Home > Primo Piano > Mezza ricchezza globale nelle mani dell'1% del mondo. In Italia, 1,3 milioni di milionari

Mezza ricchezza globale nelle mani dell'1% del mondo. In Italia, 1,3 milioni di milionari

Mezza ricchezza globale nelle mani dell'1% del mondo. In Italia, 1,3 milioni di milionari

  MILANO - La ricchezza mondiale è esplosa del 27% dallo scoppio della grande crisi finanziaria ad oggi, un decennio nel quale si è via via polarizzata nelle mani di pochi. Oggi, dice il Credit Suisse, una volta sottratti i debiti "basta" un patrimonio di 3.582 dollari per essere nella metà più ricca del mondo. Non certo una cifra da Paperon de Paperoni. Con quasi 77mila dollari si entra nel top 10% dei detentori della ricchezza globale e si sale a 770mila dollari per il ristretto club dell'1%. Significa che tanto è in mano a pochissimi. Ordinando la popolazione mondiale per richezza si vede che la metà inferiore possiede meno dell'1 per cento della ricchezza totale, il 10% in cima ne detiene l'88% e l'1% di super-ricchi arriva a concentrare la metà di tutta la ricchezza.

economia |



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Rapporto Censis sullʼinnovazione tecnologica: italiani preoccupati di perdere il lavoro

Rapporto Censis sullʼinnovazione tecnologica: italiani preoccupati di perdere il lavoro
 Gli italiani sono fiduciosi dell'ingresso della tecnologia nella loro vita (57.9%), ma sul fronte del lavoro l'introduzione di robot e di macchine autominzzate desta molte preoccupazioni. E’ quanto emerge dal rapporto annuale Agi-Censis sulla cultura dell’innovazione, che ha fotografato la percezione della tecnologia nella società italiana, nell’anno che sta per term (continua)

Sudafrica: il successore di Zuma potrebbe condurre l’Anc alla scissione

Sudafrica: il successore di Zuma potrebbe condurre l’Anc alla scissione
 I 5mila delegati dell’Afrcan National Congress (Anc) da sabato e fino a mercoledì sono riuniti a Johannesburg per scegliere il nuovo leader del partito che governerà il partito e, forse, dal 2019, il Sudafrica. Il vincitore, infatti, sarà probabilmente il prossimo Presidente del Sudafrica, ma la contesa rischia di spaccare ulterio (continua)

Riforma pensioni 2018: tutte le novità per il nuovo anno

Riforma pensioni 2018: tutte le novità per il nuovo anno
  Il 2018 è oramai veramente alle porte ma la riforma #Pensioni è destinato ad essere uno degli argomenti più chiacchierati e discussi anche con l'arrivo del nuovo anno. Dopo le recenti dichiarazioni di Cesare Damiano e della CGIL sull'APe sociale , che esprimono tutta l'insoddisfazione a riguardo, andiamo a vedere quelle che sarann (continua)

Servizio Sanitario Nazionale a prezzo regionale: il paradosso del ticket

Servizio Sanitario Nazionale a prezzo regionale: il paradosso del ticket
 Buchanan (1965) sosteneva che il problema principale dei sistemi sanitari nazionali fosse che la domanda è fatta da scelte individuali e l’offerta è una scelta collettiva. Dal lato della domanda, l’individuo spinge la sua richiesta fino al punto in cui la sua utilità marginale è uguale al prezzo. Quindi con un servizio gratuito la domanda da parte (continua)

Renzi ammette la sua crisi: "Si è vero il mio consenso è in calo"

Renzi ammette la sua crisi:
 "L'elemento preoccupante non è l' ultima settimana, ma i trend. Da maggio a oggi il Pd ha perso quasi sette punti. Stiamo pagando il fatto che gli altri sono in campagna elettorale mentre noi dobbiamo sostenere la responsabilità del governo e passiamo il tempo a litigare all' interno". Matteo Renzi riconosce che i sondaggi danno il suo partito in calo. Ma - intervista (continua)