Home > Altro > Pietro Salini racconta il progetto Valfornace: la ricostruzione dopo il terremoto

Pietro Salini racconta il progetto Valfornace: la ricostruzione dopo il terremoto

 "Abbiamo lavorato bene con l'amministrazione locale - ha detto Pietro Salini - e siamo riusciti ad aprire la struttura prima dell'anno scolastico. È un bel segnale", che sottolinea come "si può ricostruire un paese". L'amministratore delegato di Salini Impregilo ha inaugurato con queste parole la nuova scuola per i 120 alunni di Valfornace (Macerata). La struttura accoglierà bambini e ragazzi dalla scuola dell'infanzia alla secondaria di primo grado e che va a sostituire il vecchio istituto "Ugo Betti", reso inagibile dal sisma. L'edificio è stato donato da Salini Impregilo e dal 15 settembre ospiterà gli alunni che lo scorso anno hanno frequentato le lezioni sotto a tendoni o in strutture provvisorie.

Pietro Salini | Salini Impregilo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NEVRUZ, 4 anni dopo l’esperienza XFACTOR si rilancia con il singolo LA PROTESTA


NEVRUZ, 4 anni dopo l’esperienza XFACTOR si rilancia con il singolo LA PROTESTA


Valfornace, si inaugura la scuola donata da Salini-Impregilo


Pietro Salini: 2017 in linea con i target


Pietro Salini: "Ripartiamo dalla scuola"


Valfornace, si torna a scuola dopo il sisma


 

I più cliccati

Stesso autore

Pietro Salini - Le piramidi del mondo moderno

La storia dell'umanità è pervasa da grandi opere che hanno segnato il nostro progresso su questo pianeta. Possiamo affermare con una metafora che, seppur audace, possiede una certa valenza tecnica: le dighe di oggi sono le "piramidi del mondo moderno", ovvero capolavori di ingegneria che, piuttosto che onorare la memoria di un singolo individuo, danno una spinta in avant (continua)

Salini Impregilo - L'Acqua è Vita

In passato siamo andati in guerra per questioni di confine. I conflitti dovuti alla mancanza di acqua sono presenti oggi e lo saranno sempre. Un terreno non irrigato è come pelle morta, come una parola non pronunciata, non udita, come l'arresto di una nascita nel grembo, l’onnipresente delirio, un prato privo di fiori, di colori, privo di un’anima, come una foresta senza il ven (continua)

Salini Impregilo - Dams of the world

In passato siamo andati in guerra per questioni di confine. I conflitti dovuti alla mancanza di acqua sono presenti oggi e lo saranno sempre. Un terreno non irrigato è come pelle morta, come una parola non pronunciata, non udita, come l'arresto di una nascita nel grembo, l’onnipresente delirio, un prato privo di fiori, di colori, privo di un’anima, come una foresta senza il ven (continua)

Pietro Salini - Grandi opere civili

All'interno dell'economia globale, l'Africa in anni recenti è diventato il continente in cui il desiderio di progresso è tradotto in azioni concrete e in risultati tangibili. Questo è il vero volto di un continente ad alto tasso di povertà, ma ricco in risorse naturali che potrebbero essere realisticamente impiegate per permettere ai 1,1 miliardi di africani di prendere (continua)

Salini Library - Il Desiderio di Progresso

L'Africa si sta "svegliando". Certo, chiamarlo Rinascimento africano sarebbe un'esagerazione, pur piacendo ad alcuni, ma qualcosa di nuovo sta accadendo. Non fornisce certamente il rimedio in grado di contrastare l'estrema povertà presente nel continente, ma almeno offre un po’ di speranza per il futuro. Dal Mediterraneo al Sud Africa, ogni cosa è in movimento. Ondate (continua)