Home > Informatica > Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

Cyber sicurezza - Reindirizzamento delle pagine web: virus o no?

Molto spesso durante la navigazione, soprattutto dai dispositivi mobili come smartphone e tablet, quando si digita l’indirizzo di un sito Web specifico si viene reindirizzati su pagine totalmente estranee a quanto ricercato, che indicano l’avvenuta infezione del dispositivo. Si tratta di popup creati appositamente per destare allarmismo nell’utente, con la speranza che quest’ultimo vi dia seguito.

In realtà simili messaggi non sono altro che tentativi di frode dai quali è possibile liberarsi chiudendo forzatamente il browser di navigazione, anche se questa operazione potrebbe non essere sufficiente per evitare che la medesima situazione si ripresenti durante i successivi collegamenti.

E’ opportuno infatti eliminare anche la cache di navigazione in modo da non lasciare traccia sul dispositivo delle ricerche precedentemente effettuate, evitando così che la medesima situazione si ripresenti.

L’allerta su questo tipo di frode informatica è stata lanciata dalla Polizia Postale - attraverso la propria pagina Facebook - che ricorda agli utenti come queste attività illecite siano indirizzate a qualsiasi tipologia di utente, dal privato all’azienda, e come sia opportuno prestare sempre la massima attenzione per evitare di cadere in simili trappole.

ESET Italia si associa al suggerimento della Polizia Postale ricordando inoltre come sia ormai fondamentale proteggere tutti i dispositivi con un software antimalware performante e proattivo.

ESET | antivirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Safer internet day: più sicurezza in Rete


San Valentino 3.0 – cari saluti dagli spammer


AV-Test: G DATA INTERNET SECURITY PER ANDROID ottiene il massimo punteggio


Sondaggio Acronis: evidente gap tra rischi per la sicurezza e preparazione degli utenti


Bludis: software e consulenza antivirus dai distributori AVG


Sicurezza mobile: servono attenzione e soluzioni adeguate: i suggerimenti degli esperti McAfee per la protezione dei dispositivi mobile


 

I più cliccati

Stesso autore

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale

Dark Web: ecco quanto costa la nostra identità digitale
Nella parte più profonda del Web, dove le compravendite illegali di ogni genere sono all’ordine del giorno, le identità digitali degli internauti sottratte ai legittimi proprietari tramite attacchi phishing o ransomware, vengono rivendute e hanno un vero e proprio listino prezzi. Il prezzo di vendita viene stabilito in base a determinate caratteristiche, come la quantit&agra (continua)

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari

Truffa su Google Play: individuate 35 app di pseudo-sicurezza che mascherano contenuti pubblicitari
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato su Google Play 35 app che si presentano come programmi di sicurezza ma che, invece di garantire protezione, hanno l’unico scopo di mostrare annunci indesiderati e avvisi di pseudo-sicurezza assolutamente fasulli. Queste app sono riuscite per alcuni anni a non (continua)

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto

Backup: una persona su tre non lo ha mai fatto
Si parla molto spesso di ransomware e dei danni che possono causare ai dispositivi, eppure ciò che emerge da un sondaggio effettuato da una società operante nel settore della sicurezza informatica è che il 33% degli utenti non si è mai preoccupato di creare una copia dei propri dati. I risultati della ricerca sono stati divulgati lo scorso 31 Marzo durante la giornat (continua)

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing

WannaCryptor torna sulla scena infettando i computer della Boeing
Secondo quanto riportato dal Seattle Times, mercoledì 28 marzo il Wannacryptor - noto anche come WannaCry - è tornato agli onori della cronaca colpendo uno stabilimento di produzione Boeing a North Charleston nel South Carolina. A differenza però di quanto accaduto a maggio 2017, il nuovo attacco non sembra aver causato alcun danno significativo, anche se il semplice fatto (continua)

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play

Pingu Cleans Up, il gioco sui pinguini che truffa gli utenti di Google Play
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione europea, hanno individuato una curiosa tecnica di frode su Google Play che sfruttava unicamente la disattenzione dell'utente: l’app Pingu Cleans Up faceva sottoscrivere agli utenti, senza il loro consenso, un abbonamento di € 5,49 a settimana per poi riscuotere le quote utilizzando (continua)