Home > Primo Piano > Federica Sicignano, runner: Una delle esperienze più belle dei miei ultimi anni

Federica Sicignano, runner: Una delle esperienze più belle dei miei ultimi anni

Federica Sicignano, runner: Una delle esperienze più belle dei miei ultimi anni
Mi prendo cura del mio corpo e della mia mente. Listen to your body because now is the moment Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Quello che ci dicono gli accompagnatori in Kenya è di vivere nel momento approfondendo la conoscenza di noi stessi, di quello che ci circonda, degli altri; di allenarci gradualmente con impegno e divertimento, di assaporare il cibo che ci preparano con cura con i prodotti della terra e degli alberi tanto profumati e colorati, di riposare e goderci le pause, di socializzare e poi se avanza tempo ci possiamo dedicare al wifi per contattare il mondo. Di seguito, Federica (Viola) racconta la sua espereinza di running camp in Kenya rispondendo ad alcune mie domande. Che sapore ti ha lasciato questo stage? “Mi ha lasciato un sapore dolce. Di quelli che rimangono impressi e che vorresti sempre assaporare. Un sapore soffice come una torta fatta in casa e appena sfornata che ti avvolge con il suo profumo. Naturale, sana, di quelle che fanno bene sia al corpo che allo spirito.” Bello, posso comprendere il sapore di Federica, c’ero anch’io, e un po’ tutti abbiamo assaporato, ognuno a modo suo, sapori buonissimi che vengono dalla terra, dagli alberi e dalle persone. Hai approfondito la conoscenza di altri atleti? “In Kenya abbiamo imparato che il wifi è la priorità numero 9 perché prima ce ne sono altre che ti permettono di vivere a contatto con il tuo corpo, con la tua mente e con i compagni di avventura che condividono con te gioie e dolori. Grazie al wifi qui in Italia peró ho la possibilità di continuare a mantenermi in contatto anche a distanza con i miei compagni. Che mi sono rimasti nel cuore e che spero di riuscire ad incontrare in qualche gara nei prossimi mesi. E in Kenya di nuovo...magari un giorno. E’ da un mese che sono tornata ma mi sembra ieri che eravamo insieme e che condividevamo la maggior parte del nostro tempo. Ogni mattina esco a correre quando il sole deve ancora sorgere e ancora mi materializzo davanti al cancello di quel training camp ad aspettare i pacer e il gruppo per partire con l’allenamento quotidiano. ” Un’esperienza indimenticabile fatta di incontri e allenamenti con amici e pacer osservando se stessi e gli altri e apprendendo da se stessi e da gli altri, si tratta di qualcosa da tenere bene a menmoria in mente, nel cuore e nella pelle perché ci fa star bene solo pensare e immaginare di essere in contatto con gli altri. Hai qualcosa in comune ad altri atleti? “Questa esperienza! La grande passione per lo sport! Lo stesso modo di guardare alla vita con gli occhi da sportivo. Parlare e respirare sport 24 ore al giorno per due settimane è stata una delle esperienze più belle dei miei ultimi anni. Io che di sport ho sempre vissuto, che l’ho studiato nella prospettiva di farne una professione. Una spinta positiva ad osare e fare quel passo che ho sempre avuto paura di fare...una motivazione che stavo cercando perché sapevo di avere. E che ora so di poter sviluppare.” Quello che succede in un mondo lontano è l’incontro di persone con interessi comuni che condividono una forte passione prima con lo sport, la corsa in particolare, e poi con la cultura e il benessere perché insieme si fa squadra, si diventa complici, si partecipa ad allenamenti e incontri, ci si guarda e ci si osserva per comprendersi, per farsi coraggio, per superare. Una grande opportunità per mettersi in gioco, per sperimentarsi, per approfondire, per portare a casa tanta roba, non solo acquisti materiali, ma anche amicizie vere, ricche e veloci, una nuova squadra pronta a intervenire. Curiosità? Sorprese? “Questo mi ha sorpreso in assoluto: il gruppo di sconosciuti che eravamo...il gruppo-famiglia che siamo diventati dopo pochissimi giorni di convivenza! Non posso aggiungere altre parole perché è sconvolgente il legame che si è creato da subito! E il bene che adesso voglio ad ognuno di loro nonostante le distanze geografiche ci impediscano di condividere momenti “concreti”.” Belle queste parole, momenti ricchi e densi di partecipazione condivisa, di presenza e vicinanza, persone veramente interessate agli altri, un’alchimia fatta di ingredienti umani con qualità assemblate casualmente hanno tirato fuori un vero gruppo, ora collaudato e affiatato. C'è un alimento particolare che hai assunto? “Ho scoperto proprio una nuova abitudine di alimentazione, al