Home > Sport > Lo sport che ti fa sempre rialzare, ti rimette sempre al mondo

Lo sport che ti fa sempre rialzare, ti rimette sempre al mondo

Lo sport che ti fa sempre rialzare, ti rimette sempre al mondo
Matteo SIMONE Lo sport che ti fa diventare più produttivo e propositivo al lavoro; lo sport che ti fa divertire e che ti fa trovare tempo libero per dedicare a te stesso perché la vita è ora e non quando vai in pensione. Lo sport come stile di vita, come educazione al rispetto di regole e di persone che siano compagni di squadra o avversari; lo sport che ti fa elaborare situazioni e pensieri, ti fa scaricare energie e stress, ti apre il cuore e la mente. Lo sport che ti mette alla prova, che ti tenta, che da una parte da e da una parte toglie, quindi tanta attenzione a quello che si fa, a come si fa, osare senza strafare rispettando se stessi e gli altri, cercando di non barare e non prendersi in giro, accogliendo sconfitte, infortuni e crisi senza ricorrere a mezzi scorretti che inquinano sia se stessi che lo sport. Lo sport che ti fa sempre rialzare, ti rimette sempre al mondo, ti fa apprendere, ti fa mettere sempre qualcosa di utile in valigia da portare a casa dopo l‘esperienza, a volte meglio di master o corsi di alta formazione, sport vera scuola di vita. Lo sport che ti fa sperimentare un mondo diverso, che ti fa vedere un mondo a colori, che ti rimette al mondo, ti fa incontrare, ti fa prendere impegni, ti fa condividere fatiche e divertimento. Lo sport che ti fa consumare calorie, che ti fa uscire fuori dalla zona di confort, lo sport che si può fare da soli o in compagnia, fa sperimentare benessere psicofisico e performance, ti fa ritornare ragazzino, ti rimette al mondo ogni volta in modo diverso, ti fa seguire una direzione, ti rende libero. Questo spinge persone a incontrarsi per allenarsi. Ringrazio i miei amici di sport che mi danno tanti stimoli per approfondire argomenti di psicologia dello sport, del benessere, della performance. La bellezza dello sport è che ti permette, di metterti in gioco, di apprendere dall’esperienza sbagliando e facendo sempre meglio la prossima volta. Lo scrive anche Murakami nel suo libro “L’arte di correre”: “Naturalmente è stata dura, a un certo punto stavo quasi per perdermi d’animo. Ma in questo sport la fatica è data per scontata. Se non fosse parte integrante del triathlon o della maratona, chi mai si darebbe la pena di mettersi alla prova in discipline che succhiano le nostre energie e il nostro tempo? Proprio nello sforzo enorme e coraggioso di vincere la fatica riusciamo a provare, almeno per un instante, la sensazione autentica di vivere. Raggiungiamo la consapevolezza che la qualità della vita non si trova in valori misurabili in voti, numeri e gradi, ma è insita nell’azione stessa, vi scorre dentro.” Lo sport che ti fa conoscere la fatica che diventa tua amica, ti fa compagnia fino al traguardo, non ti abbandona mai, diventa il tuo angelo, ti ricorda che stai vivendo proprio ora nel momento presente, che non stai sognando ma stai faticando passo dopo passo, metro dopo metro, la fatica non ti abbandona, è lì per te, per darti coraggio per aiutarti a vivere. La fatica rende anche felici, è quello che sperimentano molti atleti di sport di endurance come gli ultramaratoneti e i triatleti ironman. L’ho sperimentato anch’io soprattutto nell’Iron elbaman. Riporto di seguito l’esperienza di Murakami: “Ciò che soprattutto mi ha reso felice, oggi, è il fatto che questa gara me la sono proprio goduta. Non ho ottenuto un tempo di cui andar fiero. Ho anche commesso diversi piccoli errori. Però ho corso fino a esaurimento delle forze, e ne risento ancora l’effetto. Inoltre, sotto molti punti di vista, credo di essere migliorato rispetto all’ultima gara. E questo è un punto essenziale.” Lo sport, oltre all’amica fatica che non ti fa sentire mai solo, è anche tanto calore e colore, musica e allegria, più è lunga la distanza è più c’è clima di festa, lo sport trascina, coinvolge, ti prende, ti cattura, ti porta via e fatichi sempre di meno, questo è il fantastico, sorprendente e gioioso mondo dello sport amatoriale. Lo sport di tutti e per tutti con ogni modalità e in ogni luogo, per conoscere, fare esperienza, sperimentare, uscire fuori da una zona di confort ed entrare nel vortice della vita. Lo sport che fa sentire sensazioni ed emozioni, fa incontrare e confrontare con altri di altri mondi, di altre culture e altre generazioni. Lo sport per essere consapevole ed accettare che da una parte c’è questo e dall’altra c’è quello, non bisogna buttare niente, accogliere e trasformare il negativo e accogliere e cavalcare l’onda del positivo, serve tutto, il negativo serve per apprezzare di più il positivo. Unisciti ad Achilles, il programma che in tutto il mondo permette di fare sport con ogni disabilità, guida e atleta con disabilità visiva per sperimentare e mettersi in gioco, liberi di correre in natura ognuno a modo suo. Lo sport di tutti e per tutti grazie a persone sensibili e coraggiose disposte a impegnarsi e dedicarsi all’altro, a volte da soli è più difficile, “together is much better”, insieme è molto meglio. Per info achillesinternationalroma@gmail.com o 3931053915. Ti aspettiamo! Da soli le persone con disabilità hanno difficoltà a fare sport o sono quasi impossibilitate, ed allora perché non offrire un po’ del nostro tempo per dedicarci a questa attività? Insieme si ottengono risultati importanti, vieni il lunedì e il giovedì alle ore 18.45 presso il Parco degli Acquedotti, sarai accolto con un cordino per correre o camminare insieme. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR http://www.mjmeditore.it/autori/matteo-simone

Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La gara della vita il campionato italiano pre mondiale kendo


Lorena Brusamento: Indossare la maglia azzurra era un sogno, l'ho realizzato


Omar Atzori: maratone e ultra, un viaggio introspettivo meraviglioso


Gildo Tomaiuolo: mi sono sentito Campione quando ho fatto il record mondiale


William Da Roit: 4K Alpine Endurance Trail, 350 km e 25.000 mt di dislivello


Fabio Ferrari: La corsa è venuta a risollevare la mia vita e a farmi rinascere


 

I più cliccati

Stesso autore

Paolo Rovera, Mondiale 24h: Mai mollato nonostante le difficoltà

Paolo Rovera, Mondiale 24h: Mai mollato nonostante le difficoltà
Matteo SIMONE Partecipare come atleta a un mondiale è sempre qualcosa di eccezionale e straordinario, essere il capitano di una squadra composta di 3 atleti dove diventa determinante l’impegno di ognuno dei tre atleti per la classifica finale di squadra diventa una bella responsabilità per il fatto di motivare ciascuno a dare il meglio di sé e vivere l’esperienza nel miglior modo possibile, di (continua)

Nicolas Forget, runner: Devo ascoltare il mio corpo e non superare il limite

Nicolas Forget, runner: Devo ascoltare il mio corpo e non superare il limite
Je dois écouter mon corps pour ne pas dépasser la limite Matteo SIMONE Prima o poi nella vita lo incontri lo sport che fa per te, può capitare che si inizia a praticare lo sport dei genitori ma poi prima o poi lo sport che fa per te lo incontri e allora ti immergi in questo mondo fantastico, di seguito l’esperienza di Nicolas attraverso risposte a un mio questionario. (continua)

Francesca Innocenti, 210km Mondiale 24h: Esperienza meravigliosa

Francesca Innocenti, 210km Mondiale 24h: Esperienza meravigliosa
Matteo SIMONE Alla prima esperienza di un mondiale Francesca porta a casa qualcosa di utile, una grande esperienza, porti a casa tantissimo oltre alla miglior prestazione personale, che quando viene a un mondiale è molto gradita, ma tutto ciò non viene a caso, dietro tutto ciò c’è un grande lavoro individuale e di squadra per curare tantissimi aspetti importanti per il benessere e la performanc (continua)

Nico Leonelli, Mondiali 24h: Sin dall'inizio ho sentito le gambe girare bene

Nico Leonelli, Mondiali 24h: Sin dall'inizio ho sentito le gambe girare bene
Matteo SIMONE Con la maglia azzurra addosso da una parte c’è più responsabilità, più tensione, più pressioni ma dall’altra parte ce la voglia di far bene, c’è l’energia dei fan che l’atleta sente arrivare da ogni parte del copro, si cerca di attingere le risorse residue da ogni anfratto del proprio corpo. Di seguito Nico racconta la sua esperienza al Mondiale di Belfast di 24 ore di corsa su s (continua)

Fabio Ferrari: La corsa è venuta a risollevare la mia vita e a farmi rinascere

Fabio Ferrari: La corsa è venuta a risollevare la mia vita e a farmi rinascere
Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Per partecipare alla ultramaratona del Gran Sasso devi essere per forza un ultramaratoneta per diversi motivi, perché sei uno che corre una distanza superiore alla maratona, per di più un percorso impegnativo dal punto di vista delle salite e dell’altitudine, per di più in estate, il 30 luglio quando molti runner iniziano ad andare in vacanza o comunq (continua)