Home > Libri > Pietro Salini: una storia che siamo orgogliosi di raccontare - dal libro 110years of future

Pietro Salini: una storia che siamo orgogliosi di raccontare - dal libro 110years of future

Pietro Salini racconta la storia e la filosofia che si cela dietro la nascita di questo grande player mondiale. Salini Impregilo nasce nel 1906 dal sogno di piccoli costruttori, con sede in Italia e con una grande visione. Crescere attraverso la realizzazione di opere che restino nel tempo come simbolo di progresso per le nuove generazioni, definendo lo sviluppo e la storia dell’uomo: le infrastrutture.
Vi sono due retaggi in grado di raggiungere le generazioni future e che segnano il passaggio dell'uomo su questa Terra. Il primo di questi è il più astratto: il pensiero umano portato avanti nei secoli grazie al pensiero filosofico (etimologia "amore per la conoscenza dal Greco φίλος "amore"e σοφία "sapere").



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ecosin e Telecom Italia per l'informazione socio-ambientale non-profit e partecipativa: WithYouWeDo!


Torna I Mondi di Carta, la rassegna cultural-gastronomica di Crema


Enrico Vedilei, ultrarunner: anche il decimo Passatore è in saccoccia


In viaggio con i gazzosai


Alla ricerca del “paradiso” con la XXIV edizione di ISAO Festival (Il Sacro attraverso l’ordinario)


Intervista di Alessia Mocci a Giovanna Fracassi: vi presentiamo il nuovo libro “Nella clessidra del cuore”


 

I più cliccati

Stesso autore

Pietro Salini, competenze e persone per crescere nelle infrastrutture

"Piantiamo i semi del futuro pensando alle generazioni che verranno dopo di noi. Il lavoro deve ripartire dalla capacità di progettare e costruire. Innovazione, cambiamento e competenze sono gli elementi chiave dell'unica strategia vincente per la competitività in un contesto globale in continua evoluzione". Lo ha affermato Pietro Salini, Ceo del Gruppo Salini Impregilo, du (continua)

Pietro Salini, Italia bloccata da burocrazia, serve più coraggio

“L’Italia è bloccata dalla burocrazia: nel nostro settore abbiamo oltre un milione e mezzo di posti di lavoro che sono andati persi e a differenza di quanto avviene negli altri Paesi, nel nostro non riusciamo a realizzare quello che vorremmo fare. Servono misure in grado di sostenere il settore, ma soprattutto figure capaci di prendere delle decisioni”. E’ un duro sf (continua)

L’idea di Pietro Salini per uscire dalla palude. Un commissario per le infrastrutture

Un governo? Certo, ma nell’attesa meglio un commissario. Un  plenipotenziario per le infrastrutture in Italia che abbia il potere di decidere una spesa per questa o quell’opera e farla, per la precisione. La proposta arriva da chi di strade, ponti e dighe, se ne intende: Pietro Salini, ceo del general contractor Salini-Impregilo, in piena espansione, soprattutto negli Stati Uniti. (continua)

Infrastrutture: Salini, piantiamo semi del futuro per le generazioni che verranno

Piantare i semi del futuro pensando alle generazioni che verranno dopo di noi. Con queste parole l’amministratore delegato del Gruppo Salini Impregilo, Pietro Salini, si è espresso durante il dibattito “Trend del futuro per le grandi infrastrutture”, organizzato dal Gruppo il 15 maggio alla Triennale di Milano. “Il lavoro deve ripartire dalla capacità di proge (continua)

Salini Impregilo: Italia bloccata da burocrazia, serve più coraggio

“L’Italia è bloccata dalla burocrazia: nel nostro settore abbiamo oltre un milione e mezzo di posti di lavoro che sono andati persi e a differenza di quanto avviene negli altri Paesi, nel nostro non riusciamo a realizzare quello che vorremmo fare. Servono misure in grado di sostenere il settore, ma soprattutto figure capaci di prendere delle decisioni”. E’ un duro sf (continua)