Home > Spettacoli e TV > 40 anni di attività per il Professional Ballet di Pina Testa

40 anni di attività per il Professional Ballet di Pina Testa

40 anni di attività per il Professional Ballet di Pina Testa
Duecentotrenta tra allievi, comparse, ospiti e attori; 15 ore di coreografie, 20 ballerini ospiti, 80 costumi diversi, 17 cambi di scena: festeggia così i suoi 40 anni di attività il Professional Ballet di Pina Testa. Anni in cui si è lavorato costantemente, fianco a fianco, per fare danza e creare danzatori.

Da giovedì 31 maggio fino a lunedì 4 giugno la scuola tra le più longeve della città sale sul palco del Teatro delle Arti per il saggio – spettacolo di fine anno: il 40esimo per l’etoile salernitana, che da sempre vive e si nutre di quest’arte al grido di “W la danza!”.

«Da giovedì celebriamo la scuola, ma a settembre faremo una grande festa sempre al Delle Arti. Per l’occasione arriveranno ospiti illustri, ma non posso ancora svelare i nomi. La scuola di danza….un luogo dove spiega la maestra faticosamente, ognuno cerca di trarre il meglio di se stesso, così da imparare ad esprimere, usando il linguaggio giusto, la propria interiorità. Lo studio, l’esercizio, lo spettacolo, non sono altro che i mezzi per far uscire fuori quello che è dentro. È una bella responsabilità, da parte degli insegnanti, quella di accogliere bambini piccolissimi e di farsene carico, accompagnandoli in ogni fase della loro crescita, assecondando i loro cambiamenti, interpretando i loro segnali. I nostri allievi sono tantissimi, ma per ognuno di essi c’è la strategia giusta da seguire, in modo da essere di tutti e per tutti, e non trascurare nessuno».

Da quest’anno infatti, la direttrice ed il suo staff hanno favorito la partecipazione del singolo, oltre che del corso, nella convinzione che sia giusto cominciare presto a sperimentare l’emozione e la difficoltà di un’esibizione a solo, non soltanto per arrivare con la giusta maturità al passo d’addio, ma anche per acquisire da subito quella padronanza e quell’esperienza che ormai, a livello professionale, si richiede ad artisti sempre più giovani.

Quattro le serate dedicate all’arte di Tersicore, tre i licenziandi, giovani che concludono il loro ciclo di studi e per i quali si apre uno spiraglio professionale: Martina Di Florio sarà la cortigiana in cerca d’amore, ovvero la “Dama delle Camelie”, in coppia con Marco Protano, Cristina Ferrara si diploma accompagnata da Ferdinando De Filippo nel “Tchaikovsky pas de deux”, un capolavoro di George Balanchine, e Gaetano De Feo sarà, insieme con Cristina Di Bonito, il protagonista del  celebre passo a due di “Diana e Atteone” su musica di Riccardo Drigo, sovente eseguito come pezzo di spettacolare virtuosismo. Gli stessi saranno anche i protagonisti di “Sogno di una notte di mezza estate” tra elfi, fate, folletti e uno spettacolare divertisement finale, e di The Greatest Show, versione danzata liberamente ispirata al film che ha fatto tanto discutere.

In assoluto parlerà la danza che, passando dall’hip hop al musical, dalla video dance al contemporaneo, dal grande repertorio classico ai dipinti di Edgar Degas che prendono vita, è ponta a regalare grandi emozioni tra spettacoli di luce, allestimenti scenici, illusioni e trucchi di magia. Diverse le chicche in serbo per il quarantennale. Tra tutte spicca sicuramente il simpatico adattamento per i più piccoli dell’”Excelsior” in cui dei piccoli danzatori raccontano in mezza punta la vittoria della luce sull’oscurantismo, la celebrazione del progresso, l’invenzione dell’elettricità, del telegrafo, del battello a vapore.

Fondamentale in tal senso le acconciature di Anna Mercadante, il trucco di Ida Toro, i contributi video di Marcello De Martino, le magie di Dario Nuzzo che insieme alle luci e alle scende della Bottega San Lazzaro contribuiranno a rendere lo spettacolo ancora più accattivante. Dietro le quinte uno staff di professionisti: Monica Micali, Simona Dipierri, Sonia Saggese, Sara Forte, Alex Palombo, Davide Raimondo, Oreste Chiancone, Annalisa Di Matteo, Maria Sansone, Antonello Ronga, Amalia Salzano, Annamaria Salzano, Camilla Naddei, Livia Vitale, Margot Gaito.

