Home > Cultura > Napoli Gruppo Operario ‘E Zezi dopo 50 di assenza riporta la “Cantata della Zeza” in città. Patrocinio Comunale e collaborazione Associazione Sedili di Napoli. (Scritto da Antonio Castaldo)

Napoli Gruppo Operario ‘E Zezi dopo 50 di assenza riporta la “Cantata della Zeza” in città. Patrocinio Comunale e collaborazione Associazione Sedili di Napoli. (Scritto da Antonio Castaldo)

Napoli Gruppo Operario ‘E Zezi dopo 50 di assenza riporta la “Cantata della Zeza” in città. Patrocinio Comunale e collaborazione Associazione Sedili di Napoli. (Scritto da Antonio Castaldo)

 La sfilata di Carnevale a Napoli, in Centro Storico e Decumani, ha visto il ritorno, dopo 50 anni di assenza di rappresentazione, della “Cantata della Zeza” messa in scena dal “Gruppo Operaio ‘E Zezi” di Pomigliano d’Arco fondato e diretto da Angelo De Falco, “O’ Prufessore”.

L’evento Carnevale 2018 è stato voluto dall’Amministrazione Comunale di Napoli, guidata dal Sindaco, Luigi de Magistris, con l’Assessore alla Cultura, Nino Daniele, il quale ha affermato: Tornare a riproporre La Canzone di Zeza, significa non solo ricollegarsi a un frammento di tradizione abbandonato dalla città (a differenza dell’entroterra dove è ancora vivo, atteso e seguito), ma soprattutto riscoprire il valore catartico e liberatorio proprio del carnevale e di tutte le feste popolari, oggi particolarmente utile e necessario per la sua peculiare carica di ribellione e di ironia”.

Tanto in collaborazione con “Arealive” e la preziosa assistenza in tutto il percorso della promotrice Associazione “I Sedili di Napoli” presieduta dal generoso ed instancabile Giuseppe Serroni. Su YouTube il Servizio di SiComunicazione News è https://www.youtube.com/watch?v=baTaBFHYNQo .

Il corto circuito fra campagna e città, oggi periferia e centro, industria sempre più rarefatta e servizi sempre più sofisticati, fra il passato ed il presente del Terzo Millennio, fra il lontano Oriente ed il globalizzato Occidente -ha affermato il sociologo Antonio Castaldo- si è materializzato con la “Cantata della Zeza” che ha attraversato le strade del centro storico di Napoli lo scorso 13 febbraio incuriosendo i tanti visitatori italiani e stranie e risvegliando nel popolo napoletano assopiti sentimenti evocando energizzando le strade colorate ed affollate di residenti e turisti

Da Guillaume Cottrau a Benedetto Croce, da Pierpaolo Pasolini a Roberto De Simone, tanti studiosi si sono interessati a questo “redicoluso contrasto”. Ma è nell’analisi di uno dei più attenti ricercatori della nuova generazione, l’etnomusicologo, Daniele Cestellini, che il Gruppo Operario ‘E Zezi, con il fondatore Angelo De Falco, si riconosce. Nell’anno 2013 ricercatori e operatori dell’Associazione ControSguardi, Cestellini, Fabrizio Loce Mandes e Ferdinando Amato del Dipartimento Uomo & Territorio dell’Università degli Studi di Perugia, seguono e registrano l’itinerante performance dei Zezi, la “roboante compagnia del Gruppo Operaio” nella più popolare delle feste calendariali. Così rileva il Cestellini:  “La Canzone di Zeza è una forma di lamento ritualizzato attraverso il quale si celebra la morte di Carnevale. È una commedia popolare, messa in scena, fino alla metà degli anni Cinquanta, da gruppi di attori improvvisati: si sviluppa sul contrasto, interamente cantato, tra un uomo e una donna, tra il vecchio e il nuovo, in un conflitto intergenerazionale in cui si celebra la sconfitta per castrazione di Pulcinella, il quale, invano contro sua moglie Zeza, si oppone al matrimonio della figlia Vicenzella con Don Nicola. Fin dall’inizio della sua carriera, nel 1974, il gruppo operaio E Zezi di Pomigliano d’Arco, ha lavorato sulla Canzone di Zeza, rielaborandola e proponendola anche al di fuori del periodo di carnevale. Con la Canzone di Zeza - come del resto con molti repertori riproposti dagli Zezi negli anni - l’intento è stato sempre di rifondare un momento di collettivizzazione, uno spazio di socialità straordinaria, dentro il quale porre il problema del significato interno, della struttura, del rituale, ma con differente intensità. I suoi riflessi sono più che mai attuali, sia sul piano culturale che politico”.

Nel Carnevale partenopeo 2018 il G. O. ‘E Zezi ha partecipato, sotto la direzione di Angelo De Falco, nei vari ruoli di cantanti e attor: Pulcinella, Massimo Mollo; Zeza, Paolo Esposito Mocerino; Ro’ Nicola, Massimo Ferrante; Vicenzella, Orazio Mogavero; Abate, Antonio Castaldo. I musicisti: Enzo Salerno, Percussioni; Alessio Sica, Rullante; Franco perreca, Clarinetto; Martina Mollo, fisarmonica; lo spagnolo, da Malaga, Carlos Moratalla, Tromba; Caterina Bianco, Violino; Alessandra Falivene, Triccheballacche; Angelo De Falco, scetavajasse. Salvatore Iasevoli e Enzo Stendardo, Tammorre. Gennaro Mocerino, attrezzista che saltuariamente veste anche i panni di Vicenzella. Per trucco e costumi Marzia Del Giudice.

