Home > Spettacoli e TV > Un “favoloso” inizio 2018: l’attore Al Fenderico ci racconta l’esperienza nel piccolo regno di San Domenico Maggiore.

Un “favoloso” inizio 2018: l’attore Al Fenderico ci racconta l’esperienza nel piccolo regno di San Domenico Maggiore.

Un “favoloso” inizio 2018: l’attore Al Fenderico ci racconta l’esperienza nel piccolo regno di San Domenico Maggiore.

Al Fenderico, classe '92, è un attore nativo di Napoli con una formazione soprattutto estera. Dopo essersi diplomato, infatti, presso la palestra dell’attore del Teatro Diana, si sposta a Montreal in Canada per seguire un laboratorio teatrale e si diploma cinematograficamente alla ASM Performing Arts diretto da Chip Chuipka. Il suo percorso professionale prosegue al Tom Todoroff Conservatory di NY che lo porta a continuare la formazione a Londra presso la London Actors Workshop affiliata alla Royal Academy of Dramatic Arts. In questi giorni, dal 24 novembre 2017 e fino al 7 gennaio 2018, lo troviamo ad interpretare il personaggio del lupo ne "Il piccolo regno incantato" in scena nel suggestivo Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, a Napoli. Proprio in questa meravigliosa città lo abbiamo incontrato e intervistato durante le feste di Natale per approfondire i suoi prossimi progetti in cantiere.

Come si è ambientato questo Lupo ne il PICCOLO REGNO INCANTATO? Ci racconti le tue impressioni sul peculiare, innovativo e perfettamente riuscito "esperimento teatrale"? Il lupo si è ambientato bene nella sua fiaba seppur agli occhi di tutti resta sempre un personaggio antagonista. Nella storia dello spettacolo “Il Piccolo Regno Incantato” svolge un ruolo di pari importanza rispetto agli altri “antagonisti” e ai protagonisti delle nostre conosciute fiabe. Per quanto mi riguarda, ho trovato entusiasmante l'interpretazione di un ruolo (il lupo) che non era proprio facile sviluppare; con un duro training che ho eseguito tramite ricerche e un lavoro continuo sul personaggio durante gli spettacoli giornalieri, devo dire che ho notato un buon riscontro fra il pubblico sia degli adulti che dei bambini.

Avresti preferito un ruolo differente in cui immedesimarti? Mentirei se dicessi di no; volevo da sempre mettermi nei panni di Peter Pan perché è il mio personaggio preferito in assoluto e in lui ritrovo molto di me. Ho avuto comunque il piacere di poterlo interpretare alcune volte nel corso delle giornate di spettacolo e la cosa mi ha reso davvero felice:rimarrà per me l’esperienza più bella, insieme naturalmente a quella...Del lupo!

Come ti sei trovato con gli altri "personaggi delle fiabe" in questo lungo e fitto periodo di lavoro? Credo che questa domanda andrebbe fatta ai colleghi con i quali ho avuto l’onore di lavorare, anche perché dovete sapere che il lupo durante il periodo di lavoro si divertiva a fare frequenti scherzetti a tutti. Io, comunque, mi sono trovato davvero bene con loro e spero di rivederli nuovamente in qualche prossima avventura!

Autore dell'articolo: ROBERTA NARDI Ufficio stampa di Al Fenderico.

 

Cultura | Spettacolo | Al fenderico | Napoli | attore |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marigliano-Pomigliano d'Arco. L’omaggio camminante alla XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano. (Scritto da Antonio Castaldo)


Marco Antonio Zaragoza Campillo record messicano alla 48h Uruguay Natural


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


Intervista di Alessia Mocci a Pietro De Bonis ed al suo Tempeste Puniche – Il Profumo della quiete


ANDREA TARQUINI “DISCO ROTTO” È IL NUOVO ALBUM CON DISTRIBUZIONE FISICA SELF E DIGITALE MADE IN ETALY


Pietro Moro: Avis Marathon mi ha fatto conoscere un Pietro che non conoscevo


 

