Home > Economia e Finanza > I consigli finanziari di AssoFidi.it per le Imprese

I consigli finanziari di AssoFidi.it per le Imprese

Fido in c/c, tassi da Euribor 3 mesi + 2,45%. Quando conviene?
 
I clienti non pagano o chiedono dilazioni!
Questo e’ uno dei problemi più importanti, che mette in difficolta’ molte imprese sane e produttive, ma che si trovano ad aver bisogno di liquidita’, per pagare dipendenti, fornitori e investimenti.
 
Fido in conto corrente, Pro e Contro
Lo strumento bancario piu’ semplice per avere liquidita’ e’ il fido o scoperto di conto corrente, gradito alle aziende perche’ permette di utilizzare in qualsiasi momento le somme messe a disposizione dalla banca, senza particolari motivazioni.
Di contro, pero’, ha costi elevati, e presenta un’alta percentuale di rischio per l’impresa, in quanto la banca puo’ revocarlo a propria discrezione.
 
Quando usare il fido di c/c?
Dal momento che il fido di c/c e’ la forma di finanziamento con i tassi di interesse piu’ elevati, dovrebbe essere usato solo in caso di estrema necessita’.
Per esempio, se l’affidamento sbf, salvo buon fine, o anticipo fatture e’ pieno e arriva un insoluto, si puo’ usare il fido per coprire il momentaneo squilibrio di cassa.
Mai usare il fido di c/c in alternativa al castelletto sbf, se questo e’ ancora libero, perche’ i tassi delle anticipazioni sbf sono decisamente inferiore, come vedremo nella prossima news letter.
E soprattutto, mai usare il fido di c/c per il effettuare investimenti di qualsiasi genere, per i quali strumenti finanziari consigliati sono il mututo chirografario, con restitutizione fino a 84 mesi, il mutuo ipotecario, con restituzione fino a 180 mesi o il leasing, con restituzione fino a 216 mesi.
 
Le convenzioni di AssoFidi.it, tassi a partire da Euribor 3 mesi + spead 2,45%
Grazie alle proprie convenzioni, AssoFidi.it, Associazione Nazionale per l'Assistenza e la Tutela Finanziaria delle Imprese, e’ in grado di offrire fidi di c/c a tassi piu’ contenuti, come nell’esempio indicato nella tabella:
 
Fascia di Rating A
Fascia di Rating B
Fascia di Rating C
Fascia di Rating D
Euribor + 2,45
Euribor + 3,10
Euribor + 3,85
Euribor + 4,40
Euribor a 3 mesi, media mese in corso.
 
Il rating della tua impresa e’ A, B, C, D?
Dal momento che in base al rating e’ stabilito il tasso di interesse, che l’impresa paga, ogni impresa dovrebbe conoscere il proprio rating e, soprattutto, quali sono gli accorgimenti necessari per migliorarlo.
Per conoscere il proprio rating, e’ sufficiente rivolgersi alla propria banca di fiducia, o meglio, chiederlo a tutte le banche con cui si lavora, poiche’ ogni banca ha metodologie leggermente difeerenti.
Una volta conosciuto il propro rating, e’ poi necessario rivolgersi a un consulente esperto o al proprio commercialista e prendere tutte le misure necessarie per miglioralo.
Volete ricevere una consulenza gratuita? Volete anche Voi accedere a un finanziamento a condizioni agevolate?
Chiamate AssoFidi.it!
 
Se vuoi conoscere il tuo Rating e il tuo Scoring
compila la scheda allegata e inviala
 
all'e-mail: ufficio.fidi@assofidi.it, o al fax 178 2248952
 
Entro 2 giorni lavorativi riceverai gratuitamente la risposta, e potrai valutare quale tipo di finanziamento fa al caso tuo.

AssoFidi.it e' presente con i propri Comitati Territoriali nelle seguenti regioni:
Emilia Romagna - Lombardia - Piemonte - Veneto
Il Funzionario di AssoFidi.it della Tua provincia sara' a tua completa disposizione per una consulenza.

Per informazioni
Sito: www.assofidi.it – E-mail: info@assofidi.it – Cell. 346 2130117
A cura dell'Ufficio Stampa di AssoFidi.it
Direttore: Dr.ssa Monica Medici

fido di conto corrente | euribor tre mesi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BlackRock: la lettera di Larry Fink ai Chief Executive Officers


Global Sourcing: trend e strategie per gli acquisti internazionali


Nuovo Blog per Dialogo Assicurazioni


Nuova soluzione per il management aziendale proposta da RDS con il Gestionale Contabilità


Easynet: Non è la Generazione Y a portare in azienda applicazioni e dispositivi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

PMI, finanziamenti agevolati con BEI: tassi dal 2,5% al 3,5%

PMI, finanziamenti agevolati con BEI: tassi dal 2,5% al 3,5%   La Banca Europea per gli Investimenti, B.E.I., e’ l'Istituzione Finanziaria dell'Unione Europea. Di proprieta’ dei 27 paesi dell'U.E., ha come propria & (continua)

PMI, finanziamenti agevolati BEI: tassi dal 2,5% al 3,5%

PMI, finanziamenti agevolati BEI: tassi dal 2,5% al 3,5%
La Banca Europea per gli Investimenti, B.E.I., e’ l'Istituzione Finanziaria dell'Unione Europea. Di proprieta’ dei 27 paesi dell'U.E., ha come propria “mission” quella di sostenere e finanziare progetti di ricerca, innovazione, sviluppo ecosostenibile, infrastrutture, e tanto altro. Le sue risorse economiche non derivano ne’ dal bilancio comunitario ne’ da conti (continua)

Perché un'impresa su due ha problemi di credito?

1) Difficoltà di accesso al credito per le imprese Come già si era verificato nel terzo trimestre, anche nell'ultimo del 2010, quasi un'impresa su due, esattamente il 48,9%, segnala difficoltà o non riesce a far fronte al proprio fabbisogno finanziario. Questi sono i principali risultati, che emergono dall'Osservatorio sul credito per le imprese del commercio, del turismo e d (continua)

Finanziamenti e Mutui assistiti dalle Fideiussioni dei Consorzi Fidi: il ruolo di AssoFidi.it

Finanziamenti e Mutui assistiti dalle Fideiussioni dei Consorzi Fidi: il ruolo di AssoFidi.it
In questo momento di stretta creditizia, i Consorzi Garanzia Fidi o, piu' semplicemente Confidi, hanno svolto un ruolo economico-sociale importantissimo. Infatti, molte PMI devono la loro sopravvivenza all'intervento dei Consorzi Fidi, che, con il rilascio delle Garanzie Collettive, hanno permesso alle imprese di continuare l'attivita' produttiva, salvaguardando moltissimi posti di lavoro. L'inte (continua)