Home > News > Anderson João Bassi: Lo sport è il modo per incanalare la mia energia in eccesso

Anderson João Bassi: Lo sport è il modo per incanalare la mia energia in eccesso

Anderson João Bassi: Lo sport è il modo per incanalare la mia energia in eccesso
O esporte é a forma que tenho de canalizar meu excesso de energia Matteo SIMONE A volte le competizioni negative servono per stimolarti, per renderti conto della tua condizione atletica fisica e mentale, servono per capire a che punto della preparazione sei, per capire se i tuoi obiettivi sono raggiungibili e non impossibili, per capire se hai preso la giusta direzione e se hai bisogno di curare qualche aspetto che stai trascurando. Insomma tutto serve, tutto ha un’utilità, anche una sconfitta o una prestazione considerata non buona. Di seguito Anderson, allenatore di nuoto racconta la sua esperienza sportiva rispondendo ad alcune mie domande. Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Spesso mi sono sentito al meglio in una situazione, ho già vinto numerose competizioni, ma mai sentito il migliore, sempre sono consapevole che è solo uno stato, un momento.” Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Ho iniziato a 5 anni, come la maggior parte dei bambini brasiliani che giocano a calcio, a quel momento, il mio sogno era quello di essere un calciatore professionista, e giocare nella squadra nazionale.” Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “La motivazione, ho bisogno di essere motivato, ho sempre pensato che ero più agitato rispetto agli altri bambini, sempre mi distinguevo nello sport, ero quasi quasi sempre il leader. Oggi, mi rendo conto che lo sport è il modo che ho per incanalare la mia energia in eccesso. Quello che mi fa sentire bene nello sport è la ricerca di una migliore condizione fisica, il fatto che mi fa stare bene è il risultato complessivo: la formazione e la concorrenza.” Nello sport chi ha contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Oggi, mia moglie, mi supporta. I miei studenti, so che ai miei studenti piace vedermi sul podio, anche se sono un atleta dilettante. I miei obiettivi. La mia esperienza e conoscenza scientifica.” Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai vissuto le emozioni più belle? “Seconda tappa del Triathlon Brazil Trophy 2004, non sono salito sul podio, ma mi sono accreditato per gareggiare nella categoria Professional. Tutto è andato bene negli allenamenti e nella competizione, mi sentivo forte, produttivo, tutto in forma, non è mai più successo.” Qual è stata la tua gara più difficile? “La mia prima competizione come Triathleta professionista, mi sentivo schiacciato, ma non senza speranza, dopo il test ho deciso di allenarmi di più, volevo tornare più forte.” Vuoi descrivere un episodio curioso o divertente nel tuo sport? “Potrei scrivere un libro a riguardo. Ne citerò uno, la maggior parte dei miei idoli, i miei concorrenti sono stati coinvolti nel doping e non ho mai usato nulla, mi sento vivo in un mondo parallelo, dove io e una minoranza non usiamo il doping.” Quali sono le sensazioni che provi nel fare sport: pregara, gara, dopo la gara? “Adoro la fine della prova, fare una doccia, avere la sensazione di essere realizzato, essere in grado di mangiare quello che mi piace, guardare un film con mia moglie. Durante l'esercizio è puro sforzo, rabbia, artiglio, lotta, è come se nella mia mente ci fosse una guerra tra due eserciti, mi sento un guerriero in battaglia, ma tutto accade dentro di me, lo sport per me rappresenta la battaglia.” Bella questa risposta, da il senso dello sport, di quello che accade nella mente dell’atleta, una lotta con se stesso e con gli altri, ascoltare un proprio sé amico che ti dice che stai facendo bene e cercare di non ascoltare il tuo sé nemico che ha poca fiducia in te, che ti dice che non vale la pena, che non sei capace. Quali sono le difficoltà e i rischi, a cosa devi fare attenzione nel tuo sport? “I maggiori rischi sono esterni. Essere colpiti da un veicolo è la mia più grande paura, questo è successo diverse volte, ma niente di molto serio. La mia più grande difficoltà è vivere in Brasile, specialmente a San Paolo, una grande città. Un'altra attenzione è non fare errori nella pianificazione dell'allenamento, non ho avuto un infortunio, ho sempre studiato l’allenamento, ma so che c'è sempre la possibilità di farsi male.” Quali condizioni fisiche o ambientali ti hanno portato a risultati mediocri? “Freddo, non sopporto bene il freddo” Cosa ti ha fatto rinunciare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Ho rinunciato ad essere un atleta professionista perché non riuscivo a ottenere un allenamento migliore e non riuscivo ad essere sponsorizzato. Ciò che mi fa continuare a fare sport è il mio modo di vivere, essere un allenatore, avere salute, stare con i miei studenti nelle competizioni, l'ambizione per risultati e tempi. Lo sport è ciò che mi muove.” Sono tanti i benefici dello