Sostanziale anche il ruolo di Fortuna Capasso, figlia dell'etoile salernitana che, nonostante sia impegnata nelle prove del suo saggio spettacolo (si va in scena domenica 3 giugno sempre al Teatro Delle Arti) è riuscita egregiamente a svolgere contemporaneamente il ruolo di responsabile coreografa e coordinatrice degli spettacoli del Professional Ballet con le compagnie esterne. Un compito non facile il suo, ricco di responsabilità e rigore.

INFO UTILI Giovedì 31 maggio, venerdì 1 e sabato 2 l’appuntamento è alle 20. Lunedì 4 i corsi inferiori danzano alle 19. L’ingresso è ad invito. Presenta Gaetano Stella.

pina testa | etoile | teatro san carlo | napoli | salerno | teatro delle arti | 40 anni di attività | saggio | spettacolo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Eleganza aggraziata per gli aspiranti ballerini a Monte Carlo


Pop Up Tour Of Italy e la sua formula moderna Live Dj Set a Milano 8 luglio 2017.


Doppio appuntamento per la XIII edizione di Dire Danza


Giuseppe Picone ospite d'onore di Dire Danza 2017


Arena...Danza: scuole in scena a Salerno


Pop Up Tour 2016 Steve Norman & I Ciccone Bros. in un Moderno FlashBack


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Spirits a Salerno: al via la prima mini rassegna per riempire di contenuti i contenitori del loisir del centro storico

Spirits a Salerno: al via la prima mini rassegna per riempire di contenuti i contenitori del loisir del centro storico
Movida alcolificio? No grazie. Con l'obiettivo di recuperare le energie e le passioni che hanno fatto del by night un elemento trainante dello sviluppo economico territoriale, nasce Spirits, la prima mini rassegna pensata da privati per riempire di contenuti i contenitori del loisir del centro storico. Spirits si propone come format autonomo per restituire dignità culturale alla movida, far (continua)

Un paese di sana e robusta costituizione

Un paese di sana e robusta costituizione
E' questo il titolo della rappresentazione che andrà in scena mercoledì 6 marzo alle 17 nel teatro del Genovesi. Protagonisti saranno gli alunni dell’istituto comprensivo Barra/ Abbagnano, diretto da Anna Maria Grimaldi. In quattordici, guidati dalla loro tutor, la professoressa Maria Pia Corniola, daranno vita ad uno spettacolo che avrà come filo conduttore la Cost (continua)

#salviamopatrick

 #salviamopatrick
 #salviamopatrick con una raccolta fondi. E' la difficile impresa a favore di Patrick Majda, 40 anni, bolognese, gravemente malato di tumore al colon con mestastasi al fegato, la cui unica possibilità di salvezza risiede in un protocollo (anzi, tre) di una clinica a Philadelphia. Lui potrebbe avere accesso subito alle cure (lo hanno sollecitato già due volte nelle ultime tre (continua)

Nasce un libro dal laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria Smaldone di Salerno

Nasce un libro dal laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria Smaldone di Salerno
Attraverso Il progetto DiSegnare Storie le associazioni Duna di Sale e Saremo Alberi Libroteca hanno condotto un laboratorio di scrittura creativa con i bambini della Scuola Primaria F. Smaldone di Salerno da cui è scaturito il libro in italiano e LIS – Lingua dei Segni Italiana dal titolo Attraverso Il progetto DiSegnare Storie le associazioni Duna di Sale e Saremo Alberi Librot (continua)

#fuorifestival 2019 di Salerno Letteratura

 #fuorifestival 2019 di Salerno Letteratura
Entra nel vivo il #fuorifestival 2019 di Salerno Letteratura. Nell'ambito del ricco calendario di appuntamenti del più grande festival letterario dell'Italia del Sud, lunedì 11 febbraio alle 19, il Circolo dei Lettori ospiterà, presso gli spazi di Santa Apollonia, a Salerno, lo scrittore Piero Sorrentino, autore di “Un cuore tuo malgrado” (Mondadori). In dialogo co (continua)