Home > News > Apnee notturne: 6 milioni di “potenziali pazienti” italiani e oltre 15 miliardi di euro di costi per la collettività

Apnee notturne: 6 milioni di “potenziali pazienti” italiani e oltre 15 miliardi di euro di costi per la collettività

Apnee notturne: 6 milioni di “potenziali pazienti” italiani e oltre 15 miliardi di euro di costi per la collettività

 I risultati di un imponente studio scientifico italiano, nato dalla collaborazione tra MIT (Ministero delle Infrastrutture e Trasporti) e Università di Genova, verrano comunicati a Roma durante i lavori del Convegno nazionale Italia Sonno 2018. 

Roma, 6 marzo 2018: La sindrome delle apnee ostruttive nel sonno (OSA) è una patologia ampiamente sottovalutata e molto diffusa, una vera e propria epidemia che colpisce un numero di persone simile al diabete, caratterizzata da russamento e frequenti apnee durante il sonno che causano riduzione dei valori di ossigeno nel sangue con problemi cardio-respiratori e alterazione del sonno notturno con conseguente eccessiva sonnolenza. Ma l’OSA non è solo causa di eccessiva sonnolenza: è infatti spesso associata alle principali patologie croniche (obesità, sindrome metabolica e diabete, infarto, ictus, ed insufficienza respiratoria) che attualmente rappresentano le principali cause di morte nelle società contemporanee. Secondo il rapporto Oms, circa 17 milioni di persone muoiono prematuramente ogni anno proprio a causa di una epidemia globale di malattie croniche e il numero che continua a crescere. Questa patologia colpisce soprattutto la popolazione maschile tra i 40 e i 70 anni con una prevalenza variabile dal 15% al 50% della popolazione. Quindi in Italia ci si attende che circa 6 milioni maschi in età lavorativa siano affetti da OSA. Questo dato viene ampiamente confermato in un recentissimo studio durato due anni (2016-2017), sulla più ampia popolazione italiana mai studiata per questa patologia (11.000 autotrasportatori italiani maschi), scaturito da una collaborazione fra due Enti istituzionali, COMITATO MIT- Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e DINOGMI - Dipartimento di Neuroscienze, Riabilitazione, Oftalmologia, Genetica e Scienze Materno-Infantili dell’Università degli Studi di Genova. Una prima parte di dati sono stati comunicati a dicembre 2017 presso il MIT;  e verranno ripresi in esame e aggiornati in anteprima a Roma durante i lavori della Convention  Italia Sonno 2018, tra i principali eventi medico-scientifico italiani ideato e organizzato dalla pneumologa Dottoressa Loreta Di Michele e dal neurologo dott. Sergio Garbarino. Un anticipo: il 55% degli autotrasportatori italiani è a rischio di OSA. Altri dati hanno indicato che i soggetti con sospetta OSA presentano un rischio 7 volte superiore di avere scarse performance lavorative soprattutto se associati all’eccessiva sonnolenza. Quest’ultimo sintomo esponeva gli autotrasportatori con probabile OSA ad un rischio doppio di incorrere in quasi incidenti.  Da questi dati, e come anche emerso da una recente indagine condotta negli Stati Uniti dall’American Academy of Sleep Medicine, è facilmente intuibile come un soggetto affetto da OSA e adeguatamente trattato costi alla società circa 70% in meno (2.000 $) rispetto un soggetto OSA non trattato (6.000 $) . I costi da mancata prevenzione, diagnosi e terapia dell’OSA sono determinati dalla perdita di produttività (58%), incidenti stradali (17%), infortuni sul lavoro (4%) e non ultimo scarsa qualità della vita benessere e comorbidità (20%). “Se in Italia i 5-6 milioni di potenziali pazienti OSA venissero adeguatamente trattati” – dichiara il Dott. Sergio Garbarino responsabile scientifico – “permetterebbero un risparmio annuo di oltre 15 miliardi di euro, quasi l’equivalente dell’ultima manovra finanziaria!”.

 “Abbiamo ormai certezza che i pazienti che vengono trattati migliorano sicuramente la loro qualità di vita e benessere” - sottolinea la pneumologa Dottoressa Loreta Di Michele esperta di disturbi del sonno -“ inoltre è importante sottolineare che i pazienti con le forme più gravi della malattia, se adeguatamente trattati, presentano una maggiore aspettativa di vita rispetto a chi non viene curato...”