sport: mettersi in moto, stare con la gente, mettersi alla prova, trasmettere competenze e capacità. Come hai superato crisi, sconfitte, infortunio? “Cibo, cerco conforto nel cibo. Cerco anche conforto nel pensare che posso allenarmi, posso migliorare, non vedo l'ora.” Quale può essere un messaggio per i bambini per avvicinarsi allo sport? “Lo sport ti porterà uno stile di vita costruttivo, farai amici che avranno obiettivi, disciplina, lo sport può dare un senso alla vita, ci aiuta ad accettare che tutto ha un inizio, un mezzo e una fine.” Lo sport da un senso alla tua vita, vero a volte hai bisogno di investire in una passione per sentirti al mondo capace di raggiungere un obiettivo, capace di allenarti, di fare squadra. C'era il rischio di doping nello sport nella tua carriera? “No. Quando ho capito che sarebbe stato necessario diventare un professionista migliore, ho deciso di fermarmi. Cinque anni dopo, sono tornato come dilettante.” Quale può essere un messaggio che sconsiglia l'uso del doping? “Non saprai mai di cosa sei capace. La cosa migliore di questo sport è conoscersi, tutto ha un limite, non è male, ma arrivare al limite del proprio corpo dà molto lavoro, è un lungo viaggio, di errori e di apprendimento, il doping porta via tutta la bellezza di questo viaggio.” Molto bella, significativa e illuminante questa risposta, vero il doping ti confonde, non sa chi sei veramente, ti toglie il gusto della fatica, il gusto di andare oltre il limite, il gusto del viaggio verso la vera conoscenza di te, annulla il valore dello sport. Che dicono la tua famiglia e i tuoi amici del tuo sport? “Che il mio paese non apprezza questo sport. Che dovrei fermarmi.” Che cosa hai scoperto di te stesso nell'attività fisica? “Che io posso essere buono, che io posso essere cattivo. Che io posso essere forte e anche debole. Che io posso scegliere. Che dopo la difficoltà arrivano i premi. Quella sofferenza è costruttiva. Ho scoperto che sono nato diverso dalle persone intorno a me, ma che essere buono o cattivo dipende da me”. Lo sport ti permette di conoscerti, di comprendere che per ottenere qualcosa a volte ci vuole impegno e fatica, a volte anche sofferenza. Hai mai pensato per infortuni o altro di smettere di essere un atleta? “Sì, sempre, sto sempre pensando di fermarmi. Ma continuo.” Lo sport ti mette a dura prova a volte, ma se c’è passione si fa tutto, si supera tutto, si va sempre avanti nell’intenzione di raggiungere mete e obiettivi. Pensi che sia utile la figura dello psicologo dello sport? In che modo e in quali fasi dell'attività sportiva? “Sì, fondamentale. In tutte le fasi, preparatoria, competitiva, infortuni, penso che uno psicologo sia importante per tutte le persone. È necessario utilizzare qualsiasi strumento che ci aiuti a conoscere noi stessi.” Quali sono i tuoi prossimi obiettivi a breve, medio e lungo termine? Quali sono i sogni realizzati e da realizzare? “Breve: essere in grado di seguire la mia routine di allenamento, essere in grado di nutrirmi correttamente. Medio: perdere peso. Lungo: gareggiare in un campionato del mondo. Il mio sogno: essere campione del mondo dilettante.” Interessanti, chiari e dettagliati gli obiettivi di Anderson, l’intervista risale a un po’ di tempo fa spero che nel frattempo abbia raggiunto i suoi obiettivi e concretizzato il suo sogno. Matteo SIMONE http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html Anderson João Bassi: O esporte é a forma que tenho de canalizar meu excesso de energia Lo sport è il modo per incanalare la mia energia in eccesso Anderson João Bassi, Treinador, Graduação em Educação Fisica e cusrsos na Autralia Swimming Coaches. Você se sentiu campeão no esporte pelo menos um dia da sua vida? “Muitas vezes me senti o melhor em uma situação, já venci inúmeras competições, mas nunca me senti o melhor, sempre soube que era apenas um estado, um momento.” Qual foi o seu caminho para se tornar um atleta? “Comecei aos 5 anos de idade, como a maioria das crianças brasileiras, jogando futebol, na época, meu sonho era ser um Jogador de Futebol Profissional, e jogar na seleção brasileira.” Quais são os fatores que contribuíram para o seu bem-estar ou o seu desempenho? “Motivação, eu preciso estar motivado, eu sempre percebi que era mais agitado que as outras crianças, sempre me destacava nos esportes, quase sempre era o líder. Hoje, tenho a consciência que o esporte é a forma que tenho de canalizar meu excesso de energia. O que me faz sentir bem no esporte é a busca por uma melhor condição física, o fato que me faz sentir bem é o resultado geral: treinos e competições.” No desporto que tem contribuído para o seu bem-estar ou o seu desempenho? “Hoje, minha esposa, o apoio dela. Meus alunos, sei que meus alunos gostam de me ver no pódio, mesmo sabendo que sou atleta amador. Meus objetivos. Minha experiência e conhecimento cientifico.” Qual foi a corrida de sua vida, onde você tem dado o melhor de você ou de onde você