di la dei cibi speciali che in Italia si faticano a trovare (ugali, chapati...). Iniziando dall’allenamento mattutino a stomaco vuoto, per finire con il mangiare la frutta dopo cena tutte le sere. E poi...quanti litri di Kenyan Mixed Tea che ho bevuto e che sto bevendo! Per quanto io abbia sempre osservato una dieta naturale e sana, con alcuni piccoli accorgimenti imparati in Kenya ho migliorato molto il mio stato di fitness adesso che sono a casa.” Tutto vero, un periodo di vita da atleta che contempla non solo le modalità di allenamento ma anche le modalità di alimentarsi in modo sano e genuino, tanta roba da copiare, imparare, apprendere e portare a casa per cambiare un po’ di stile di vita verso modalità migliori. Quale è stata la sessione più allenante, faticosa, divertente? “Le sessioni più faticose sono state quelle dei primi giorni di adattamento. Non mi riconoscevo neanche tanta era la fatica e tanto diversi erano i tempi che registravo! La sessione più divertente invece è stata la gita alle cascate Kessup. Non è stata propriamente una sessione di allenamento, ma è stato comunque un momento sportivo altamente aggregante. La sessione più allenante è stato il lungo fatto negli ultimi giorni quando ormai il corpo si era adattato e potevo sopportare maggiori carichi di allenamento.” Tutto passa, tutto cambia, importante è essere cauti, attenti, pazienti, ascoltare i consigli degli esperti accompagnatori e il resto viene da sé. Ho un po’ stimolato Federica a fare qualche chilometro in più, si scherzava per rendere la fatica più abbordabile. Come ti prendi cura di te ora dopo uno stage running di 2 settimane di corsa? “Corro tutti i giorni, mi prendo il mio tempo per riposarmi e frequentare le amicizie importanti, corro corro corro! Queste poche cose mi permettono di rendere al lavoro e di guardare al mondo e alla vita in maniera ancora più positiva di quanto già non facessi. “Sei sempre sorridente e pimpante, anche dopo 8 ore di lavoro e alle spalle una mattinata di allenamento, ma come fai?” ...”Mi prendo cura del mio corpo e della mia mente. Listen to your body because now is the moment”. Mi guardano tutti come se fossi pazza ma in fondo mi piace! Quando poi il tuo capo entra in negozio e ti chiede prima di tutto com’è andato l’allenamento mattutino prima di parlare di lavoro...obiettivo raggiunto!” A volte si cambia con poco, uno stage running può diventare una terapia per il corpo, per il cuore e per la mente, si cambia approccio, sii prova a continuare ritmi non da keniani ma da Italiani con il cuore da keniano, basta poco: applicarsi e provare e notare le conseguenze. Cosa hai raccontato a casa, al lavoro, agli amici dopo lo stage? “È ancora adesso difficile raccontare cose che mi sono entrate nel cuore e che non ci usciranno più...la gente mi guarda quando cerco di raccontare e mi dice: ”Ho capito tutto basta guardarti negli occhi e vedere come brillano. Forse dovrei fare come te e intraprendere un viaggio sia esteriore che interiore. Perché questo è stato per me!”. Quante foto di abbigliamento e attrezzature sportive ho ricevuto dopo i miei racconti perché ho motivato le persone a “smuovere” le endorfine per essere più produttivo nella vita quotidiana. Dopotutto...correre è un viaggio!” Davvero una bella storia, io che c’ero so che significa e posso immaginare lo sguardo vivo e acceso di Federica (Viola), la sua determinazione e voglia di fare ed essere con una marcia in più. Un vero viaggio fuori e dentro di noi. Una vera crescita personale con l’esperienza pratica di vita con altri. Siete pronti a partire con noi a Marzo...? Iten e The Heart of Kenyan Running vi aspettano....!! Possibilità di partecipare al Running Camp da 8 oppure 13 notti, per un'esperienza all'insegna della corsa, del benessere, dell'affascinante scoperta di nuovi paesaggi e nuove culture, per un insieme di incredibili emozioni che non dimenticherete mai....! Per tutte le informazioni sui dettagli del programma del Running Camp e sui costi scrivere a: Chiara Raso - chiara.tts@gmail.com presso T.T.S.srl Per tutte le informazioni sulle attività specifiche del Running Camp scrivere a: Dott. Matteo Simone, Psicologo dello sport - 21163@tiscali.it Per tutte le informazioni sull'operativo voli scrivere a: Michela Pistilli - michela.pistlli@gattinoni.it presso l'agenzia viaggi Valair - Gattinoni Travel Store Aosta The Heart of Kenyan Running - Home | Facebook https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/ https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Marcello Spreafico, ultramaratoneta: Coach Luca mi ha motivato tantissimo