Tutti accompagnati da una folla di partecipanti di altre associazioni e rappresntanti istituzionali fra cui l’Assessore comunale, Nino Daniele ed il Vice Sindaco della Città Metropolitana di Napoli Elena Coccia. Un assidua simpatica condivisione dell’intero percorso è stata prodotta dalla fotografa rumena Luiza Moldovan.

L’intero evento del Carnevale a Napoli 2018 è ben sintetizzato nel servizio a cura di Antonio Ferrara, AeropolisTV, postato su YouTube https://www.youtube.com/watch?v=YNjG-iLK4h0 .

IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali - Brusciano NA –

E Zezi Carnevale a Napoli 2018 |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Napoli: Il Gruppo Operaio “E Zezi” partecipa al Carnevale 2018 con “La Canzone di Zeza”. (Scritto da Antonio Castaldo)


Marigliano-Pomigliano d'Arco. L’omaggio camminante alla XIV Giornata Nazionale del Trekking Urbano. (Scritto da Antonio Castaldo)


Prospettive ed aspettative per i pizzaioli, trovano successo per il loro futuro


A MARIGLIANELLA LA PROCESSIONE DELLA MADONNA DELLA SANITA'


A BRUSCIANO LA LILT HA EFFETTUATO VISITE SENOLOGICHE GRATUITE NELLA CAMPAGNA DI PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO


IL GROPEZ 'E ZEZI NEL CARNEVALE DI POMIGLIANO E NAPOLI


 

I più cliccati

Stesso autore

-Vallo della Lucania, Gioi Cilento e Marigliano hanno ricordato il grande artista Leo de Berardinis, nel decennale della sua morte, 18 settembre 2008-2018.(Scritto da Antonio Castaldo)

-Vallo della Lucania, Gioi Cilento e Marigliano hanno ricordato il grande artista Leo de Berardinis, nel decennale della sua morte, 18 settembre 2008-2018.(Scritto da Antonio Castaldo)
  A dieci anni esatti dalla sua morte, avvenuta a Roma il 18 settembre 2008, a Vallo della Lucania, a Gioi Cilento e a Marigliano è stato ricordato il protagonista del teatro di ricerca in Italia, l’attore e regista, lo sperimentatore e tessitore di intrecci fra cultura “alta” e quella popolare, con una coraggiosa ed orgogliosa impronta meridionale, Leo de Berardinis (continua)

Napoli: Svolto il Premio Internazionale “L’Ambasciatore del Sorriso” promosso dall’Associazione “Vesuvius” di Angelo Iannelli.

Napoli: Svolto il Premio Internazionale “L’Ambasciatore del Sorriso” promosso dall’Associazione “Vesuvius” di Angelo Iannelli.
  A Napoli, domenica 16 settembre, presso il Maschio Angioino è stato svolto il Premio Internazionale Ambasciatore del Sorriso promosso dall’artista Angelo Iannelli, che ha avuto come Madrina Nunzia Amato, essa stessa premiata per la bellezza, la quale sarà in Cina a dicembre prossimo a rappresentare l’Italia alla finale di Miss Mondo-Miss World 2018. L’A (continua)

Mariglianella Festa dell’Accoglienza alla Scuola Elementare con il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo.

Mariglianella Festa dell’Accoglienza alla Scuola Elementare con il saluto del Sindaco Felice Di Maiolo.
Anche quest’anno a Mariglianella presso la storica Scuola Elementare, incardinata nell’Istituto Comprensivo Statale “Giosuè Carducci”, è stata svolta la “Festa dell’Accoglienza”, promossa dall’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo. Genitori ed alunni, bambini e bambine, chi con qualche lacrima e chi con (continua)

-Brusciano: Chiamata generale del Sindaco Peppe Montanile nell’impegno per la legalità e la sicurezza dei cittadini contro la criminalità. (Scritto da Antonio Castaldo)

	-Brusciano: Chiamata generale del Sindaco Peppe Montanile nell’impegno per la legalità e la sicurezza dei cittadini contro la criminalità. (Scritto da Antonio Castaldo)
  Ormai è plateale l’escalation della criminalità a Brusciano che da un paio di anni a questa parte, segnatamente negli ultimi mesi, si autorappresenta nella corsa alla conquista del territorio con inseguimenti motorizzati, come da moderno far west e nella emulata estetica di rinomate fiction televisive, con sparatorie fra appartenenti di diversi gruppi, alleanze o clan. (continua)

-Mariglianella: Fino al 10 settembre è possibile fare istanza di partecipazione ai corsi formativi di “MAGICA-Mariglianella Giovani Imprenditori Campani” attuati per “Benessere Giovani” con fondi POR FSE Campania 2014/

 	-Mariglianella: Fino al 10 settembre è possibile fare istanza di partecipazione ai corsi formativi di “MAGICA-Mariglianella Giovani Imprenditori Campani” attuati per “Benessere Giovani” con fondi POR FSE Campania 2014/
Si approssima la scadenza del 10 settembre per fare istanza di partecipazione ai corsi formativi del “Progetto MAGICA” che vede come Capofila il Comune di Mariglianella Capofila, il cui Sindaco, Felice Di Maiolo e Amministrazione Comunale sollecitano i giovani a cogliere questa opportunità. Su proposta dell’Assessore al Bilancio, Arcangelo Russo, con Delibera Gi (continua)