Home > Cultura > Autobiografia di Anna Cimenti

Autobiografia di Anna Cimenti

Autobiografia di Anna Cimenti
Sono nata in una famiglia in cui la musica era molto importante ;gli zii paterni si incontravano per cantare le opere tutti insieme nelle riunioni familiari,i nonni materni appartenevano a una compagnia teatrale (all'epoca era una rarita',si parla del periodo prima della seconda guerra mondiale).All'eta' di 7 anni i miei genitori hanno comperato un "bel mobile antico"che pero' suonava....così il caso ha voluto che io mi avvicinassi allo strumento .A 23 anni ho conseguito il diploma di pianoforte al Conservatorio Pedrollo di Vicenza,ma nel frattempo avevo capito che il canto era sicuramente il mio piu' grande Amore.Mia mamma spesso ricorda l'aneddoto in cui,all'eta' di due anni ,salivo spesso in piedi sulla mia seggiolina ed cantavo in modo liberatorio "Fin che la barca va"...al tempo mio zio,cantante di opera lirica ,aveva suggerito di farmi seguire da qualche insegnante una volta cresciuta.Verso i 18 anni ho cominciato a frequentare gruppi di vario genere: Lenono,gruppo tutto al femminile ,come tastierista,Pollo Band,repertorio blues (Robben Ford ,Chaka khan),SiFaSoul (genere soul funky)Black Jam (acid jazz,funky,soul).Ma avevo bisogno di approfondire anche con lezioni di canto,mi interessava molto conoscere il funzionamento della voce e del corpo.All'eta' di 28 anni ho conseguito l'esame di terzo anno di canto lirico in Conservatorio,anche se all'epoca avevo frequentato gia' workshop con artisti americani jazz quali Sheila Jordan,Nancy Marano,Jay Clayton,Vivian Lord - Alge,Mark Murphy,Rachel Gould e intrapreso studi di Canto Lirico a Treviso presso l'Istituto Manzato sotto la guida di Elisabetta Tandura e poi a Castelfranco (Elisabetta Battaglia).Parallelamente avevo iniziato un corso di Sax Contralto seguita dal maestro Ettore Martin inizialmente e in seguito dal Maestro Robert Bonisolo.Finito il diploma di pianoforte ho frequentato un anno di piano Jazz seguita dal Maestro Paolo Birro.Ma un avvenimento importante ha segnato la mia vita:mentre preparavo il diploma di pianoforte avevo dei terribili dolori alle braccia ed e' stata in questa occasione che sono venuta a conoscenza del Metodo Monari riguardo la consapevolezza corporea che poi nella vita e' stato ispirazione del mio metodo di insegnamanto .Quest'ultimo mi ha permesso di superare i dolori fisici e mi ha dato una conoscenza corporea in grado di aiutarmi in seguito a capire i miei allievi e tutti i loro problemi fisici nell'approccio dello strumento e del canto. In quegli anni cominciano le collaborazioni Dance con varie etichette discografiche,provo l'Accademia di Sanremo,ma mi propongo principalmente come interprete.Un po' delusa dall'ambiente della musica leggera mi dedico solamente all'insegnamento e cresco due bellissimi bambini.Ma in questi ultimi anni mi mancava cantare e cosi mi sono riproposta,non con fini discografici ma perche' e' un mio talento di cui non posso fare a meno .Sento che e' l'eta' giusta per goderne senza aspettarmi niente ed allora eccomi qui a partecipare a questo Contest ,componendo finalmente musica propria e cercando di trasmettere tutto il mio percorso umano ed artistico.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ALTOATESINI NEL TROFEO TOPOLINO A FOLGARIA, MA BARUFFALDI E DELLA MEA SONO “GIGANTI”


Ferrino Ambassador, una nuova sezione del sito dedicata ad alpinisti ed esploratori


TOUR DI PRIMAVERA, DOMENICA IL SECONDO ATTO. IN VALPOLICELLA ANCHE “GIBO” SIMONI


GIIR DI MONT IN DIRETTA SU RAI SPORT. SKYRUNNING “MONDIALE” A PREMANA (LC)


A VERONA CHIUDE IL TOUR DI PRIMAVERA ZEROWIND. GRAN FINALE CON LA GF DAMIANO CUNEGO


AD ARCO (TN) SI CHIUDE LA TRE GIORNI TRICOLORE. NUOVI CAMPIONI ITALIANI CLIMBING GIOVANILE


 

Ieri...

Stesso autore

“PROMUOVI LA TUA MUSICA” AL NUOVO TEATRO SAN PAOLO DI ROMA

“PROMUOVI LA TUA MUSICA”  AL NUOVO TEATRO SAN PAOLO DI ROMA
Annunciate altre due date per il tour di Promuovi la Tua Musica, il contest ideato dalla cantautrice Fanya Di Croce in collaborazione con l'etichetta discografica Smilax Publishing che a fine edizione distribuirà in tutta Italia la compilation con tutte le canzoni vincitrici delle varie tappe. Il contest sta girando lo stivale riempiendo numerosi teatri a sostegno della musica emergente segn (continua)

UOMINI COME NOI IL NUOVO SINGOLO DI MARCO FALCO

UOMINI COME NOI IL NUOVO SINGOLO DI MARCO FALCO
Il cantautore Marco Falco, musicista di professione, dalla provincia di Verona,sarà al teatro San Paolo Città del Vaticano Roma domenica 20 gennaio a presentare il suo ultimo singolo 'Uomini come noi' in occasione della finale del contest nazionale 'Promuovi la tua misica' . Uomini come noi è l'ultimo singolo del cantautore raffinato Marco Falco. Marco è anche impegnato in un tour in diverse cit (continua)

PASQUALE TARTARO "UN NUOVO ALBUM DA SOLISTA"

PASQUALE TARTARO
Pasquale Tartaro classe 1995, da sempre legato profondamente alla musica ,fin da piccolo ,grazie a suo padre e a suo fratello ha acquisito da subito la passione per la musica. La sua prima esibizione pubblica all'età di 13 anni all'interno di una grande festa patronale esibendosi in diverse canzoni classiche partenopee. Pasquale negli anni si è approcciato ad altri stili tipo Urban/Hip Ho (continua)

INTERVISTA ALLA CANTANTE GESSICA DE SANTIS

INTERVISTA ALLA CANTANTE GESSICA DE SANTIS
Come nasce la tua passione per la musica?? Credo che io abbia sempre amato la musica non ricordo un giorno senza musica nemmeno da bambina, solo che per molti anni l ho sempre vissuta senza approfondire. All’età di 20 anni quando poi ho cominciato a prendere lezioni di canto, li la cosa ha cominciato a cambiare e in me è cresciuta la voglia di poter trasmettere attraverso la voce. (continua)

"DEPENNA CAIMANO" LA LEGGERAZZA DI AVERE POCO PIU' DI 20 ANNI


Antonio, Dario e Pietro, sono tre giovani artisti che hanno formato una band chiamata Depenna Caimano la loro musica è proiettata verso il genere indie pop Per la loro giovane età e la loro passione per il trekking, gli piace definirsi il nuovo che avanza. Musicalmente sono cresciuti insieme all’interno del progetto Disthurbia con il quale hanno raccolto le loro prime soddisfazioni: vincit (continua)