Marco Testero: in gara devi dare fondo a tutte le tue energie fisiche e mentali


La maratona è il coronamento di un sogno


Fabrizio Macchi sul gradino piu alto del podio in un campionato del mondo


Carlo Ascoli, ultrarunner: Ho iniziato a correre a 18 anni perché pesavo 100kg


 

I più cliccati

Stesso autore

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso
Un bagaglio di momenti magici vissuti con amici prima, durante e dopo la gara Matteo SIMONE Le gare di ultramaratona sono momenti considerati anche magici, ci si arriva con una preparazione il più possibile accurata per soffrire il meno possibile, per non incorrere in crisi o difficoltà e cercando di fare sempre meglio con l’aiuto dell’esperienza, di seguito Filippo racconta la sua esperienza (continua)

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza
Ho portato a casa la convinzione che volere è potere…oltre al cappello del Passatore! Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/ Si è svolta con partenza da Firenze il 26 maggio 2018 la 46^ edizione della 100 km del Passatore che ha visto arrivare come primo uomo a Faenza Andrea Zambelli in 6h54'34” precedendo il tedesco Benedikt Hoffmann, in terza posizione si classifica Giorgio Calc (continua)

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione
La pratica dello sport costruisce personalità solide e resilienti, lo sport permette di ampliare le proprie vedute, permette di spostarsi dalla propria città per gareggiare in altri posti d’Italia e anche al di fuori per passione o per rappresentare la propria Nazione. Di seguito Dario Santoro racconta le sue impressioni di alteta maratoneta rispondendo ad alcune mie domande: Hai partecipato ai ca (continua)

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato
L'aiuto maggiore viene dalle persone che conosci che ti incitano sempre a non mollare Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport ti mette alla prova, soprattutto lo sport di endurance, le corse a piedi di lunga distanza come le gare di 100km, soprattutto se poi ci sono condizioni avverse come le lunghe salite e un caldo che penalizza tanto. Di seguito Andrea racconta la sua es (continua)

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso
La vita è fatta di tanti imprevisti, tanti sogni realizzati, tante soddisfazioni, tanti obiettivi da portare a termine. Diventa importante l’autoconsapevolezza che ti fa comprendere le tue esigenze e i tuoi bisogni e poi ti faccia mobilitare le energie per soddisfare i propri bisogni ed esigenze e trasformare sogni in realtà. Di seguito l’esperienza di Mariella che è passata a uno stile di vita pi (continua)