Home > News > LA VIA DELLA FELICITA' PER RIPRISTINARE RESPONSABILITA' E VALORI MORALI A SAN MICHELE

LA VIA DELLA FELICITA' PER RIPRISTINARE RESPONSABILITA' E VALORI MORALI A SAN MICHELE

 LA VIA DELLA FELICITA' PER RIPRISTINARE RESPONSABILITA' E VALORI MORALI A SAN MICHELE

 

 

 

Non è facile rimanere integri in una società che ci invita continuamente a fare tutto ciò che si vuole a prescindere dagli effetti che le nostre azioni produrranno sulle persone chi ci circondano. "Se lo fanno loro, perchè non anche io"? È la giustificazione per qualsiasi azione non etica, che farà entrare le persone in una spirale discendente, perdere i sani valori che ciascuno di noi ha innati, contribuendo così a creare una società in cui ognuno vive in funzione di se stesso e dei propri interessi incurante degli altri.

"Cerca di trattare gli altri come vorresti che gli altri trattassero te" recita il titolo di uno dei 21 precetti della "Via della Felicità", il codice morale non religioso, completamente basato sul buon senso, scritto dal filosofo L. Ron Hubbard. Basterebbe che ognuno di noi ristettasse questa semplice regola aurea per creare una società più giusta e vivibile per tutti.

Nel pomeriggio di lunedì 12 febbraio i volontari della Fondazione hanno distribuito i libretti de "La Via della Felicità" in via Podgora e strade limitrofe, in San Michele, portando così in tutte le case un messaggio di pace e di civile convivenza in uno dei quartieri di Cagliari dove la convivenza è diventata sempre più difficile a causa dello spaccio e uso di droga.



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

"NON FARE NIENTE DI ILLEGALE" IL PRECETO PER MIGLIORARE UNA SOCIETA' SEMPRE PIU' INSICURA


  Stiamo vivendo in una società intossicata, immorale, dove i valori costituiscono un opzional e non un dovere civico. "È difficile sopravvivere in una società caotica, disonesta e, in generale, immorale" – scrive l'autore L. Ron Hubbard nel suo libretto "La Via della Felicità" una guida basata sul buon senso per una vita migliore (continua)

Il rispetto dei DIRITTI UMANI, baluardo della civiltà

 Il rispetto dei DIRITTI UMANI, baluardo della civiltà
        In un mondo che cambia in cui culture, etnie, credo religiosi, razze, ricchezza e povertà si contaminano in un flusso di idee e di comunicazioni che esulano dalla nostra volontà, la Dichiarazione Universale dei DIRITTI UMANI si pone come punto di riferimento indispensabile per dipanare qualsiasi conflitto o situazione. È ciò cui aspira (continua)

Nello storico liceo Siotto-Pintor a Cagliari si parla dei DIRITTI UMANI

	Nello storico liceo Siotto-Pintor a Cagliari si parla dei DIRITTI UMANI
    Continua l’impegno dei volontari di Uniti per i Diritti Umani e della Chiesa di Scientology, nel portare avanti il programma di divulgazione nelle scuole di Cagliari dei libretti contenenti i trenta articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Convinti che la promozione dei valori in essa contenuti sia indispensabile divulgarli prima di tutto tra le giovani (continua)

I volontari “Dico NO alla droga” di ASSEMINI non mollano la presa sugli spacciatori

  I volontari “Dico NO alla droga” di ASSEMINI non mollano la presa sugli spacciatori
      Sarà un’altra serata di lavoro per i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, quella di mercoledì 20 febbraio, serata in cui distribuiranno nei negozi ed esercizi pubblici di Assemini centinaia di libretti “la verità sulla droga”. “La disponibilità a collaborare da parte de (continua)

Ancora prevenzione nelle strade del centro di Cagliari

   Ancora prevenzione nelle strade del centro di Cagliari
    Dopo le iniziative di prevenzione dei giorni scorsi nei quartieri della Marina e quartiere del Sole, con centinaia di libretti “La Verita' sulla droga" messi nelle mani di altrettante persone, nel pomeriggio di lunedì 18 febbraio i volontari di Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga e della Chiesa di Scientology, prenderanno di mira i negozi, i locali pubblici (continua)