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Italia Sonno 2018

Il Convegno nazionale Italia Sonno 2018 "Prevenzione dell’OSA: Guadagno in benessere e salute e Risparmio nella vita e sul lavoro", giunto alla sua settima edizione e ritenuto tra i due appuntamenti italiani di riferimento per il mondo scientifico in tema di medicina del sonno, è stato autorizzato dalla World Sleep Society, l’organizzazione scientifica mondiale di riferimento per il sonno e le sue patologie, ad anticipare le attività e gli eventi di sensibilizzazione dell’opinione pubblica previsti in Italia in occasione della Giornata Mondiale del Sonno 2018 (WSD) del 16 marzo (link: http://worldsleepday.org/italy-2018-dr-loreta-di-michele). Sabato 10 marzo ore 8.30 - NH Villa Carpegna, Via Pio IV n. 6, Roma.

italia sonno 2018 | sergio garbarino | Loreta di michele | apnee notturne | giornata mondiale del sonno |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici e insulina aumenta rischio di ictus


Congresso ASH 2017: Edoxaban efficace nel trattamento TEV pazienti oncologici


Il russare può essere causa di divorzio


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


Cardioversione: Presentati al congresso ESC 2016 i risultati di ENSURE-AF trial


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

DA TUTTO IL MONDO IN CAMPIDOGLIO PER ALBEROANDRONICO - I VINCITORI –

DA TUTTO IL MONDO IN CAMPIDOGLIO PER ALBEROANDRONICO - I VINCITORI –
 Con il patrocinio di Roma Capitale, Città metropolitana di Roma Capitale e Consiglio regionale del Lazio premiati poesie, racconti, libri, fotografie, cortometraggi e pittura, nella cornice unica della Sala Protomoteca del Campidoglio.. Tra i premiati il candidato nobel Hafez Haidar,l’attore Leo Gullotta e il giornalista e scrittore Paolo Borrometi. Roma 16 marzo 2019: Un&rsq (continua)

UN CANDIDATO AL NOBEL PER LA PACE AL PREMIO NAZIONALE ALBEROANDRONICO.

UN CANDIDATO AL NOBEL PER LA PACE AL PREMIO NAZIONALE ALBEROANDRONICO.
 L’atto finale della dodicesima edizione del Premio nazionale Alberoandronico, sempre più ricco e accattivante. Venerdì 15 marzo h 16.00 al Campidoglio. Roma, 13 marzo 2019: La Cerimonia di premiazione di venerdì 15 marzo alle 16, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, offrirà quest’anno uno spunto in più: ci sarà anche Hafez Haidar (continua)

VIOLENZA FAMILIARE: I LIMITI DELLA GENITORIALITA’… SONO TUTTI BRAVI I GENITORI?

VIOLENZA FAMILIARE: I LIMITI DELLA GENITORIALITA’… SONO TUTTI BRAVI I GENITORI?
  Milano, 25 settembre 2018: Soccorso Rosa Onlus insieme a Casa dei Diritti organizzano un incontro di studio sui limiti della genitorialità, alienazione e violenza familiare. Interverranno l’Avv. Armando Cecatiello, avvocato familiarista e Presidente di Soccorso Rosa Onlus i Magistrati Laura Cosmai e Rosa Muscio della Sezione Famiglia del Tribunale di Milano e gli esperti Stefa (continua)

A Las Jobas si “punta forte” sul Fuori Salone

A Las Jobas si “punta forte” sul Fuori Salone
  Il marketplace dei lavori “fighi” lancia una campagna per la grande kermesse del design: street party diffusa con musica live insieme a Guestar, performance di professioni non convenzionali e una open air gallery in partnership con i marchi di arredamento easy-luxury Aischa e di design City Scraps affidata ad un team di giovani designer.     Milano, 12 aprile 2018: (continua)

“NOI SIAMO QUEL CHE... GETTIAMO PER TERRA”

“NOI SIAMO QUEL CHE... GETTIAMO PER TERRA”
 TIPI METROPOLITANI® AL FUORI SALONE CON “CITY SCRAPS®”, LA LINEA DI PRODOTTI CHE RACCONTA GLI SCARTI DI CITTA’ Milano, 3 aprile 2018:  “Noi siamo quel che mangiamo?”, No, “noi siamo quel che gettiamo per terra”: riadattando la celebre asserzione del filosofo Feuerbach, Tipi Metropolitani®, azienda milanese editrice del progetto (continua)