experimentou as mais belas emoções? “2° etapa do Troféu Brasil de Triathlon ano 2004, não subi ao pódio, mas me credenciei a competir na categoria Profissional. Tudo deu certo nos treinos e na competição, me senti forte, produtivo, tudo encaixou, isso nunca mais aconteceu.” Qual foi o seu jogo mais difícil? “Minha primeira competição como Triatleta Profissional, me senti esmagado, mas não sem esperanças, após a prova decidi treinar mais, queria voltar mais forte.” Qual é a sua experiência que pode dar-lhe a crença de que você pode fazê-lo? “Se entendi a pergunta, a resposta é: eu vou para largada, certezas? Só uma, farei o meu melhor. Resultado? Não faço a menor ideia.” Você quer descrever um episódio curioso ou engraçado em seu esporte? “Poderia escrever um livro sobre isso (rsrs). Vou citar um, a maioria dos meus ídolos, dos meus concorrentes foi pego no doping e eu nunca usei nada, me sinto vivendo um mundo paralelo, onde eu e uma minoria não faço uso de doping.” O que são ou foram os sentimentos que você experiência em fazer esportes: Pregara, raça, após a corrida? “Eu amo o final da prova, tomar um banho, ter a sensação de dever cumprido, poder comer o que eu gosto, assistir um filme com minha esposa. Durante o exercício é puro esforço, raiva, garra, luta, é como se dentro da minha mente estivesse acontecendo um guerra entre dois exércitos, me sinto um guerreiro em uma batalha, mas tudo acontece dentro de mim, o esporte para mim representa batalha.” Quais são as dificuldades, os riscos, o que você tem que ter cuidado em seu esporte? “Os maiores riscos são externos. Ser atropelado por um veiculo é meu maior medo, isso já aconteceu varias vezes, mas nada muito grave. Minha maior dificuldade é viver no Brasil, especialmente em São Paulo, uma grande cidade, minha estrutura de treino é precária, ruim. Outro cuidado é errar no planejamento de treino, nuca tive uma lesão, sempre estudei treinamento, mas sei que sempre existe uma possibilidade de me machucar.” Quais são as condições físicas ou ambientais levaram você a fazer um mau desempenho? “Frio, eu não lido bem com o frio.” O que fez você desistir ou o que faz você continuar fazendo esportes? “Desisti de ser atleta Profissional porque não conseguia melhor estrutura de treino e tabém não conseguia patrocinadores. O que me faz continuar fazendo esportes é meu estilo de vida, ser Treinador, ter saúde, estar com meus alunos nas competições, ambição por resultados e tempos. O esporte é o que me move.” Como você superar qualquer crise, perdas, lesões? “Comida, Eu busco conforto na comida. Também busco conforto em pensar que posso treinar, posso melhorar, sempre estou olhando para frente.” O que pode ser uma mensagem dirigida às crianças para se aproximar o esporte? “O esporte lhe trará um estilo de vida construtivo, você fará amigos que terão objetivos, que terão metas, que terão disciplina, o esporte pode dar sentido a vida, nos ajuda a aceitar que tudo tem um inicio, meio e fim.” Havia o risco de doping no desporto na sua carreira? “Não. Quando percebi que seria necessário para me tornar um Profissional melhor, resolvi parar. Cinco anos depois, retornei como amador.” O que pode ser uma mensagem de aconselhar contra o uso de doping? “Você nunca saberá do que é ou não capaz. O melhro do esporte é conhecer a si mesmo, tudo tem um limite, isso não é ruim, mas chegar ao limite do seu corpo dá muito trabalho, é uma longa jornada, de erros e aprendizado, o doping tira toda a beleza dessa jornada.” Dê a sua família e amigos o que eles dizem sobre o seu esporte? “Que meu país não valoriza esse esporte. Que eu deveria parar.” O que você descobriu sobre si mesmo na atividade física? “Que eu posso ser bom, que eu posso ser mau. Que eu posso ser forte e também fraco. Que eu posso escolher, mas tudo terá bônus e ônus. Que após a dificuldade vem a premiação. Que sofrer é construtivo. Descobri que nasci diferente das pessoas que me cercam, mas que se isso será bom ou ruim depende de mim. Você pode imaginar uma vida sem desporto? “Já vivi essa vida. Não gostei.” Alguma vez você já pensou em acidentes ou outro deixar de ser um atleta? “Sim, sempre, sempre estou pensando em parar. Mas contínuo.” Acho que é útil para a figura do psicólogo desportivo? De que forma e em que fases atividade esportiva? “Sim, fundamental. Em todas as fases, preparatória, competitiva, aliás, penso que um psicólogo é importante para todas as pessoas. Qualquer ferramenta que nos ajude a conhecer a nós mesmos deve ser usada.” Quais são seus próximos objetivos de curto, médio e longo prazo? Quais são os sonhos realizados e para perceber? “Curto: conseguir seguir minha rotina de treinos, conseguir me alimentar adequadamente. Médio: perder peso. Longo: competir um Campeonato Mundial. Meu sonho: ser campeão Mundial amador.” Matteo SIMONE http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Grazie alla generosità degli atleti dell'A.S. La Sbarra ho iniziato a correre


