Home > Scuola e Università > Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Prosegue il ciclo di incontri con professionisti nell'ambito della settima arte, quella cinematografica, organizzati dal prof. Francesco Giordano, docente e videomaker, all'interno del Laboratorio di Produzioni Audiovisive Teatrali e Cinematografiche presso l' Università l'Orientale di Napoli,  entrato nel vivo con importanti risultati in termini di feedback degli studenti e crescita delle competenze teoriche e pratiche. L'ultimo protagonista in ordine di tempo, ma non per importanza, è stato Pino Sondelli, direttore della fotografia, regista, autore, nonchè direttore dell'Accademia di Belle Arti di Nola. Il suo prezioso intervento, risultato particolarmente affascinante per gli studenti, si inserisce all' interno dello studio della grammatica dell'immagine, del valore e del significato espressivo di una inquadratura tecnica cinematografica, passando per le basi di una corretta composizione, fino al percorso tecnico e artistico della luce, indagando il senso psicologico e analitico di un'immagine e dei colori. Un campo complesso, pieno di sfaccettature e concetti, che Sondelli ha provato a racchiudere in poco tempo, riuscendo a carpire l'interesse e la curiosita' degli allievi del prof. Giordano, che hanno iniziato a interrogarsi su se stessi, I propri movimenti nello spazio, lo sguardo sulle cose e sull'altro, il campo dell'attenzione visiva e della percezione. In particolare Pino Sondelli, nel suo dialogo-confronto con I ragazzi, ha abbandonato la veste di docente per entrare in contatto con I suoi interlocutori e dare vita ad una comunicazione vera, fatta di dialogo e scambio reciproco di emozioni, perchè, come sostiene Sondelli: "Solo in questo modo le persone comunicano realmente". Alla base della comunicazione e definizione di un contenuto e della sua espressione c'è la luce. "Il colore della luce crea un' atmosfera ed è cio' che vogliamo racchiudere nell'inquadratura e vogliamo comunicare". In base  alla quantità di impulsi elettro-magnetici che noi assorbiamo dalla luce costruiamo un'immagine. "Le inquadrature - spiega Sondelli - sono frammenti di realtà e l'immagine è una scrittura in un'inquadratura, dunque attravers quali inquadrature scegliamo comunichiamo un messaggio rispetto ad un altro". Gli studenti, partecipanti attivi dell'incontro, stimolati ad esprimere sensazioni, domande, stati d'animo, sono stati coinvolti nella realizzazione di un vero e proprio set di regia televisiva, con il posizionamento di telecamere e luci, mostrando poi  praticamente come varia il contenuto comunicato se si modificano I raggi di luce nello spazio. Nella fattispecie è stato fondamentale l'intervento dell'attore e regista teatrale Franco Maione, che ha letto un testo in una determinata atmosfera costruita con l'uso delle luci, naturali e artificiali. Questo espediente è stato importante per introdurre un altro aspetto, quello del suono, che al pari della luce condiziona e costruisce il contenuto che si sceglie di comunicare e che ha un valore molto forte sotto il profilo emozionale. Esiste infatti una frequenza sonora, anche nella voce, che crea stati d'animo particolarmente forti. Non poteva mancare nell'intervento di Pino Sondelli una riflessione sull'evoluzione del linguaggio cinematografico alla luce dell’avvento della digitalizzazione  e la conseguente velocità del cambiamento che non possono non coinvolgere gli operatori della settima arte, alle prese con una realta' sempre piu' ipertecnologica e liquida, per dirla alla Bauman. Pino Sondelli ha pero'lanciato una provocazione: "la macchina fotografica è davvero solo quella che siamo abituati a considerare tale oppure è qualcosa che già possediamo naturalmente attraverso I nostri occhi?". Ad ognuno la sua risposta.

 



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Al Muggia Teatro, Festival Estivo del Litorale, andrà in scena "Una vita di latta" il 19 e 20 giugno, della compagnia italiana Bending Road

Al Muggia Teatro, Festival Estivo del Litorale, andrà in scena
 Prosegue la rassegna Muggia Teatro, la sezione italiana del Festival Estivo del Litorale, con uno spettacolo per i più piccini che incanterà anche il pubblico dei grandi. La compagnia italiana Bending Road presenta Una Vita di latta, che andrà in scena Martedì 19 giugno, alle ore 21.00, al Teatro Giuseppe Verdi di Muggia e Mercoledì 20 giugno, alle ore 11.0 (continua)

iBand, il nuovo talent show che andrà in onda dal prossimo dicembre 2018, in prima visione, sul canale La5 del digitale terrestre, un format Mediaset prodotto dalla Sunshine Production

iBand, il nuovo talent show che andrà in onda dal prossimo dicembre 2018, in prima visione, sul canale La5 del digitale terrestre, un format Mediaset prodotto dalla Sunshine Production
iBand, prodotto dalla Sunshine Production, promette di essere nel vasto panorama televisivo,  un format insolito e innovativo. Un programma che,  per la prima volta,  si rivolge alle band, ai gruppi di voci, ai cori e ai cori gospel. Sarà strutturato in 4 puntate eliminatorie, una semifinale ed una finale. La direzione artistica è affidata al Maestro Vincenzo Sorrentin (continua)

White Ice Summer, a Napoli i migliori maestri gelatieri d’Italia giovedì 21 giugno a Palazzo Caracciolo per la festa del solstizio d’estate

White Ice Summer, a Napoli i migliori maestri gelatieri d’Italia giovedì 21 giugno a Palazzo Caracciolo per la festa del solstizio d’estate
 Giovedì 21 giugno, a partire dalle ore 20, presso gli eleganti spazi dello storico Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel (via Carbonara 112 – Napoli) andrà in scena la sesta edizione di White Ice Summer a cura della Città del gusto Napoli, il network di divulgazione enogastronomica e grandi eventi del Gambero Rosso. La festa dedicata al solstizio d’estate, q (continua)

Concerto "M'ha punto amore", a Napoli la musica rinascimentale rivive a giugno

Concerto
“M’ha punto Amore” è il concerto rinascimentale del Complesso Vocale e Strumentale Dimensione Polifonica, diretto da Biagio Terracciano, che il 23 giungo prossimo alle 17.30 avrà luogo nella location d’eccezione rappresentata dalla Sala del Capitolo, uno degli ambienti di maggior spicco tra quelli edificati nei lavori di ampliamento del Convento di San Do (continua)

Tenuta Ippocrate si svela tra chef, moda e piatti d'autore per una cena di mezza estate

Tenuta Ippocrate si svela tra chef, moda e piatti d'autore per una cena di mezza estate
 Un paesaggio unico, circondato da morbide piccole luci, una location sontuosa,impreziosita da ampi giardini elegantemente allestiti, immersa nella vegetazione di alberi da frutto, filari di uve e piante aromatiche. Lo scenario ideale per una cena realizzata da sei chef campani, sei portate con prodotti irpini di alta qualità e sei modelle che sfilano indossando gli abiti del pres (continua)