una bici? Passione, incontri, salite e fatica
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Cosa c'è dietro una bici? Tanta passione, allenamenti, incontri, salite e fatica, aggregazione, selfie e caffè, tanti chilometri di curve, tante decisioni, equilibrio, presenza, attenzione, focalizzazione. Squadre, gruppi, associazioni, camere d'aria, banane e barrette. Daje con la bici! Per assaporare la ciclicità dello Sport come nella vita, (continua)

Cosa c'è dietro un record del mondo?

Cosa c'è dietro un record del mondo?
Il 16 settembre 2018 record mondiali: maratona e decathlon Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Il 16 settembre 2018 ci sono stati due record mondiali nell’atletica mondiale: maratona e decathlon. Eliud Kipchoge ha vinto la Maratona di Berlino in 02h1’39” stabilendo il nuovo record mondiale all’età di quasi 34 anni, rafforzando sempre di più la supremazia sulla disciplina della (continua)

Francesca Canepa vince l’UTMB: Bisogna osare, lottare e godersi i risultati

Francesca Canepa vince l’UTMB: Bisogna osare, lottare e godersi i risultati
Se una cosa mi piace, se ci credo, nulla può impedirmi di portarla a termine Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net L’UTMB con partenza e arrivo a Chamonx è una gara di circa 170 km e 10.000 metri di dislivello che attraversa l’Italia, la Francia e la Svizera. Xavier Thévenard, con un tempo di in 20:44:16 ha vinto l’edizione del 2018 precedendo il rumeno Robert Hajnal, e lo spagnol (continua)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net E’ sempre più chiaro che per stare bene e sperimentare benessere occorre sviluppare autoconsapevolezza, cioè la propria personale consapevolezza di come ci si sente, come si sta, cosa si vuole, dove si vuole andare, e anche consapevolezza delle proprie possibilità, capacità, risorse e anche dei propri limiti. Di fondamentale importanza risulta (continua)