Home > Altro > Premio Ricoh: proclamati i vincitori dell’ottava edizione

Premio Ricoh: proclamati i vincitori dell’ottava edizione

La giuria ha selezionato i vincitori dell’ottava edizione del “Premio Ricoh per giovani artisti contemporanei”, iniziativa grazie alla quale i giovani possono esprimere il loro talento e farsi strada nel mondo dell’arte. Si è conclusa l’ottava edizione del “Premio Ricoh per giovani artisti contemporanei” con la premiazione dei vincitori che si è tenuta presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo (Milano). Nato nel 2010, il Premio è un progetto che coniuga arte contemporanea e Responsabilità Sociale ed è organizzato da Ricoh Italia con la collaborazione di Regione Lombardia e Mondadori Store e il patrocinio del Comune di Vimodrone. L’obiettivo del Premio è promuovere la cultura e dare ai giovani la possibilità di esprimere la propria creatività. La giuria – presieduta da Giorgio Grasso, critico d’arte e curatore del Padiglione Armenia alla Biennale di Venezia 2017 – era composta da Davide Oriani (CEO di Ricoh Italia), Mirko Bianchi (Past President di Ricoh Italia), Francesco Riganti, Direttore Marketing Mondadori Retail, Rino Moffa (editore e Amministratore Unico di Tnv), Sabrina Ravanelli (artista), Vincenzo Gornati, Direttore iniziative editoriali del Comune di Vimodrone, Alessandro Papini, Presidente del Gruppo di lavoro per la selezione di mostre, opere d’arte ed esposizioni culturali/informative per la valorizzazione delle sedi di Regione Lombardia. La giuria ha decretato: • Vincitore assoluto: Daniele Di Girolamo con l’opera “Più in alto nel cielo, più profondo nel cuore” • Vincitore per la sezione pittura-disegno-grafica: Veronica Liverani con il video “Solitudini sconosciute” • Vincitore per la sezione scultura-installazione: Andisheh Bagherzadeh con l’opera “Unanime” • Vincitore per la sezione fotografia-video, digital art: Graziana Conte con il dittico di fotografie “Piovra” e “Paguro” • Vincitore per la sezione Pop Art: Rubens Fogacci con l’opera “Ritratto di Mina” Agli artisti è stato chiesto di esprimere, attraverso le loro opere, i valori Ricoh così riassumibili: “Lo sforzo verso l’innovazione, che semplifica la vita e il lavoro, salvaguardando nel contempo l’ambiente e in generale i principi della responsabilità sociale d’impresa”. Verso l’innovazione, tenendo sempre ben presente l’individuo È Daniele Di Girolamo (Accademia di Belle Arti di Bologna) il vincitore assoluto dell’ottava edizione del Premio Ricoh. “Più in alto nel cielo, più profondo nel cuore” è il titolo del video con cui l’artista ha partecipato al Premio. Daniele Di Girolamo commenta: “Ho voluto indicare due dimensioni spaziali: una infinitamente più grande rispetto all'altra. Quest’ultima è una dimensione fortemente intima e umana che non deve però essere letta slegata da tutto il resto, da altre dimensioni, più grandi e globali. Le due dimensioni vivono in termini di relazione, ovvero l'una sussiste grazie all'altra. Ho voluto tracciare un unico vettore che si muove in due prospettive: verso l'esterno, dove la vista nemmeno arriva (la profondità dell'atmosfera terrestre e oltre, più in alto del cielo) e verso l’interno, dove si concentra l’attenzione alla preziosità dell’umano, sottolineato in particolare dal suono del sangue che scorre. Dunque non ci sono gerarchie, nessuna dimensione scavalca l'altra e, anzi, è proprio grazie all’altra che assume la propria entità. Ho accostato questo vettore bidirezionale ai valori Ricoh che, specialmente oggi, dovrebbero interessare tutti: lo sforzo verso l'innovazione (l'alto, la dimensione spaziale del cielo) senza però trascurare il valore del singolo. L'innovazione mirata al miglioramento della vita. Lo sguardo, allora, è proiettato verso una dimensione molto più grande di noi che punta in alto e oltre, senza però distaccarsi dalla concretezza delle cose e dall’uomo”. Materiali naturali e innovativi per aprirsi all’infinito A vincere la sezione pittura-disegno-grafica è Veronica Liverani (Accademia di Belle Arti di Ravenna) con l’opera “Solitudini Sconosciute” realizzata in tecnica mista. La vincitrice spiega: “L'artista apre le porte del suo infinito con la chiave della sofferenza e della follia, la sua mente rimbalza dentro mondi