Matteo Bellucci: il badminton mi ha permesso di rappresentare la mia nazione


Sebastien Balondrade vince l’Ironman "Extrem Brutal Triathlon" in Llanberis


Matteo Bellucci, badminton: bronzo ai Campionati Italiani 2017


Antonella Clerici e Anna Moroni - Il Cilento le premia per la cucina mediterranea.


Con Jabra Sport Wireless+ l’allenamento è al top!


 

I più cliccati

Stesso autore

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso

Filippo Castriotta, 100km Passatore: Mi sento sempre più sicuro di me stesso
Un bagaglio di momenti magici vissuti con amici prima, durante e dopo la gara Matteo SIMONE Le gare di ultramaratona sono momenti considerati anche magici, ci si arriva con una preparazione il più possibile accurata per soffrire il meno possibile, per non incorrere in crisi o difficoltà e cercando di fare sempre meglio con l’aiuto dell’esperienza, di seguito Filippo racconta la sua esperienza (continua)

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza

Andrea Zambelli vince la prestigiosa 100km del Passatore da Firenze a Faenza
Ho portato a casa la convinzione che volere è potere…oltre al cappello del Passatore! Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/ Si è svolta con partenza da Firenze il 26 maggio 2018 la 46^ edizione della 100 km del Passatore che ha visto arrivare come primo uomo a Faenza Andrea Zambelli in 6h54'34” precedendo il tedesco Benedikt Hoffmann, in terza posizione si classifica Giorgio Calc (continua)

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione

Dario Santoro, runner: Mi aiuta la grande forza di volontà e la determinazione
La pratica dello sport costruisce personalità solide e resilienti, lo sport permette di ampliare le proprie vedute, permette di spostarsi dalla propria città per gareggiare in altri posti d’Italia e anche al di fuori per passione o per rappresentare la propria Nazione. Di seguito Dario Santoro racconta le sue impressioni di alteta maratoneta rispondendo ad alcune mie domande: Hai partecipato ai ca (continua)

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato

Andrea Gighen, Passatore: Questa volta un grazie a me per non aver mollato
L'aiuto maggiore viene dalle persone che conosci che ti incitano sempre a non mollare Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo sport ti mette alla prova, soprattutto lo sport di endurance, le corse a piedi di lunga distanza come le gare di 100km, soprattutto se poi ci sono condizioni avverse come le lunghe salite e un caldo che penalizza tanto. Di seguito Andrea racconta la sua es (continua)

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso

Mariella Cinque: 100Km passatore è stata come passare dall'inferno al paradiso
La vita è fatta di tanti imprevisti, tanti sogni realizzati, tante soddisfazioni, tanti obiettivi da portare a termine. Diventa importante l’autoconsapevolezza che ti fa comprendere le tue esigenze e i tuoi bisogni e poi ti faccia mobilitare le energie per soddisfare i propri bisogni ed esigenze e trasformare sogni in realtà. Di seguito l’esperienza di Mariella che è passata a uno stile di vita pi (continua)