I più cliccati

Stesso autore

ITALIA, TISO(IC): “ITALIANI DISINTERESSATI. COLPA DEI POLITICI TUTTO “SOCIAL” E ZERO PROPOSTA”

ITALIA, TISO(IC): “ITALIANI DISINTERESSATI. COLPA DEI POLITICI TUTTO “SOCIAL” E ZERO PROPOSTA”
“Nell'attuale contesto politico, sono tanti coloro che si esercitano a fare giustizia sommaria, criticare l'azione altrui, senza proporre, suggerire, correggere, considerandosi presuntuosamente custodi delle nuove verità al punto di ritenere inutile ogni forma di confronto, di scelta e responsabilità in ordine ai problemi del vivere civile, nel rispetto delle regole. Infatti, (continua)

ALVIERO MARTINI E SIMONA CAVALLARI OSPITI VENERDI’ A “E CI SEI TU” SU RADIO ITALIA ANNI '60. CONDUCE CAROL MARITATO E VINCENZO CAPUA.

 ALVIERO MARTINI E SIMONA CAVALLARI OSPITI VENERDI’ A “E CI SEI TU” SU RADIO ITALIA ANNI '60. CONDUCE CAROL MARITATO E VINCENZO CAPUA.
E’ partita ufficialmente il 7 settembre la nuova stagione di “E ci sei tu”, conosciutissima trasmissione radiofonica capitolina. A condurre il programma è la cantautrice italiana Carol Maritato che, insieme a Vincenzo Capua, hanno iniziato con grande successo ad allietare il venerdì pomeriggio di migliaia di romani. La trasmissione va in onda dalle 18 alle 19 su Ra (continua)

GRANDE SUCCESSO SU RADIO ITALIA ANNI ‘60 PER “E CI SEI TU”. L'AVVENTURA RADIOFONICA DI CAROL MARITATO ACCANTO A VINCENZO CAPUA.

GRANDE SUCCESSO SU RADIO ITALIA ANNI ‘60 PER “E CI SEI TU”. L'AVVENTURA RADIOFONICA DI CAROL MARITATO ACCANTO A VINCENZO CAPUA.
E’ subito boom di ascolti e nuovi followers per Carol Maritato che, accanto a Vincenzo Capua, ha iniziato venerdì 7 settembre la conduzione della nuova stagione di “E ci sei tu”, conosciutissima trasmissione radiofonica capitolina. Carol Maritato e Vincenzo Capua, infatti, hanno appena cominciato ad allietare il pomeriggio di migliaia di romani, e saranno tutti i venerd&i (continua)

ROMA/AL VIA OGGI “E CI SEI TU” SU RADIO ITALIA ANNI '60. PARTE L'AVVENTURA RADIOFONICA DI CAROL MARITATO

ROMA/AL VIA OGGI “E CI SEI TU” SU RADIO ITALIA ANNI '60. PARTE L'AVVENTURA RADIOFONICA DI CAROL MARITATO
Parte ufficialmente oggi la nuova stagione di “E ci sei tu”, conosciutissima trasmissione radiofonica capitolina. Carol Maritato e Vincenzo Capua, infatti, sono pronti ad allietare il venerdì pomeriggio (7 settembre) di migliaia di romani, dalle 18 alle 19 su Radio Italia Anni '60, in frequenza a Roma sui 105.00 Fm e in diretta streaming sull'App per dispositivi mobili e sul sit (continua)

VENEZIA TRA EVENTI E PREMI PER MARIANNA PIGNATELLI. Consegnato il premio “Miglior Progetto Sociale” per Noi contro tutte le violenze.

VENEZIA TRA EVENTI E PREMI PER MARIANNA PIGNATELLI. Consegnato il premio “Miglior Progetto Sociale” per Noi contro tutte le violenze.
Il direttore del Formia Film Festival, Daniele Urciuolo, in data odierna ha consegnato a Marianna Pignatelli –che questi giorni si trova a Venezia per numerosi eventi in occasione del noto Festival del Cinema -, il premio come Miglior Progetto Sociale per il docu-film “Noi contro tutte le violenze”. Dunque, agli inviti, alle anteprime, agli appuntamenti di lavoro e ai molteplici (continua)