sconosciuti e imprevedibili, dove il bisogno dirompente dell’interiorità lo porta a esternare le emozioni di queste visioni sulla tela. Solitudini sconosciute è un dipinto che nasce dalla riflessione sull'inconscio, un viaggio surreale, attraverso gli occhi del nostro io che riesce a materializzarsi, tramite la consistenza dei materiali utilizzati. Abbastanza evidente è l'utilizzo specifico di polvere di marmo bianca, mescolata al pigmento di terra verde naturale, con la presenza di una vernice fluorescente che al buio conferisce un effetto ottico luminoso al dipinto. Ho pensato che l'unione e la rielaborazione di questi materiali - naturali e innovativi - potesse fondersi con la filosofia di Ricoh”. L’azienda come identità unica ma allo stesso tempo molteplice Andisheh Bagherzadeh (Accademia delle Belle Arti di Firenze) ha vinto la categoria scultura-installazione con l’opera “Unanime”. Si tratta di una installazione composta da 99 elementi in terracotta smaltata che l’autore spiega in questo modo: “Il mio progetto si concentra principalmente sul concetto di identità. Un’identità che fondendosi con la collettività diventa un corpo unico. Nonostante siano incomplete, le figure riescono a creare una forma solida e insieme resistente; questo concetto è coerente con quello che, secondo me, rappresenta l’unità di un’azienda, di un’organizzazione, composta da numerose idee, caratteri e personalità dalle quali nasce un’identità unica, solida ed insieme molteplice e collettiva. A mio avviso anche Ricoh, basandosi su tali principi e percorrendo questo dinamismo, sempre con l’attenzione rivolta al fattore umano, riesce a evolversi, promuoversi e migliorarsi sempre di più”. Alla ricerca di una nuova visione della realtà Graziana Conte (Accademia di Belle Arti di Lecce) ha primeggiato nella sezione fotografia-video, digital art con il dittico di fotografie “Piovra” e Paguro”. “Questo dittico – commenta l’artista – è parte della serie ‘Le Metamorfosi’. Tale progetto è finalizzato alla ricerca della mia identità. Utilizzo il mio corpo come inchiostro e colore, con differenti combinazioni di me stessa, per rappresentare una cosa che amo profondamente, un’altra realtà, come quella dei profili degli animali. Il mio corpo diventa il mezzo per raggiungere questo obiettivo, tanto da scomparire per far emergere il soggetto. La successione di trasformazioni privilegia l’esigenza della varietà e dell’antitesi, ma anche dell’analogia, della contiguità e dell’ambiguità. Elementi onirici e fantastici si fondono in un mondo impregnato di realtà e denso di particolari fortemente realistici. Questo improvviso richiamo alla concretezza del reale può determinare una sensazione di disorientamento, e l’incertezza che ne deriva fa sì che non si sappia più a cosa dare credito, se alla fantasia creativa o alle istanze di realtà che ci raggiungono. Si assiste cosi ad un continuo gioco di rimandi tra il fantastico e il reale. E si assiste anche a una fusione tra fotografia, grafica e pittura digitale. Credo che tutto ciò incontri i valori di Ricoh verso l’innovazione, la novità della visione e la ricerca”. L’innovazione è “pop” e sostenibile Con l’opera “Ritratto di Mina” Rubens Fogacci ha vinto la categoria Pop Art, una nuova sezione trasversale introdotta quest’anno per la prima volta e promossa da Mondadori Store. “La mia ricerca artistica è improntata all'innovazione e al guardare oltre ciò che si vede. Cerco di far percepire all’osservatore una visuale d’insieme, facendolo soprassedere dal cercare e dal soffermarsi solo su un particolare. Il naso allungato è una scusante per dire che dobbiamo avere spirito di osservazione, ma pensare in maniera globale. In questo modo avremo la possibilità di crescere interiormente e migliorare la nostra vita, riuscendo a interagire tra noi in maniera più umana e a sensibilizzarci l’un l’altro. Questa opera è stata realizzata con materiali atossici e con una resina all'acqua salvaguardando così l’ambiente. Trovo sia questo aspetto tecnico sia la mia poetica, così come l'ho descritta, riscontrabile nello spirito dell’azienda Ricoh”. Le cinque opere vincitrici entrano a far parte della collezione d’arte Ricoh, nata nel 2010 con la prima ediziona e allestita presso la sede di Vimodrone (Milano).


