Home > Altro > Gli insuccessi dei figli colpe dei genitori

Gli insuccessi dei figli colpe dei genitori

Gli insuccessi dei figli colpe dei genitori

 Gli errori dei genitori

Gli errori frequenti da cui Business Insidermette in guardia sono sei e portano tutti a crescere figli destinati, in base a studi sociologici, a non avere successo nella vita da adulti. Il primo è quello di essere genitori troppo autoritari, perché in questo modo si scoraggia una comunicazione aperta e si facilita il radicamento di una serie di inibizioninei ragazzi.

Il secondo è consentire di stare davanti alla televisione sin dalla prima infanzia. Apparentemente stare incollati al piccolo schermo è strettamente collegato all’incapacità di comprendere i problemi di matematica.

Terzo errore è quello di gridare, atto inutile e controproducente nel lungo periodo, così come il ricorso (quarto errore) agli schiaffi o, peggio, a forme più gravi di violenza. Si tratta di atti che lasciano tracce indelebili e che sono destinati a creare disturbi cognitivi.

Il quinto comportamento da evitare è cercare di tenere tutto sotto controllo, trasformandosi in quelli che vengono definiti “genitori-elicottero”, proprio perché tentano di arrivare dappertutto: il risultato sarà quello di aumentare la probabilità che da adulti i propri figli soffrano di ansia e depressione.

Infine, non bisogna essere emotivamente distanti dai propri figli. A volte i loro piccoli problemi possono apparire insignificanti, ma non lo sono e troppo distacco può tradursi in traumi emotivi ed insicurezze.

Nelle famiglie si interagisce poco e male i genitori purtroppo tendono a sfogare la loro insoddisfazione sui figli e questo è quanto di più sbagliato si possa fare.

Forse accusare i genitori di essere i principali responsabili dei futuri insuccessi dei figli è un po’ esagerato, se non addirittura arrogante, ma resta il fatto che, studi e numeri alla mano, taluni comportamenti si siano rivelati controproducenti.

Cerchiamo di smussare ogni angolo 

finché si è in tempo.

Gianluca Santoni investigatore | figli | comunicazione | web |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il Profondo Significato delle Bomboniere Solidali Battesimo


Aperitivo e spettacolo a Napoli: fare il turista e trascorrere del tempo libero nella propria città è un dovere


OPERAZIONE CALMA PLANETARIA - PROGRAMMI E RISULTATI


INIZIA IL CORSO GRATUITO ON-LINE - BAMBINI


26 GIUGNO: GIORNATA MONDIALE ONU PER LA LOTTA ALLA DROGA


 

I più cliccati

Stesso autore

stupro se vittima ubriaca decadono aggravanti

stupro se vittima ubriaca decadono aggravanti
 Se hai alzato il gomito e vieni violentata non è possibile condannare lo stupro con le aggravanti. Ora bere un bicchiere in più dovrà non soltanto far stare attente le donne alla prova del palloncino, ma anche a guardarsi bene da chi si avvicina, perché se qualcuno vuole sfogare il suo istinto animale su una donna , e la vittima è ubriaca per la legge (continua)

Presa in ostaggio dal compagno

Presa in ostaggio dal compagno
 È una di tante storie di donne che si lasciano andare al loro destino senza avere la consapevolezza che quello che stanno vivendo non è amore. Donne che si lasciano picchiare perche paurose e senza il coraggio di affrontare l’uomo violento possessivo. Possessione amore non hanno nulla a che vedere con l’amore. Un uomo che usa violenza sulla mamma di suo figlio no (continua)

Assenteismo piaga del pubblico impiego

Assenteismo piaga del pubblico impiego
 Abbiamo chiesto a Gianluca Santoni Investigatore e consulente esterno del pubblico impiego   Andava al lavoro al mattino presto nell'ospedale di Campi Salentina (Lecce) in cui aveva l'incarico di direttore medico, ma poche ore dopo, senza certificare l'assenza passando il badge nell'apposito lettore, si allontanava per svolgere faccende private, e in particolare per occuparsi del suo (continua)

Se la famiglia si scioglie

Se la famiglia si scioglie
 Per la Società Italiana Scienze Forensi, però, non ci sarebbero dubbi: l’affidamento materialmente condiviso (il cosiddetto physical joint custody) – che prevede tempi paritetici o equipollenti di frequentazione dei figli, non più di due terzi e non meno di un terzo del tempo con ciascun genitore – va preferito a quello in cui l’affidame (continua)

Siamo tutti genitori

Siamo tutti genitori
    Prima di essere uomo sono padre e ricevere una telefonata come quella che ha ricevuto Simona Ventura alle prime luci dell’alba ti toglie il respiro, e ti affiorano le mille paura che si hanno quando devi crescere dei figli. Sarò giusto sarò sbagliato, sono un buon esempio per loro , sentiranno il mio amore , capiranno mai le mie scelte, e ti corre nelle vene la (continua)