Home > Musica > SEGNATEVI QUESTO NOME: ELENA LUCCA

SEGNATEVI QUESTO NOME: ELENA LUCCA

SEGNATEVI QUESTO NOME: ELENA LUCCA
Segnatevi questo nome: Elena Lucca. Tenetevelo ben in mente perché è una promettente cantante di Refrontolo (Tv), dell'associazione musicale "Toti dal Monte" (Solighetto) e allieva della professoressa Loredana Zanchetta. Una giovane stella di soli 17 anni, che, di consensi ne ha accumulati parecchi, partecipando, addirittura, nel 2015, al concerto “Lux Beata”, dedicato a Papa Francesco. L'ultimo successo è il podio conquistato sabato 9 settembre 2017, a Curtarolo (Pd), nell'ambito della 7a Edizione del Festival Volavoce, nella categoria "Teenagers". Il verdetto positivo è stato espresso dalla giuria presieduta dal discografico Davide Maggioni. Recentemente, ha saputo farsi apprezzare anche da “Riso Fa Buon Sangue”, che, attraverso spettacoli comici, promoziona, in tutta Italia, la donazione del sangue. Con il suo consueto concentrato di doti canore e finissima, seppur insieme grintosa, presenza scenica, Elena ha aperto, sabato 16 settembre 2017, a Bibione (Ve), presso Savoy Beach Hotel, l'evento di punta dell'associazione. In un tripudio di comici provenienti da Zelig e Colorado (fra cui Max Cavallari dei Fichi d'India) ed eccelse personalità del mondo Avis (da Giorgio Brunello, Presidente Avis Regionale Veneto a Massimo Lauri, Presidente Avis Regionale Marche ), ha incantato i numerosissimi presenti, soddisfacendo anche gli orecchi più difficili. Prima, si è esibita con il brano "Next to me" di Emeli Sandé. Successivamente si è cimentata in "At Last" di Etta Jeams, canzone famosissima, ma non facile, solo considerando le altre celebri cantanti, come Celine Dion e Beyoncé, che l'hanno interpretata. Diretto da Enrico Cibotto, il format Riso Fa Buon Sangue si è definitivamente aperto al canto, ospitando dal 2016, nel proprio cast e in modo fisso, anche il solista Enrico Nadai, con cui Elena ha più volte, in passato, duettato. Forse la strada verso il grande successo sarà lunga, ma le basi per una promettente carriera artistica ci sono tutte. Quindi, segnatevelo questo nome: Elena Lucca. SOFIA FACCHIN

musica | arte | filosofia | cultura | concerto | canzone | festival | evento | venezia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il mare, la montagna, la collina... La Toscana


SAN VENDEMIANO (TV)- CON CANTO RIDO E DONO IL SUCCESSO E' ASSICURATO


LESSINIA BIKE DI LIVELLO A SEGA DI ALA (TN), FOLTA SCHIERA DI BIG IN PARTENZA


Antonella Clerici - Nella "Terra dei cuochi" , con la figliastra di Beppe Grillo.


Fari puntati sulla nuova stagione 2013/2014 del teatro Duse


ALÈ CHALLENGE, PREMIERE CON I CAMPIONI 2013


 

I più cliccati

Stesso autore

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai
Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oniri (continua)

"SOGNI DI CARTA" L'ULTIMO SINGOLO DI ENRICO NADAI


Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oni (continua)

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo (continua)

ENRICO NADAI-UN ADDIO

ENRICO NADAI-UN ADDIO
Le sue mani rosee sembravano stringere un ferro mortale contro di lui, nel giorno del loro definitivo commiato. Lui implorava di potergliele tenere un’ultima volta, e le baciava ripetutamente per salvarle dalla propagazione del gelo proveniente dai precordi: il più letale. Lei versò le sue ultime lacrime per lui; lui le raccolse con le labbra prima che le rigassero l’intero viso. Un ultimo abbr (continua)

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE

ENRICO NADAI-OBBEDIRE AL CUORE
Sarà bello, per loro, ritrovarsi dopo diversi anni. Lui la chiamerà con lo stesso nome di un tempo. Lei gli chiederà: – “Che cosa hai fatto in quest’eternità senza di noi?” -“Non ho fatto che amarti, nel silenzio. Nient’altro d’importante” – le confesserà lui – “Nulla è mai valso quanto ciò che hai saputo darmi”. – “Eppure” – replicherà lei – “avresti potuto fare quel che volevi”. Soggiun (continua)