Home > Primo Piano > Lo sport che ti mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo

Lo sport che ti mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo

Lo sport che ti mette in movimento e avvicina persone, culture e mondo
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net E’ sempre il momento per mettersi in moto, per iniziare a fare sport, iniziare a incontrare gente in carne e ossa e allenarsi insieme, incontrarsi, darsi un appuntamento e un ritrovo per un allenamento o per andare insieme a una gara, questo è lo sport che vogliamo Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per incontrare gente e approfondire la conoscenza di se stessi e degli altri. Non c’è un momento preciso per salire sul treno dello sport, è sempre il momento per provare, per iniziare; non c'è un’età per smettere ma è importante ascoltare le proprie sensazioni e apprendere sempre dall'esperienza. Il treno dello sport a volte passa e bisogna farsi trovare pronti e decisi alla fermata per prenderlo al volo e lasciarsi trasportare per strade, ville, parchi e monti. Puoi salire quando vuoi sul treno dello sport, puoi stare davanti o dietro, non c'è un'esatta modalità per partecipare al treno dello sport, puoi sperimentare benessere o performance o entrambi, together is much better (insieme è molto meglio). Quello che raccontano tante persone è che lo sport rende felici, ti libera la mente da tensioni e problemi accumulati durante la giornata o nel corso di altre attività quotidiane meno piacevoli. Sto approfondendo argomenti che hanno a che fare con la consapevolezza, la passione e motivazione, il mettersi in moto, il costruire mete, obiettivi, realizzare sogni. Si sperimenta qualcosa che ha a che fare con la gioia di vivere, vivere intensamente, vivere situazioni forti, superare crisi e problemi, uscire dalle situazioni più disperate e più difficili. Tutto ciò diventa una palestra di vita, si trasferisce tutto sulla quotidianità familiare e lavorativa, si affronta la vita con più sicurezza, con meno ansie e paure, si riesce ad andare avanti con quello che c’è. Si possono fare grandi cose e se arriva un impedimento per qualsiasi motivo bisogna essere resilienti e pronti al cambiamento, non abbattersi ma cambiare solamente gli obiettivi, rimodularli in base alle proprie condizioni fisiche attuali. Per ogni problema c’è almeno una soluzione, chiuso un portone se ne possono aprire tanti altri, comunque l’esperienza fatta fa parte del bagaglio culturale ed esperienziale dell’individuo e serve nel futuro a darti sempre una mano per andare avanti con pazienza, un passo alla volta, con consapevolezza e rispettando i propri limiti. E’ risaputo e sperimentato che lo sport incrementa consapevolezza, sviluppa autoefficacia consolidando la fiducia in se stessi di poter far qualcosa, di riuscire in qualcosa; inoltre lo sport incrementa la Resilienza, si affrontano e si superano meglio i problemi, le crisi, le difficoltà. E’ importante fare le cose ascoltandosi ed osservandosi con attenzione ad iniziare dal respiro, dalle sensazioni corporee, una sorta di automonitoraggio per valutare momento per momento se quello che si sta facendo è in linea con il proprio desiderio, il proprio bisogno. E’ un contattare le proprie sensazioni in cerca del meglio per sé e considerando gli obiettivi che si vogliono perseguire con piacere, passione, motivazione, impegno. In linea di massima la passione della corsa permette di sperimentarsi, di condurre un sano stile di vita, permette di salire su un treno fatto di fatica e gioie, di relazioni, di mete e obiettivi da costruire, di situazioni da sperimentare: autoefficacia, riuscita, ma anche sconfitte e infortuni. Bisogna sviluppare consapevolezza delle proprie risorse e capacità, dei propri limiti. La corsa aiuta a elaborare situazioni e problemi, aiuta a trovare soluzioni, a progettare, mette in moto emisfero destro e sinistro; l’emisfero destro è più immaginativo, creativo, intuitivo, impulsivo; il sinistro è più razionale, calcolatore, pianificatore, programmatore. Ci vuole convinzione, grinta, forza, determinazione per dedicarsi ad un periodo di preparazione atletica, in base agli obiettivi, può richiedere sacrifici enormi, rinunce, spese, difficoltà, rischi, infortuni e non tutti sono disposti a questi impegni. Quindi, la cosa importante è decidere le priorità, gli obiettivi e impegnarsi per il raggiungimento. Il talento non basta per raggiungere l’eccellenza, l’impegno è di rilevanza fondamentale. Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Silvia Bortolotti: La maratona, corrine una e ti cambia la vita dico sempre io


Silvia Bortolotti: La maratona, corrine una e ti cambia la vita dico sempre io


Carlo Poddighe: Ho realizzato il sogno di correre maratone


Silvia Bortolotti, maratoneta: il sogno nel cassetto è la cento km


Selfie fanno parte dello sport come il riscaldamento, lo stretching, gli allunghi


Marco Vitalini: La testa, la voglia di correre mi ha portato oltre! 10 km in 30’54”


 

I più cliccati

Stesso autore

Cosa c'è dietro una bici? Passione, incontri, salite e fatica

Cosa c'è dietro una bici? Passione, incontri, salite e fatica
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Cosa c'è dietro una bici? Tanta passione, allenamenti, incontri, salite e fatica, aggregazione, selfie e caffè, tanti chilometri di curve, tante decisioni, equilibrio, presenza, attenzione, focalizzazione. Squadre, gruppi, associazioni, camere d'aria, banane e barrette. Daje con la bici! Per assaporare la ciclicità dello Sport come nella vita, (continua)

Cosa c'è dietro un record del mondo?

Cosa c'è dietro un record del mondo?
Il 16 settembre 2018 record mondiali: maratona e decathlon Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Il 16 settembre 2018 ci sono stati due record mondiali nell’atletica mondiale: maratona e decathlon. Eliud Kipchoge ha vinto la Maratona di Berlino in 02h1’39” stabilendo il nuovo record mondiale all’età di quasi 34 anni, rafforzando sempre di più la supremazia sulla disciplina della (continua)

Francesca Canepa vince l’UTMB: Bisogna osare, lottare e godersi i risultati

Francesca Canepa vince l’UTMB: Bisogna osare, lottare e godersi i risultati
Se una cosa mi piace, se ci credo, nulla può impedirmi di portarla a termine Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net L’UTMB con partenza e arrivo a Chamonx è una gara di circa 170 km e 10.000 metri di dislivello che attraversa l’Italia, la Francia e la Svizera. Xavier Thévenard, con un tempo di in 20:44:16 ha vinto l’edizione del 2018 precedendo il rumeno Robert Hajnal, e lo spagnol (continua)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net E’ sempre più chiaro che per stare bene e sperimentare benessere occorre sviluppare autoconsapevolezza, cioè la propria personale consapevolezza di come ci si sente, come si sta, cosa si vuole, dove si vuole andare, e anche consapevolezza delle proprie possibilità, capacità, risorse e anche dei propri limiti. Di fondamentale importanza risulta (continua)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)

Sviluppare Consapevolezza, Autoefficacia e Resilienza (C.A.R.)
Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net E’ sempre più chiaro che per stare bene e sperimentare benessere occorre sviluppare autoconsapevolezza, cioè la propria personale consapevolezza di come ci si sente, come si sta, cosa si vuole, dove si vuole andare, e anche consapevolezza delle proprie possibilità, capacità, risorse e anche dei propri limiti. Di fondamentale importanza risul (continua)