Home > Scuola e Università > Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Pino Sondelli, direttore della fotografia, incanta gli studenti dell'Orientale con una lezione speciale

Prosegue il ciclo di incontri con professionisti nell'ambito della settima arte, quella cinematografica, organizzati dal prof. Francesco Giordano, docente e videomaker, all'interno del Laboratorio di Produzioni Audiovisive Teatrali e Cinematografiche presso l' Università l'Orientale di Napoli,  entrato nel vivo con importanti risultati in termini di feedback degli studenti e crescita delle competenze teoriche e pratiche. L'ultimo protagonista in ordine di tempo, ma non per importanza, è stato Pino Sondelli, direttore della fotografia, regista, autore, nonchè direttore dell'Accademia di Belle Arti di Nola. Il suo prezioso intervento, risultato particolarmente affascinante per gli studenti, si inserisce all' interno dello studio della grammatica dell'immagine, del valore e del significato espressivo di una inquadratura tecnica cinematografica, passando per le basi di una corretta composizione, fino al percorso tecnico e artistico della luce, indagando il senso psicologico e analitico di un'immagine e dei colori. Un campo complesso, pieno di sfaccettature e concetti, che Sondelli ha provato a racchiudere in poco tempo, riuscendo a carpire l'interesse e la curiosita' degli allievi del prof. Giordano, che hanno iniziato a interrogarsi su se stessi, I propri movimenti nello spazio, lo sguardo sulle cose e sull'altro, il campo dell'attenzione visiva e della percezione. In particolare Pino Sondelli, nel suo dialogo-confronto con I ragazzi, ha abbandonato la veste di docente per entrare in contatto con I suoi interlocutori e dare vita ad una comunicazione vera, fatta di dialogo e scambio reciproco di emozioni, perchè, come sostiene Sondelli: "Solo in questo modo le persone comunicano realmente". Alla base della comunicazione e definizione di un contenuto e della sua espressione c'è la luce. "Il colore della luce crea un' atmosfera ed è cio' che vogliamo racchiudere nell'inquadratura e vogliamo comunicare". In base  alla quantità di impulsi elettro-magnetici che noi assorbiamo dalla luce costruiamo un'immagine. "Le inquadrature - spiega Sondelli - sono frammenti di realtà e l'immagine è una scrittura in un'inquadratura, dunque attravers quali inquadrature scegliamo comunichiamo un messaggio rispetto ad un altro". Gli studenti, partecipanti attivi dell'incontro, stimolati ad esprimere sensazioni, domande, stati d'animo, sono stati coinvolti nella realizzazione di un vero e proprio set di regia televisiva, con il posizionamento di telecamere e luci, mostrando poi  praticamente come varia il contenuto comunicato se si modificano I raggi di luce nello spazio. Nella fattispecie è stato fondamentale l'intervento dell'attore e regista teatrale Franco Maione, che ha letto un testo in una determinata atmosfera costruita con l'uso delle luci, naturali e artificiali. Questo espediente è stato importante per introdurre un altro aspetto, quello del suono, che al pari della luce condiziona e costruisce il contenuto che si sceglie di comunicare e che ha un valore molto forte sotto il profilo emozionale. Esiste infatti una frequenza sonora, anche nella voce, che crea stati d'animo particolarmente forti. Non poteva mancare nell'intervento di Pino Sondelli una riflessione sull'evoluzione del linguaggio cinematografico alla luce dell’avvento della digitalizzazione  e la conseguente velocità del cambiamento che non possono non coinvolgere gli operatori della settima arte, alle prese con una realta' sempre piu' ipertecnologica e liquida, per dirla alla Bauman. Pino Sondelli ha pero'lanciato una provocazione: "la macchina fotografica è davvero solo quella che siamo abituati a considerare tale oppure è qualcosa che già possediamo naturalmente attraverso I nostri occhi?". Ad ognuno la sua risposta.

 



Commenta l'articolo

 
 

Ieri...

Stesso autore

La chiave Titanica di Marco Napolitano alla libreria del Vomero a Napoli Iocisto

La chiave Titanica di Marco Napolitano alla libreria del Vomero a Napoli Iocisto
Giovedì, 20 dicembre alle ore 18, presso la libreria Iocisto al Vomero, verrà presentato La Chiave Titanica, l’avvincente romanzo di Marco Napolitano, edito dalla Turisa. Una scrittura che ha lo stesso sapore del primo Ken Follett: un sigillo di garanzia per un autore alla sua prima opera, ma dotato di grande talento. L’evento, vedrà la partecipazione di Angela Pro (continua)

Suck my Blues, il 20 dicembre live a Lecce del gruppo

Suck my Blues, il 20 dicembre live a Lecce del gruppo
 Il “Rebirth Live Tour 2018” dei Suck my Blues fa tappa a Lecce il prossimo 20 dicembre, alle ore 22, presso il Cantiere Hambirreria (Viale dell’Università, 23). Il gruppo darà vita ad uno show travolgente, diffondendo, come sempre, una sana energia emotiva.   Durante la serata, sarà mostrato, in anteprima assoluta, il videoclip del brano “M (continua)

La pizza "meravigliosamente" pompeiana di Vincenzo Capuano nella città mariana e vesuviana

La pizza
 Il Pizzaiolo globe-trotter Vincenzo Capuano, presenza fissa nella trasmissione Detto Fatto di RaiDue prima con Caterina Balivo e ora con Bianca Guaccero, approda a Pompei nella centralissima Via Roma tra il Santuario e gli Scavi, realizzando una pizza con tipologie di farine utilizzate dai Romani 2000 anni fa, la multicereali, il cavolo, il Fior di fuscella e il garu (continua)

"PIzzArt" il 10 dicembre a Battipaglia, un evento con le pizze del Maestro Pizzaiolo Vito de Vita e i panettoni di Helga Liberto


 Pizza e Panettone, binomio vincente al “PizzaArt” di Battipaglia, dove Vito de Vita, Maestro Pizzaiolo, presidente della “Scuola Napoletana Pizzaioli” e patron della pizzeria, ed Helga Liberto esperta di lievitati, meglio noti come “Chef dei Grani”, hanno proposto le loro realizzazioni dedicate al periodo natalizio rispettivamente (continua)

Il circo di Moira Orfei festeggia a Napoli i 250 anni di storia delle arti circensi dal 20 dicembre

Il circo di Moira Orfei festeggia a Napoli i 250 anni di storia delle arti circensi dal 20 dicembre
 Il Circo Tradizionale di Moira Orfei arriva a Napoli (precisamente le carovane circensi sosteranno al “Pareo Park”, nei pressi dell’uscita della tangenziale di Licola) per le festività natalizie. Monterà le tende in Città il 20 dicembre e rimarrà fino al 27 gennaio. In occasione della tappa napoletana presenterà il (continua)