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Ricoh: un doppio festeggiamento per la stampa di produzione


Ricoh a emissioni zero entro il 2050


Ricoh: un mese per l’ambiente


The Art of the New e la stampa digitale Ricoh


A Viscom 2018 Ricoh costruisce il futuro della stampa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Ricerca Ricoh: le persone sono alla base dell’innovazione

Da una nuova ricerca Ricoh emerge i dipendenti delle aziende europee diventino sempre più parte dei processi di innovazione. Il 59% dei 3.300 manager coinvolti nella nuova ricerca Ricoh sulle Pmi afferma che l’innovazione è una priorità assoluta. Il fattore più importante che spinge le Pmi ad affrontare il cambiamento riguarda l’evoluzione delle esigenze dei clienti, ma non solo: molte azien (continua)

Ricerca Ricoh: le richieste dei consumatori spingono le Pmi ad innovare

Da una nuova ricerca Ricoh emerge come le Pmi europee ritengono che i prodotti e servizi offerti cambieranno nei prossimi cinque anni per riuscire a rispondere alle nuove aspettative dei clienti. Il 59% dei 3.300 manager coinvolti nella nuova ricerca Ricoh sulle Pmi afferma che l’innovazione è una priorità assoluta. La netta maggioranza del campione (91%) pensa di modificare, almeno in parte, i (continua)

Ricoh lancia una nuova soluzione large format flatbed UV per i mercati Sign & Display e Décor

Con una velocità che arriva a 64,6m2/h su supporti fino a 11 cm di spessore, la nuova Ricoh Pro™ TF6250 offre grande flessibilità per applicazioni che spaziano dall’interior decoration alle graphic arts, dal packaging alla visual communication. Ricoh Pro™ TF6250 è la nuova soluzione large format flatbed UV che si affianca a Ricoh Pro™ T7210. Con una velocità di 64,6m2/h e dimensioni massime di (continua)

Pmi: senza innovazione si rischia di restare indietro

Da una ricerca Ricoh è emerso come le Pmi di tutta Europa concordano sul fatto che la propria azienda potrà fallire entro il 2020 se non riuscirà a trasformarsi per rispondere ai cambiamenti attualmente in atto nel mercato. La rivoluzione digitale sta trasformando in maniera profonda i rapporti tra le aziende, Pmi in primis, e il mercato. In questo contesto si parla sempre più della necessità (continua)

Ricerca Ricoh: tempo di cambiamenti per le Pmi

Secondo una nuova ricerca Ricoh le Pmi di tutta Europa si sentono coinvolte nelle trasformazioni che stanno rivoluzionando il mercato, ma poche sono pronte a cavalcarle. Il termine innovazione è molto abusato e questo purtroppo rende difficile per un’azienda capire come e quando innovare. Nonostante ciò, le imprese concordano sull’importanza di trasformarsi rapidamente. Questo è quanto emerg (continua)