Home > Altro > DADA’ lancia la capsule collection Rrose Selavy, celebrando la donna nelle sue mille sfaccettature

DADA’ lancia la capsule collection Rrose Selavy, celebrando la donna nelle sue mille sfaccettature

DADA’ lancia la capsule collection Rrose Selavy, celebrando la donna nelle sue mille sfaccettature

Ogni animo, ciascun individuo, ha una parte femminile. Questa può essere pronunciata o meno, visibile o invisibile, esaltata o nascosta. Lo sapeva bene Marcel Duchamp, padre del Dadaismo, mentre si trasformava nel suo alter ego femminile, Rrose Selavy, appunto. A questa donna immaginaria, l’incarnazione della femminilità tout court, si sono ispirati i designer Dadà per l’omonima collezione.  

Rrose Sélavy, si legge come Eros c’est la vie: sensualità, essere donna, carnalità. La trasformazione di Duchamp in lei innescava una visione erotica, gioia di vivere e di vagare liberamente col pensiero. 
Questa “donna” venne ritratta da Man Ray e posta sull’etichetta del profumo Eau de Voilette, opera ready made dello stesso Marcel Duchamp, composta da una bottiglia di profumo Rigaud, inserita in una custodia in velluto viola. L’essenza, dal costo di quasi 9 milioni di euro, è appartenuta a Yves Saint Laurent.  
Il titolo dell’opera dà il nome ai quattro nuovi modelli della capsule Rrose Sélavy, Eau, De, Voil, Ette, ognuno di loro abbellito da un piccolo elemento naturale: una farfalla, un calabrone, una libellula, un ippocampo.  
Piccoli dettagli glamour e scintillanti che sdrammatizzano il modello glasant, rendendolo ironico e giocoso. L’inserimento di questi piccoli animali, con base smaltata con cristalli austriaci, oltre a omaggiare l’arte orafa del dopoguerra, riflette in pieno la visione dada, anti-arte, rifiuto della logica e ode al non-sense, ma in chiave glamour. 
Con Dadà, pantos, butterfly, round eye e glasant, acquisiscono un’eccezionale eleganza anni ’20, divenendo quasi dei bijoux caratterizzati da un carattere deciso, fortemente identitari e di grande impatto estetico.   
Dadà come le mille sfaccettature dell’animo femminile: giocosa, elegante, capricciosa, irragionevole, ma sempre donna.   
 
 

occhiali | accessori | dadà | fashion | dadaismo | eyewear |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Eles Italia debutta alla Milan Design Week da MAD Zone con la capsule collection “Erotic Pop”


Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi, autrice della silloge Emma. Alle porte della solitudine


Rivoluzionaria, surrealista, innovativa: Catuma lancia la capsule collection ispirata allo stile di Elsa Schiaparelli


Accademia Costume & Moda: ad Accademia Factory il nuovo percorso Accademia Media, Film & Arti Visive


Il 20 giugno 2016 sarà online "CurvyJade”, il blog di Giada Desideri. L'idea di bellezza della donna moderna non è quella di bambole tutte uguali, ma di donne uniche, donne curvy e formose, belle e alla moda.


Nasce una nuova miscela di caffè profumata, corposa e dolce: ORO Caffè presenta Arabica Rose


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Dadà presenta la special edition “Kiki”: omaggio all’iper femminilità con un tocco di spregiudicatezza

Dadà presenta la special edition “Kiki”: omaggio all’iper femminilità con un tocco di spregiudicatezza
 In occasione del Natale 2018, Dadà Eyewear lancia sul mercato un piccolo gioiello dell’occhialeria italiana. Si tratta di “Kiki”, una montatura che prende il suo nome da Kiki de Montparnasse, la celebre modella amante di Man Ray che infiammò gli anni ’20 con la sua eleganza, anticonformismo e bellezza.   Kiki, La Reine, fu ritratta anche da Mo (continua)

Casa AB by m12 AD: un’alternanza di lucido e opaco, di colori caldi e riflessi metallici per un appartamento studiato come uno scrigno

Casa AB by m12 AD: un’alternanza di lucido e opaco, di colori caldi e riflessi metallici per un appartamento studiato come uno scrigno
 Un sapiente lavoro di esaltazione degli interni, di ridefinizione degli stessi, per regalare spazio e un look contemporaneo a un appartamento costruito negli anni ’70. Per il progetto Casa AB, di m12 AD, l’architetto Michelangelo Olivieri ha puntato contemporaneamente su due fronti: sulla composizione degli spazi e sulla commistione di differenti pattern materici. La committenz (continua)

Casa AB by m12 AD: un’alternanza di lucido e opaco, di colori caldi e riflessi metallici per un appartamento studiato come uno scrigno

Casa AB by m12 AD: un’alternanza di lucido e opaco, di colori caldi e riflessi metallici per un appartamento studiato come uno scrigno
 Un sapiente lavoro di esaltazione degli interni, di ridefinizione degli stessi, per regalare spazio e un look contemporaneo a un appartamento costruito negli anni ’70. Per il progetto Casa AB, di m12 AD, l’architetto Michelangelo Olivieri ha puntato contemporaneamente su due fronti: sulla composizione degli spazi e sulla commistione di differenti pattern materici. La committenz (continua)

DADA’ lancia Ri-Vista: contrasti tattili e visivi tra differenti consistenze materiche, per una collezione ludica e raffinata

DADA’ lancia Ri-Vista: contrasti tattili e visivi tra differenti consistenze materiche, per una collezione ludica e raffinata
La carta stampata, il suo profumo, la consistenza tattile. Il fruscio che provocano le pagine quando sfogliate…per anni il digitale ha rimpiazzato il piacere della cellulosa e il mondo sensoriale legato ad essa. Nell’epoca del Dadaismo, la carta stampata era carica di significato. Le riviste erano veicoli attraverso i quali potevano diffondersi le idee, contrarie alle opinioni corrent (continua)

Masseria Faraona partner del progetto “Save The Olives”: insieme per combattere la Xylella

Masseria Faraona partner del progetto “Save The Olives”: insieme per combattere la Xylella
Luglio 2018- Masseria Faraona, azienda produttrice di vino e olio di elevata qualità, sin dalla sua fondazione nel 2010, ha come valori aziendali la difesa e la valorizzare di vitigni e uliveti autoctoni pugliesi. Attraverso cure quotidiane, quasi maniacali e piene di amore per la terra, dei vigneti che si distendono ordinati ai piedi del Castel del Monte e degli uliveti attigui, Masseria (continua)