Home > Esteri > May attacca Putin: sappiamo cosa stai facendo contro l’Occidente

May attacca Putin: sappiamo cosa stai facendo contro l’Occidente

May attacca Putin: sappiamo cosa stai facendo contro l’Occidente

 La premier britannica Theresa May accusa il presidente Vladimir Putin di aver «militarizzato» l’informazione per creare discordia fra le istituzioni occidentali. Accusa il leader russo di essere dietro «alle notizie false», le fake news che infestano il web e condizionano, fuorviandola, l’opinione pubblica occidentale. Ci sarebbe Putin , secondo May, dietro una campagna di cyberspionaggio e rottura. Il riferimento è al network Russia Today, ma certo il pensiero va alle intromissioni russe nelle elezioni americane che stanno scuotendo gli Stati Uniti da un anno, da quando è stato eletto Donald Trump.

Durante il suo intervento al Lord Mayor's Banquet di Londra, May si è rivolta direttamente a Putin: «Sappiamo cosa stai facendo ma non ci riuscirai» perché «tu sottovaluti la resilienza delle nostre democrazie, la perdurante attrazione verso la libertà delle nostre democrazie e società aperte, e l’impegno delle nazioni occidentali ad alleanze che ci legano gli uni agli altri

cronaca estera |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

SCIENTOLOGY LA RELIGIONE DEL NUOVO MILLENNIO


SCIENTOLOGY LA RELIGIONE DEL NUOVO MILLENNIO


Scientology la nuova religione


I nuovi timorati di Dio


Attacchi web: la “guida alla sopravvivenza” di Imperva


 

I più cliccati

Stesso autore

Tajani: «Berlusconi sarà ancora il candidato». E si tiene stretto Salvini

Tajani: «Berlusconi sarà ancora il candidato». E si tiene stretto Salvini
A Fiuggi quando si era levato il coro adorante verso Silvio Berlusconi («Un presidente, c'è solo un presidente») il Cav aveva risposto: «che si chiama Antonio Tajani». E così aveva introdotto il presidente del Parlamento europeo, organizzatore della manifestazione. Antonio Tajani, appunto. Tutti guardano a lui, ma i sovranisti Salvini e Meloni no,  c (continua)

Stipendi bassi e divorati dalle tasse: allarme lavoro

Stipendi bassi e divorati dalle tasse: allarme lavoro
È quello che succede in Italia: siamo il quinto Paese tra quelli Ocse per tasse sul lavoro ma siamo l'undicesimo in Europa per paga oraria. Partiamo dalle tasse. Il sito di datajournalism Truenumbers.it ha elaborato i dati ufficiali dell'Ocse secondo i quali il prelievo sulla busta paga del lavoratore, nel 2016, è pari al 47,8%. La differenza rispetto alla media è di ben l'11, (continua)

Otto ore di lavoro al giorno, in Germania si pensa all'addio: "Limite obsoleto"

Otto ore di lavoro al giorno, in Germania si pensa all'addio:
 Un rapporto elaborato dai consiglieri di Angela Merkel propone il superamento dell'attuale limite quotidiano di tempo lavorativo. Fuest (Ifo): "Serve maggiore flessibilità". Scettici i sindacati FRANCOFORTE - Feierabend è un termine intraducibile quanto sacro. È letteralmente “la festa della sera”, sono le ore dedicate dopo il lavoro alla (continua)

Mdp e Si chiudono al Pd: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci vediamo dopo le elezioni"

Mdp e Si chiudono al Pd:
 Mdp e Sinistra Italiana chiudono ai tentativi di disgelo del Pd, con Pierluigi Bersani che prova a "lasciare la porta aperta" ma se ne parla dopo le elezioni, anche perché con questa legge elettorale "ci si ritrova comunque in parlamento, non vince nessuno con quella roba lì". Ma i colloqui di Romano Prodi e Piero Fassino non convincono gli ex dem. (continua)

“Renzi è il passato”. Speranza fa il funerale alla coalizione di centrosinistra

“Renzi è il passato”. Speranza fa il funerale alla coalizione di centrosinistra
 “Penso che Renzi sia un nome del passato e non un nome del futuro”. Inizia così il lungo intervento di Roberto Speranza all’assemblea nazionale di Mdp. Insomma, mentre Fassino e mezzo centrosinistra italiano è mobilitato per trovare un’intesa, la sinistra scissionista sembra chiudere tutte le porte alla possibilità di una coalzione. E quando Spera (continua)